La punizione di Uzza non era troppo grave?

2Samuele 6:6-7

Durante il trasferimento dell'arca del patto a Gerusalemme, l'arca stava per cadere dal carro che la trasportava, e Uzza stese la mano per reggerla. Subito l'ira di Dio si accese contro Uzza e lo uccise per quell'empietà. Anche se Uzza agì per buoni motivi e il suo desiderio era di fare qualcosa di buono (proteggere l'arca), lo fece in modo sbagliato. L'arca rappresentava la dimora di Dio in mezzo al popolo israelita, e in quanto un oggetto santo non poteva essere contaminato da oggetti impuri, senza i riti di purificazione dati da Dio a Mosè. Toccare l'arca era quindi disprezzare la santità di Dio, e quindi un atto empio che il Dio santo e perfetto non può sopportare. È anche una lezione per noi, che buone intenzioni non bastano se non ci avviciniamo a Dio nel modo che lui ha stabilito.

Per un caso simile, vedi il commento su 1Samuele 6:19-20.