Chi era Melchisedec?

Genesi 14:18-20

L'incontro di Melchisedec con Abraamo è raccontato in Gen 14:18-20, e poi ci sono riflessioni su questo personaggio in Sal 110:4; Ebr 5:6-10; 6:19-7:28. La maggiore parte del racconto di Genesi non è difficile da capire. Melchisedec era il re di Salem, cioè Gerusalemme, ma anche un sacerdote di Dio. Potrebbe sembrare strano che ci fossero adoratori, ed addirittura sacerdoti, di Dio, fuori della famiglia di Abraamo, che era scelto per essere l'antenato di tutto il popolo di Dio. Ma a quel punto della storia, quando la testimonianza di Noè e dei suoi figli era ancora viva, il vero Dio era ancora conosciuto, anche fra le altre nazioni che per lo più erano idolatri, per cui non era impossibile che ci fossero anche dei sacerdoti del Dio altissimo. Anche Ietro (Es 2:16; 3:1; 18:2) e forse Giobbe non erano Israeliti ma adoravano il Dio d'Israele. In quanto sacerdote del Dio altissimo, Melchisedec offrì ad Abraamo un pasto di onore (come 1Sam 16:20, non il solito pane e acqua) lo benedisse e ringraziò Dio per aver dato la vittoria ad Abraamo. Come risposta, Abraamo gli diede la decima di ogni cosa (probabilmente del bottino).

Le riflessioni sul personaggio negli altri brani possono essere più difficili da comprendere. Nel Salmo 110, Davide parla del suo "signore", che Dio stabilisce alla sua destra per dargli ogni autorità. In Sal 110:4, Dio lo nomina anche un sacerdote in eterno, secondo l'ordine di Melchisedec. Questo è radicale, perché un re non poteva essere un sacerdote in Israele, e diversi re furono puniti per la presunzione di entrare nella parte del tempio riservata ai sacerdoti. Ma Davide, riflettendo su Gen 14:18-20, capisce che è possibile essere un re e un sacerdote, perché Melchisedec lo era. Se il suo signore avrà autorità completa su ogni re, se sarà supremo in ogni modo, dovrà essere anche un sacerdote di Dio - non un sacerdote secondo l'ordine di Levi, che era proibito, ma un sacerdote come Melchisedec.

Ebr 5:6-10 afferma che questo re supremo che è stato proclamato sacerdote secondo l'ordine di Melchisedec è infatti Gesù. Ebr 7:1-3 ribadisce i fatti raccontati in Gen 14:18-20, spiegando anche che il suo nome vuol dire 're di giustizia', e che siccome Salem vuol dire 'pace', era anche re di pace. Poi dice che Melchisedec era "senza padre, senza madre, senza genealogia, senza inizio di giorni né fin di vita". È meglio interpretare questa frase che era senza queste cose nel racconto biblico, non che letteralmente non le aveva. Perché tutti i personaggi importanti dell'Antico Testamento avevano una genealogia. E soprattutto tutti i sacerdoti secondo l'ordine di Levi. Senza genealogia, senza prova di essere un discendente di Levi, non si poteva essere un sacerdote (Ne 7:61-65). Inoltre, siccome la fine del sacerdozio di Melchisedec non è raccontata, vale ancora, e il sacerdozio rimane in eterno. In questo era simile al Figlio di Dio. Cioè, era un simbolo o un tipo che il Signore Gesù adempì. L'autore della lettera agli Ebrei prosegue dimostrando che Melchisedec era superiore ad Abraamo e Levi (Ebr 7:4-10), che il fatto che Gesù era dell'ordine di Melchisedec significava che c'era una nuova legge, perché era diventato sacerdote non per la sua discendenza da Levi (come diceva la vecchia legge) ma per la sua vita indistruttibile (Ebr 7:11-19) e per il giuramento da parte di Dio (Ebr 7:20-22). Inoltre, siccome Gesù è perfetto e eterno, lui è l'unico dell'ordine e non servono altri sacerdoti (Ebr 7:23-28).

Alcuni invece ritengono che Melchisedec fosse il Figlio di Dio, prima della sua incarnazione. Non è impossibile, ma non credo che sia giusto. Anche se il Figlio poteva apparire a persone nell'Antico Testamento, sembrerebbe strano che lui vivesse come re e sacerdote, invece di apparire per un breve tempo e poi sparire di nuovo. Inoltre, Sal 110:4 afferma che il Figlio era dell'ordine di Melchisedec, non che era Melchisedec, mentre Ebr 7:3 dice che erano simili in alcuni modi e non che erano identici.