Le donne sono veramente salvate partorendo figli?

1Timoteo 2:15

Il senso naturale delle parole in questo versetto dà un senso impossibile alla frase, cioè che ogni donna è salvata perché partorisce figli. È impossibile perché significherebbe che un atto umano è un mezzo per la salvezza, un mezzo che non tutte le donne possono neanche fisicamente adempire. Ciò sarebbe contrario a tutto quello che la Bibbia dice, anche a quello che Paolo aveva detto qualche riga prima (1Tim 1:15-16; 2:3-6). Per questo motivo una o più parole del versetto dovrebbero avere un senso secondario. In modo particolare, "salvata" potrebbe essere nel senso spirituale (il senso naturale della parola), oppure salvata da qualche pericolo fisico, mentre "partorendo figli" (letteralmente, "tramite l'atto di partorire") potrebbe avere il senso naturale, oppure riferirsi alla nascita del Cristo. Un altro fatto da notare è che nel greco il verbo "sarà salvata" è singolare, mentre "persevererà" è in realtà plurale, cioè "persevereranno".

Le possibilità quindi sono:

1) salvezza materiale, parto normale

Cioè, le donne non saranno in pericolo quando partoriscono, se continuano nella fede. Questo è collegato con 1Tim 2:14 (come richiesto dalla parola "tuttavia" all'inizio del versetto) dal fatto che una delle conseguenze della caduta di Eva era che i parti sono diventati dolorosi (Gen 3:16). Il problema con questa interpretazione è che l'esperienza ci insegna diversamente: donne pie a volte muoiono nel parto, e donne senza fede possono non avere problemi.

Un'altra interpretazione di questo tipo ipotizza che alcuni ad Efeso insegnavano che le donne dovevano lasciare i loro ruoli nella casa e soprattutto come madri. Paolo poi direbbe in questo versetto che le donne, se continuano a partorire, saranno salve da questo falso insegnamento e dalle sue conseguenze fisiche e psicologiche. Ma non c'è evidenza per questo falso insegnamento, tranne forse 1Tim 4:3. Sembra anche che Paolo non abbia mai usato "salvezza" in questo senso, diceva invece 'liberazione' dai pericoli.

2) salvezza spirituale, parto del Cristo

In questa interpretazione, il singolare della prima parte di 1Tim 2:15 ha lo stesso soggetto dell'ultima parte di 1Tim 2:14, cioè Eva. Eva fu creata secondo (Gen 2:18-25; 1Tim 2:13), fu sedotta (Gen 3:1; 1Tim 2:14) e cadde (Gen 3:6; 1Tim 2:14), ma poi Dio disse che la progenie della donna avrebbe schiacciato il diavolo (Gen 3:15; 1Tim 2:15). Siccome in questo paragrafo Paolo parla di Eva come analogia della situazione delle donne nella chiesa, nella seconda parte di 1Tim 2:15 ritorna al plurale per dire che similmente le donne possono essere salvate, ma devono avere fede e modestia (la stessa parola usata in 1Tim 2:9). La fede, l'amore e la santificazione non sono le cause della loro salvezza; la causa rimane il Cristo, come per Eva. Ma sono la condizione: le donne (come tutti) devono mostrare che hanno ricevuto la salvezza di Gesù Cristo accettandola per fede e vivendo come conseguenza in amore e santificazione.