10 motivi per cui io credo che la Bibbia è la Parola di Dio

10. Il suo messaggio di Cristo

Veniamo ora ad un'evidenza più importante e convincente che Dio è davvero l'autore di questo libro. Quasi tutti sanno che la Bibbia si occupa molto della descrizione della persona e dell'opera della persona senza pari, il Signore Gesù Cristo. Non è possibile che lui sia il prodotto della mente umana perché è molto al di sopra di tutta l'umanità. La sua vita è senza paralleli in tutte le pagine della storia. Nessun uomo ha mai parlato come lui parlò. Né ha un uomo fatto azioni così potenti. È il Figlio dell'uomo. Lui sta interamente da solo. È il Figlio dell'uomo... È il Cristo di Dio.

E la Bibbia è il suo libro. Dalle prime pagine di Genesi fino alle ultime parole di Apocalisse, la Bibbia racconta la sua vita, il suo carattere, la sua opera e il suo destino. Ogni pagina parla di lui. È lui che tiene la Bibbia unita. Qualcuno ha giustamente detto che se non vedi il ritratto di Cristo su ogni pagina delle Scritture, hai perso il motivo per cui il libro è stato scritto. Cristo e la Bibbia sono collegati e non possono essere divisi. Perché lui è sicuramente il Cristo della Bibbia, e la Bibbia è per sempre il libro di Cristo. Lui è la Parola vivente, e la Bibbia è la Parola scritta.

I libri degli uomini raccontano la vita e le azioni di altri uomini. Altri ancora ci presentano personaggi inventati. Ma tutti questi personaggi giungono solo al livello del pensiero umano. La letteratura non può alzarsi più in alto della sua fonte. Ma la persona di Cristo è più alta. Nessuna nella storia o nella letteratura è come lui. Qualcuno ha detto, "Se la persona di Gesù Cristo fosse meramente il risultato dell'immaginazione di qualcuno, dovremmo certamente inginocchiarci e adorare quella persona, perché lui sarebbe il più grande miracolo della terra, perché ci vorrebbe un Gesù per creare un Gesù".

Così questo libro, che ha un grande protagonista che è infinitamente al di sopra di quello che una persona potrebbe produrre, non può essere spiegato da leggi naturali. Quindi lui è più di un uomo, e la Bibbia è il suo libro. Lui dimostra la Bibbia, e la Bibbia dimostra lui.

Cristo è anche il grande tema centrale della profezia biblica. Quando agli scrittori veggenti dell'antichità fu permesso di aprire la tenda del tempo e di dare un'occhiata in avanti nella storia non ancora vissuta, videro che gli eventi del futuro avevano a che fare principalmente con lui. E così scrissero. Mosè guardò e vide sia la sua morte sia la sua incoronazione (Deuteronomio 18:15-19). Davide scrisse dei dolori della croce, eppure vide anche che un giorno le persone si sarebbero rivolte a lui (Salmo 22).

Isaia, scrivendo intorno al 700 a.C., vide l'angoscia della tragedia di Calvario (Isaia 53). Zaccaria raccontò per lo più delle benedizioni che vengono ad Israele ed attraverso loro al mondo nell'era del millennio (Zaccaria 14). Altri scrittori dell'Antico Testamento scrissero di Cristo, aggiungendo un po' qua e un po' là, fino a quando il quadro profetico era completo.

Poi c'è un periodo di 400 anni di silenzio prima dell'inizio del Nuovo Testamento. Ma i due Testamenti compongono uno solo libro, perché il Cristo dell'Antico è il Cristo del Nuovo. Quello che Mosè, Davide, Isaia e Zaccaria scrissero è adempiuto in dettaglio negli eventi della nascita, vita, morte e risurrezione di Cristo. Vediamo che l'Antico Testamento è la preparazione, mentre il Nuovo ne mostra la realizzazione. La verità contenuta in tutti e due i Testamenti è coerente, unita e progressiva, perché Cristo è il grande tema comune.

Altri libri sacri di popoli antichi contengono moralità e saggezza, in parte di valore e consigliabili. Questi libri sacri raccontano di persone che vissero con benevolenza e amore. Alcuni addirittura morirono come martiri. Ma nessun altro libro fuori della Bibbia parla di uno che morì e risuscitò. Per quanto riguardo la risurrezione di Gesù Cristo, la Bibbia sta completamente da sola. Senza apologia, senza esitazione, le Scritture dicono chiaramente che tre giorni dopo la sua morte, Cristo risorse trionfalmente dalla tomba. Questo miracolo senza paralleli è sia profetizzato sia adempiuto nelle pagine della Bibbia. Inoltre, a causa del modo in cui la Bibbia racconta la risurrezione, è uno dei fatti più autenticati della storia.

Alla Bibbia piace parlare della persona e dell'opera di Cristo in tipi. Un tipo è un esempio, una figura, un modello. Ripetutamente la persona di Cristo, i suoi attributi e i suoi atti sono mostrati con tipologia. Molti uomini nelle Scritture sono tipi di Cristo. Per esempio, Adamo è un tipo di Cristo in quanto tutti e due sono padre e rappresentante di una razza umana (Romani 4:12-21). Adamo è il capo della vecchia stirpe, Cristo di quella nuova.

Isacco è un tipo di Cristo mostrandolo come Agnello di Dio che toglie il peccato del mondo (Genesi 22). Davide è un tipo sottolineando la pace che accompagnerà il regno futuro di Cristo (2Samuele 7:12-17).

Anche oggetti biblici sono tipi. L'arca di Noè è un presagio della salvezza e della sicurezza da trovare in Cristo. Il tabernacolo degli Israeliti nel deserto è quasi interamente tipologia. Anche la manna, la roccia che fu percossa, il serpente di bronzo, e moltissimi altri. Nessun tipo è più chiaro dell'agnello pasquale. Tutti questi oggetti sono una meravigliosa anticipazione di Cristo Gesù.

Un altro studio interessante è quello dei nomi biblici di Cristo. Quasi 400 diversi nomi e titoli sono ascritti a Cristo dai diversi scrittori. Lui è il Figlio di Dio e il Figlio dell'uomo. È il pane della vita e l'acqua viva. Non solo è la splendente stella mattutina ma anche il sole di giustizia. Inoltre è sia l'agnello di Dio sia il buon pastore. Salomone scrive che è il giglio delle valli e il narciso di Saron. La sua forza è descritta nei titoli Roccia delle età e la pietra angolare.

Vedi, no, che la Bibbia è un libro senza paragoni perché Cristo è il suo personaggio senza paragoni? È la sua pienezza, il suo centro. Tutto ha a che fare con lui. Lui è la Vita della Bibbia. La Bibbia è la sua storia.

Continua: Un messaggio personale

Ritorna al sommario