Chi è l'angelo del Signore?

Genesi 16:7-11

L'angelo del Signore apparve per la prima volta a Agar in questo brano. Poi apparve anche ad Abraamo quando non sacrificò Isacco (Gen 22:11-18), a Mosè al pruno ardente (Es 3:2), a Balaam (Num 22:22-35), ad Israele (Giudic 2:1-4), a Gedeone (Giudic 6:11-23), a Manoà e sua moglie (Giudic 13:3-21), a Davide (2Sam 24:16-17; 1Cr 21:12-18,30), ad Elia due volte (1Re 19:5-7; 2Re 1:3,15); vedi anche Giudic 5:23; 2Re 19:35; Is 37:36; Sal 34:7; 35:5-6; Zac 1:11-13; 3:1-6; 12:8. Anche nel Nuovo Testamento ci sono diversi riferimenti ad "un angelo del Signore" invece di "l'angelo del Signore", per cui è probabilmente un angelo qualsiasi e non uno specifico. Ma chi è?

È difficile parlare con certezza dell'identità di questo angelo, in parte perché nei diversi brani elencati nel paragrafo precedente è descritto in modi diversi. La risposta più probabile è che l'espressione "l'angelo del Signore" si riferisce a diverse persone, e bisogna decide in ogni caso dal contesto. A volte, sembra di essere Dio stesso, per esempio in Gen 16:7-11 (perché Gen 16:13 dice che il Signore aveva parlato con Agar) e Giudic 2:1-4. In questi casi è praticamente una descrizione di Dio quando si manifesta in forma umana. Dall'alto lato, più spesso l'angelo del Signore è diverso dal Signore: questo è più chiaro in Num 22:31; 2Sam 24:16-17; Zac 1:12-13. In questi casi, l'angelo del Signore sembra un rappresentante particolare di Dio, forse un angelo speciale. (In 1Re 19:5-7 è presentato come un angelo qualsiasi, prima di essere chiamato l'angelo del Signore.) Altri brani sono più complicati. Per esempio in Giudic 6:11 sembra un angelo normale che parla con Gedeone, e in Giudic 6:12 parla del Signore nella terza persona. Ma poi in Giudic 6:14-18 è il Signore stesso che sta parlando con Gedeone, parlando del Signore nella prima persona in Giudic 6:16. Poi di nuovo è l'angelo del Signore (una volta "di Dio") che gli parla Giudic 6:20-21. Poi Gedeone capisce di aver parlato con l'angelo del Signore, ma dice a Dio che pensava di morire perché ha visto l'angelo del Signore faccia a faccia in Giudic 6:22 - una risposta di solito quando si vede Dio e non un angelo. Poi infine il Signore gli parla in Giudic 6:23.

Alcuni prendono tutti questi dati, e ne deducono che l'angelo del Signore è il Figlio, cioè Gesù prima della sua incarnazione. Lui è il Signore (nel senso della divinità), ma può anche essere descritto in un rapporto con il Signore (nel senso del Padre, da cui è distinto). Il fatto che è descritto come 'angelo' non è un problema, perché la parola 'angelo' vuol dire 'inviato' o 'messaggero', e forse il testo usa la parola per descrivere il suo ruolo e non la sua identità, cioè non è un angelo creato ma portatore di un messaggio da Dio. Personalmente, penso che questa conclusione sia possibile, ma che non è abbastanza chiaro nella Bibbia per esserne certi. L'altra possibilità è che l'angelo del Signore si riferisce a figure diverse (Dio stesso, un angelo speciale, o un angelo normale) nei diversi brani.