Chi può perdonare e ritenere i peccati degli altri?

Giovanni 20:23

In primo luogo, è solo Dio che può perdonare i peccati, un fatto che è forse implicito nell'uso del passivo "saranno perdonati, ritenuti". Ma gli 11 apostoli avevano un ruolo in questo perdono, anche se è un ruolo secondario. Infatti i verbi non solo sono passivi ma anche perfetti: letteralmente "di chiunque perdonate/ritenete i peccati gli saranno stati perdonati/ritenuti" oppure "stanno in uno stato di perdono, stanno perdonati". Il perdono divino viene prima dall'azione degli apostoli. Diversamente dal brano simile in Matteo 18:18, che è nel contesto della disciplina della chiesa, qui siamo nella missione (Gv 20:21) con l'aiuto dello Spirito Santo (Gv 20:22). In questo senso, il perdono (o non) dei peccati è il risultato della predicazione del Vangelo. Il Vangelo porta le persone al ravvedimento e così ricevono il perdono di Dio, oppure le lascia con i peccati ritenuti se non si ravvedono. Chi è mandato dichiara che chi crede in Gesù è perdonato. Questo mandato, con conseguente ruolo nel perdono dei peccati, era originalmente degli apostoli, ma ora tocca a tutti i Cristiani, siccome tutti sono stati mandati nel mondo e hanno ricevuto lo Spirito Santo per la loro testimonianza.

Vedi i commenti su Matteo 16:19; Matteo 18:18.