Cosa significa consegnare qualcosa a Satana?

1Corinzi 5:5

Come atto di disciplina contro qualcuno della chiesa colpevole di fornicazione grave, Paolo disse che il fornicatore doveva essere rimosso dalla chiesa (1Cor 5:2,7,13) e consegnato a Satana per la rovina della sua carne, affinché il suo spirito fosse salvato quando Gesù ritornerà. La stessa frase è usata in 1Tim 1:20. L'espulsione dalla chiesa è la tipica punizione di qualcuno che dice di essere Cristiano (ma non di quelli di fuori 1Cor 5:9-13) ma non si comporta come tale e non si ravvede (Mt 18:15-17). "Consegnare a Satana" dovrebbe avere questo senso metaforico di espulsione dalla chiesa, perché un senso letterale significherebbe che la persona sarebbe completamente persa, eppure Paolo parla della salvezza del suo spirito. Questo senso metaforico ha senso, perché la maggior parte delle benedizioni spirituali di Dio viene trasmessa attraverso la chiesa (per essere la predicazione, l'esortazione reciproca, la comunione e servire Dio), e la persona sarebbe più aperta agli attacchi di Satana. Lo scopo di questa disciplina è duplice: la rovina della carne e la salvezza dello spirito. La distinzione qui fra carne e spirito non è fra il corpo e lo spirito della persona, ma fra la natura peccaminosa e la natura rinnovata (come spesso in Paolo). Così Paolo vuole, con l'espulsione dalla chiesa, che la persona si renda conto della sua situazione (a causa delle benedizioni spirituali che perde, ed anche le conseguenze del suo comportamento peccaminoso), si ravveda e ritorni a Dio e alla chiesa, così distruggendo il peccato in lui e salvando l'uomo nuovo che è dentro di lui. In 1Tim 1:20 lo scopo della consegna a Satana è simile: per insegnare a non peccare più.

iqh08c - 6ggped - rgs1k9 - ykbz2j - xgafrz - 4rsa7i - 818x2o - x2qvgn