Dio è giusto?

Romani 9:11-18

Ci sono diversi esempi in questo brano che potrebbero far pensare che Dio non sia giusto. Per esempio, scelse Giacobbe e non Esaù senza che facessero niente, e ha misericordia di chi vuole e indurisce chi vuole. La risposta è che dobbiamo usare la definizione corretta di "giusto". Se usiamo "giusto" non senso legale della giustizia, che Dio deve trattare tutti in modo uguale, esattamente come meritano, condannando i colpevoli e liberando gli innocenti, Dio non è giusto. E non può essere così. Se Dio fosse costretto a comportarsi in un certo modo dal concetto di giustizia in questo senso, non sarebbe più Dio in quanto non supremo, dovendosi sottomettere a questa giustizia. Anche mettere in dubbio la giustizia di Dio è sbagliato (come in Rom 9:20-21), perché significa che noi sappiamo quello che è giusto e sbagliato, e lo sappiamo meglio di Dio per essere in grado di giudicarlo. Invece noi abbiamo una comprensione molto limitata di Dio e delle sue opere (Rom 11:33-34).

Quando la Bibbia parla della giustizia di Dio, significa che si comporta in modo giusto o corretto, che in un modo coerente con il suo carattere. Quindi agisce in modo libero da ogni influenza, per essere riconosciuto come Dio, e contro ogni cosa che non riconosce che è Dio. Siccome tutti peccano e sono privi della gloria di Dio (Rom 3:23, che Paolo ha stabilito nei primi capitoli di Romani), tutti riceverebbero solo la condanna se Dio agisse secondo la giustizia legale. Lasciati soli, senza essere rigenerati da Dio, scegliamo tutti di non sottometterci al regno di Dio su di noi.

Quindi Esaù non si può lamentare di non essere stato scelto, come pure ognuno di noi. Se siamo condannati, è completamente giusto, in ogni senso della parola. La condanna è quello che meritiamo. Nel caso del faraone, notiamo che Dio lo indurì solo dopo che il faraone si era indurito, anche se c'è la promessa dell'indurimento da parte di Dio in Es 4:21; 7:3. Però la prima volta che Dio lo indurì e in Es 9:12, dopo che il faraone si era indurito in Es 7:13-14,22; 8:15,19,32; 9:7. In ogni caso, come ogni umano, si era indurito contro Dio molti anni prima, quando era piccolo. Quindi Dio indurì qualcuno che era già colpevole e condannato, e il faraone rimase responsabile per le sue azioni. (Il caso dei figli di Eli è simile 1Sam 2:25.) Questo indurimento da parte di Dio fu una sua scelta libera (Rom 9:18) - avrebbe potuto non indurire faraone facendogli misericordia, ma non volle. Dio usa delle persone colpevoli per compiere i suoi propositi (Rom 9:17 = Es 9:16), ma anche in questo le persone rimangono responsabili mentre Dio rimane innocente di essere responsabile per qualsiasi male.

Dio quindi poteva lasciare tutti condannati. Ma per rimanere giusto (al suo carattere) e per salvare alcuni, Dio ha mandato Gesù Cristo come sacrificio per il perdono dei peccati (Rom 3:24-26). Nella sua misericordia (che era giusto che Dio mostrasse), salva alcuni che non lo meritano, cioè non in base a quello che fanno, per esempio Isacco. Dio è ingiusto quando fa così? Nel senso legale, sì. E dobbiamo glorificare Dio per questo, perché lui è rimasto giusto al suo carattere. Dobbiamo glorificare Dio, perché tutto dipende completamente da lui, e non da qualsiasi cosa che noi facciamo (Rom 9:16).

La domanda che segue naturalmente a questo punto è perché Dio non ha deciso di salvare tutti. Paolo ne dà la risposta in Rom 9:19-23, cioè per mostrare ancora di più il suo carattere e la sua grandezza. Se tutti fossero salvati, non conosceremmo la grandezza della sua ira (e quindi della sua santità), né apprezzeremmo la sua misericordia (se fosse versata a tutti, sembrerebbe quasi una cosa automatica o scontata).

Sull'indurimento da parte di Dio, vedi i commenti su Isaia 6:9-10; Matteo 13:13-15.

Per la questione di come il Dio di amore poteva odiare Esaù (Rom 9:13), vedi il commento su Malachia 1:3.