L'uomo è giustificato (salvato) per fede soltanto, o per opere?

Giacomo 2:14-26

Giacomo parla di due tipi di fede in questo brano - anche se in realtà c'è soltanto un tipo di fede, l'altro tipo non è affatto fede. Il primo tipo è la fede nel senso di assenso intellettuale, avere fede di Dio nel senso di credere che Dio esista. Questa è la fede che i demoni hanno (19). È una fede che non produce opere, e che non salva (14-16). È una fede morta, senza valore (17,20,26). Non è veramente fede. Infatti, Giac 2:14 parla di qualcuno che dice di aver fede, mentre in realtà Giacomo non crede che abbia fede affatto. La vera fede è mostrata e resa completa dalle opere (Giac 2:18,22). Cioè, la fede viene prima, e poi produce le opere. Senza queste opere, è ovvio che abbiamo la fede solo del primo tipo, che non è veramente fede, e che non siamo salvati.

Questa interpretazione è confermata dall'esempio di Abraamo in questo brano. Considerando i versetti in ordine cronologico, in Giac 2:23 Abraamo credette a Dio, e ciò gli fu messo in conto come giustizia, cioè lui fu giustificato nel senso teologico di essere salvato e di diventare amico di Dio. Tutto questo succedette in Gen 15. In Giac 2:21, più di 20 anni dopo Dio mise Abraamo alla prova chiedendogli di sacrificare suo figlio Isacco (in Gen 22). Siccome Abraamo ubbidì (anche se alla fine Dio non richiese il sacrificio), da questa opera Abraamo fu giustificato, nel senso comune di dare un motivo, dimostrare che qualcuno aveva ragione ed era nel giusto. Infatti lo scopo della prova era di rivelare quanto Abraamo temeva Dio (Gen 22:12). Questo senso di 'giustificare' è confermato da Giac 2:18, in cui la fede è mostrata dalle opere; è una giustificazione davanti agli uomini e non davanti a Dio. Cioè, la fede, dopo che si diventa amici di Dio, agisce producendo opere, che la rendono completa (Giac 2:22). In oltre parole, la giustificazione di Abraamo quando credette fu giustificata dalle sue opere. In questo senso, siamo giustificati (viene dimostrato che abbiamo un vero rapporto di Dio) dalle opere che la fede salvifica produce (Giac 2:24).

L'apostolo Paolo nel suo insegnamento è d'accordo con tutto questo. I versetti in cui afferma più chiaramente che siamo salvati mediante la fede e non le opere (Ef 1:8-9) sono seguiti dalla dichiarazione che "siamo stati creati in Cristo Gesù per fare le opere buone, che Dio ha precedentemente preparate affinché le pratichiamo" (Ef 1:10). Cioè, prima la fede, e poi le opere. Dopo avere esposto la salvezza per fede nei primi quattro capitoli di Romani, risponde alle domande ipotetiche, "Rimarremo nel peccato?" e "Peccheremo perché siamo sotto la grazia?" con un chiaro "No di certo!" (Rom 6:1-2,15). Poi spiega che dobbiamo morire al peccato ed essere servi di Dio (Rom 6:3-14,16-23) e poi per quattro capitoli spiega come comportarsi come sacrificio vivente a Dio (Rom 12-15). In Colossesi, ci sono esortazioni del tipo: "se dunque siete stati risuscitati con Cristo, cercate le cose di lassù", "fate dunque morire ciò che in voi è terreno" e "rivestitevi, dunque, come eletti di Dio, santi e amati, di sentimenti di misericordia, di benevolenza" (Col 3:1,5,12). Vedi anche Tit 3:5,8. Anche riguardo ad Abraamo è d'accordo, citando lo stesso versetto (Gen 15:6) per dimostrare che Abraamo fu salvato per sola fede, e solo dopo ci furono le opere, per esempio la circoncisione come sigillo della giustificazione (Rom 4).

Vedi il commento su Matteo 10:22.

Quando capiamo che Giacomo usa le parole "fede" e "giustificare" in diversi sensi, che non sono sempre i sensi in cui Paolo le usa, la difficoltà del brano a causa del confronto con Paolo scompare. In realtà, è un brano difficile per un altro motivo: è una forte condanna di quelli che si chiamano Cristiani e che credono in Dio, ma che non si impegnano completamente di fare le opere che una tale fede dovrebbe produrre (che sono descritte nel resto della lettera di Giacomo). Dovrebbe creare difficoltà per noi quando riflettiamo sulla nostra vita. Forse adesso abbiamo capito il brano. Ma siamo stati spinti ad aiutare i bisognosi? Se non, siamo come i demoni (Giac 2:15-19).