Dobbiamo o non dobbiamo rispondere allo stolto secondo la sua follia?

Proverbi 26:4-5

Questi due proverbi danno consigli contraddittorie, per cui sembra che uno per forza debba essere sbagliato. Ma dobbiamo tener conto del genere letterario dei testi che leggiamo. Proverbi è un libro di, appunto, proverbi. Come in italiano, un proverbio non era una legge universale per descrivere come e perché tutto succedeva, ma un'osservazione generale sul mondo. Ci vuole saggezza per sapere come esattamente mettere in pratica i proverbi in una particolare situazione. Infatti Pr 26:7,9 dicono proprio questo: un proverbio non è utile, anzi ci fa male, se non abbiamo la saggezza per usarlo nel modo giusto. Nel caso di questi due proverbi, a volte non conviene rispondere allo stolto, perché (dice Pr 26:4) somiglieremmo allo stolto se entrassimo nei suoi ragionamenti. Ma altre volte conviene rispondere allo stolto, perché (dice Pr 26:5) se non è corretto potrebbe pensare di aver ragione. Ogni volta che sentiamo un'affermazione stolta, dobbiamo valutare (con saggezza) se la conseguenza di una nostra risposta sarà quella descritta in Pr 26:4 oppure quella in Pr 26:5, e usare il proverbio appropriato per la situazione. Se non abbiamo la saggezza per determinare quello che dobbiamo fare, possiamo usare Giac 1:5.