Chi erano i figli di Dio e i giganti?

Genesi 6:1-5

Ci sono tre possibili interpretazioni per l'identità dei figli di Dio. Storicamente (già dal libro di 1Enoc nel 200 a.C.), quella più comune è che sono degli angeli caduti. Infatti il termine 'figli di Dio' in ogni altro brano dell'Antico Testamento (Giob 1:6; 2:1; 38:7) significa 'angeli'. È possibilmente sostenuta da 1P 3:19-20, che dice che degli spiriti furono ribelli al tempo di Noè. Ma anche questo è un brano con varie possibili interpretazioni (vedi il commento su 1Pietro 3:19-20), e la natura della ribellione non è specificata da Pietro. Anche 2P 2:4 e Giuda 6 probabilmente si riferiscono a questa interpretazione. Dall'altra parte, ci sono comunque alcuni problemi con questa interpretazione:
1. Gesù insegnò che gli angeli non si sposano (Mc 12:25), ma ciò non esclude necessariamente la possibilità che angeli caduti sposino degli umani. Infatti nel Vangelo, sono gli "angeli nel cielo" che non si sposano; come gli uomini nel cielo non si sposano ma sulla terra sì, forse gli angeli nel cielo non si sposano, ma quelli caduti (sulla terra) possono. Ma in pratica nessuno lo sa.
2. Non si sa se gli angeli, che sono esseri spirituali, possano avere rapporti sessuali con umani. Possono senz'altro prendere la forma umana e interagire con il mondo fisico (ce ne sono tanti esempi nella Bibbia), ma non sappiamo più di questo. Forse gli angeli solo possedettero il corpo di alcuni uomini, come gli demoni al tempo di Gesù. In quel caso, il risultato sarebbe come la terza interpretazione qui sotto.
3. Non è chiaro perché l'umanità fu punita in Gen 6:3 per il peccato degli angeli, solo che forse le donne che hanno sposato gli angeli non erano senza colpa nel matrimonio.

Un'altra interpretazione è che i 'figli di Dio' erano i discendenti di Set, che seguivano Dio (perché l'Antico Testamento chiama a volte i seguaci di Dio i suoi figli, anche se il termine 'figli di Dio' non è mai usato di loro), mentre le 'figlie degli uomini' erano i discendenti di Caino, che si allontanavano da Dio. Cioè, ci furono dei matrimoni misti fra i seguaci di Dio e i non seguaci di Dio, con il risultato naturale non del miglioramento delle donne empie, ma dell'abbassamento del comportamento degli uomini pii. Però, sarebbero usi strani dei termini 'figli di Dio' e 'figlie degli uomini', soprattutto quando "uomini" nel primo versetto significa tutti gli uomini e non solo una parte. È anche difficile capire perché i figli di tali coppie erano dei giganti e più potenti delle altre persone, come dice Gen 6:4.

La terza interpretazione è che 'figli di Dio' era un titolo usato per dei re ed altri nobili, e che loro sposavano tutte le donne che volevano. Cioè, Gen 6:2 descrive il peccato di poligamia, mentre Gen 6:5 descrive l'ingiustizia di questi re tiranni. Il racconto di Lamec (Gen 4:19-24) in questo caso diventerebbe parallelo: descrive un poligamo malvagio. Vedi il commento su Genesi 4:19.

Per quanto riguardo i giganti, tre parole sono usate in Gen 6:4. Una è nefilim. L'unica altra volta che è usata nella Bibbia è in Num 13:33, dove descrive i figli di Anac, che erano più grandi delle spie degli Israeliti (vedi anche Dt 1:28; 9:2). Non erano della stessa razza dei nefilim in Genesi, perché quelli ai tempi di Noè furono distrutti dal diluvio. Quindi la traduzione 'giganti' è giusta, ed erano uomini più alti di normale, anche se non possiamo dire quanto. Erano anche uomini potenti (o degli eroi) e famosi. Sembrano di essere dei giganti che furono guerrieri importanti, che erano comuni nella mitologia dell'antichità. Per i giganti posteriori, vedi il commento su 2Samuele 21:15-22.