Dio è invisibile, oppure è stato visto?

Giovanni 1:18

Giovanni dice che, "Nessuno ha mai visto Dio; l'unigenito Dio [cioè il Figlio Gesù Cristo], che è nel seno del Padre, è quello che l'ha fatto conoscere" (vedi anche 1Tim 1:17; 6:16). Questo va inteso nel senso di conoscere completamente, diversamente dagli esempi di vedere Dio nell'Antico Testamento. Per esempio, Mosè vide Dio da dietro, proprio perché non si poteva guardare il suo volto (Es 33:21-23). Quindi in un certo senso lo vide, ma non nel senso di Giovanni 1:18. Infatti è implicito nella seconda parte di Es 33:20 ("l'uomo non può vedermi e vivere") che in quel senso non l'abbia visto, siccome Mosè sopravvisse. Similmente, Mosè e alcuni anziani "videro" Dio in Es 24:9-11. Sembra che anche qui ci fosse una visione limitata di Dio, dei suoi piedi e il pavimento (come Dt 4:15 dice che gli Israeliti non videro nessuna figura di Dio a Sinai). Senza dubbio Giovanni pensava a questi eventi, che diedero solo una conoscenza parziale di Dio, perché nel versetto precedente (Gv 1:17) dice che Mosè poté rivelare solo la legge di Dio, mentre Gesù che veramente conosceva Dio rivelò la grazia e la verità.

Nello stesso modo, alcuni profeti videro solo il "bordo" di Dio, con qualche idea della sua grandezza (Is 6:1-5; Ez 1:26-28; Dan 7:9-10), ma non videro Dio nel senso di cui Giovanni parla. Spesso anche videro Dio in visione, non in realtà: Dio mandò una rappresentazione visiva di se stesso. Giacobbe affermò di aver visto Dio faccia a faccia (Gen 32:30), ma sembra di essere in senso metaforico - "faccia a faccia" vuol dire personalmente, non necessariamente vedere la faccia. Il resto del testo non dice che vide Dio quando lottò con lui. Similmente in Giudic 13:22 Manoà pensava di aver visto Dio, ma in realtà era un angelo del Signore. Anche Es 33:11 è un modo di dire per 'parlare amichevolmente', non come si videro; forse anche Giacobbe in Gen 32:30 intendeva questo senso.

Il fatto che nessuno aveva mai visto Dio prima di Gesù non toglie la possibilità che altri lo potranno vedere nel futuro. Quando il nostro peccato è rimosso, saremo in grado di guardare Dio faccia a faccia senza morire (Mt 5:8; 1Cor 13:12; 1G 3:2; Ap 22:4). Questo fatto può anche spiegare Is 6:1-6: Isaia sapeva di dover morire per aver visto Dio benché peccatore (Is 6:5), ma ricevette il perdono da Dio (Is 6:6), per cui non era più necessario che morisse.