Come era il re Abbia?

1Re 15:3

1Re 15:3 dice che Abbia "si abbandonò a tutti i peccati che suo padre aveva commessi prima di lui, e il suo cuore non fu tutto quanto per il Signore, suo Dio". Eppure in 2Cr 13:4-22 fa un discorso contro l'idolatria, e afferma di non aver abbandonato Dio. Ma non si contraddicono, perché in generale è possibile (e comune) avere una vita di peccato, ma in certi momenti pensare a Dio - 1Re 15:3 non dice che il suo cuore non era mai per Dio, ma che non fu tutto quanto per Dio. In modo particolare, questo discorso non rivela molto del suo cuore. È un discorso per scoraggiare il nemico, in cui vuole affermare che Dio è con lui e non con il nemico, anche se il cuore del re non era per Dio. Inoltre, è chiaro dal discorso che il re si fidava del fatto che aveva la discendenza di Davide, i sacerdoti, e i sacrifici. Che era tutto vero, anche se peccava e il suo cuore non era per Dio. È simile a qualcuno oggi che pensa di essere apposto con Dio perché abita in un paese cristiano, fa parte di una famiglia che è sempre stata cristiana (magari con qualche prete o suora), e forse va spesso in chiesa, eppure il cuore non è tutto quanto per Dio. È sbagliato pensare così ed è contraddittorio, nel senso di incoerente, ma non è impossibile, anzi è molto comune.