Lettura del giorno

Questa pagina dà quattro brani - uno dai libri storici, uno dagli scritti, uno dai profeti e uno dal Nuovo Testamento. Fanno parte di uno schema per leggere tutta la Bibbia in un anno. Puoi anche ricevere un messaggio di posta elettronica ogni giorno con la lettura del giorno, oppure inserire la lettura del giorno nel tuo sito.

Lettura dell'11/11

2Cronache 9

La regina di Seba viene a visitare Salomone a Gerusalemme
=1R 10:1-13; Mt 12:42; Sl 72:10, 15
1 La regina di Seba, udita la fama che circondava Salomone, venne a Gerusalemme per metterlo alla prova con degli enigmi. Essa giunse con un numerosissimo seguito, con cammelli carichi di aromi, d'oro in gran quantità, e di pietre preziose. Recatasi da Salomone, gli disse tutto quello che aveva in cuore. 2 Salomone rispose a tutte le sue domande, e non ci fu cosa che fosse oscura per il re, e che egli non sapesse spiegare.
3 Quando la regina di Seba ebbe visto la saggezza di Salomone, la reggia da lui costruita, 4 le vivande della sua mensa, gli alloggi dei suoi servitori, l'ordine di servizio dei suoi ufficiali e le loro divise, i suoi coppieri e le loro vesti, gli olocausti che egli offriva nella casa del SIGNORE, rimase fuori di sé dalla meraviglia. 5 E disse al re: «Quanto avevo sentito dire nel mio paese sul tuo conto e sulla tua saggezza era dunque vero. 6 Ma io non ci ho creduto finché non sono venuta io stessa, e non ho visto con i miei occhi; e ora, ecco, non mi era stata riferita neppure la metà della grandezza della tua saggezza! Tu superi la fama che me n'era giunta! 7 Beata la tua gente, beati questi tuoi servitori che stanno sempre davanti a te, e ascoltano la tua saggezza! 8 Sia benedetto il SIGNORE, il tuo Dio, il quale ti ha gradito, mettendoti sul suo trono, perché tu regni per il SIGNORE, per il tuo Dio! Dio ti ha stabilito re per esercitare il diritto e la giustizia, perché egli ama Israele e vuol conservarlo per sempre».
9 Poi donò al re centoventi talenti d'oro, grandissima quantità di aromi e pietre preziose. Non ci furono più tali aromi, come quelli che la regina di Seba diede al re Salomone.
10 (I servitori di Curam e i servitori di Salomone che portavano oro da Ofir, portavano anche del legno di sandalo e delle pietre preziose; 11 e di questo legno di sandalo il re fece delle scale per la casa del SIGNORE e per il palazzo reale, delle cetre e dei saltèri per i cantori. Del legno come questo non se n'era mai visto prima nel paese di Giuda).
12 Il re Salomone diede alla regina di Seba tutto quello che lei desiderò e chiese, oltre all'equivalente di quello che aveva portato al re. Poi si rimise in cammino e, con i suoi servitori, ritornò al suo paese.

Ricchezze di Salomone
(=1R 10:14-29; 4:21-34)
13 Il peso dell'oro che giungeva ogni anno a Salomone era di seicentosessantasei talenti, 14 oltre a quello che percepiva dai trafficanti e dai negozianti che gliene portavano, da tutti i re dell'Arabia e dai governatori del paese che portavano a Salomone oro e argento.
15 Il re Salomone fece fare duecento scudi grandi d'oro battuto, per ognuno dei quali impiegò seicento sicli d'oro battuto, 16 e trecento altri scudi d'oro battuto, per ognuno dei quali impiegò trecento sicli d'oro; e il re li mise nella «Casa della Foresta del Libano». 17 Il re fece pure un gran trono d'avorio, che rivestì d'oro puro. 18 Questo trono aveva sei gradini e una pedana d'oro connessi con il trono; c'erano dei bracci da un lato e dall'altro del seggio; due leoni stavano presso i bracci, 19 e dodici leoni stavano sui sei gradini, da una parte e dall'altra. Niente di simile era ancora stato fatto in nessun altro regno. 20 Tutte le coppe del re Salomone erano d'oro, e tutto il vasellame della «Casa Foresta del Libano» era d'oro puro; dell'argento non si faceva alcun conto al tempo di Salomone. 21 Infatti il re aveva delle navi che andavano a Tarsis con la gente di Curam; e una volta ogni tre anni venivano le navi da Tarsis, portando oro, argento, avorio, scimmie e pavoni.
22 Così il re Salomone fu il più grande di tutti i re della terra per ricchezze e per saggezza. 23 E tutti i re della terra cercavano di vedere Salomone per udire la saggezza che Dio gli aveva messa in cuore. 24 Ognuno di essi gli portava il suo dono: vasi d'argento, vasi d'oro, vesti, armi, aromi, cavalli, muli; e questo avveniva ogni anno. 25 Salomone aveva delle scuderie per quattromila cavalli, carri, e dodicimila cavalieri, che distribuiva nelle città dove teneva i suoi carri, e in Gerusalemme presso di sé. 26 Egli dominava su tutti i re, dal fiume sino al paese dei Filistei e sino ai confini d'Egitto. 27 Il re fece in modo che l'argento era in Gerusalemme così comune come le pietre, e i cedri tanto abbondanti quanto i sicomori della pianura. 28 E si conducevano a Salomone dei cavalli dall'Egitto e da tutti i paesi.

Morte di Salomone
1R 11:41-43
29 Il rimanente delle azioni di Salomone, le prime e le ultime, sono scritte nel libro di Natan, il profeta, nella profezia di Aiia di Silo, e nelle visioni di Ieddo il veggente, relative a Geroboamo, figlio di Nebat.
30 Salomone regnò a Gerusalemme, su tutto Israele, quarant'anni. 31 Poi Salomone si addormentò con i suoi padri, e fu sepolto nella città di Davide suo padre; e Roboamo suo figlio regnò al suo posto.

Proverbi 26:1-10

1 Come la neve non si addice all'estate, né la pioggia al tempo della mietitura,
così non si addice la gloria allo stolto.
2 Come il passero vaga qua e là e la rondine vola,
così la maledizione senza motivo, non raggiunge l'effetto.
3 La frusta per il cavallo, la briglia per l'asino,
e il bastone per il dorso degli stolti.
4 Non rispondere allo stolto secondo la sua follia,
perché tu non gli debba somigliare.
5 Rispondi allo stolto secondo la sua follia, perché non abbia ad apparire saggio ai propri occhi.
6 Chi affida messaggi a uno stolto
si taglia i piedi e si abbevera di afflizione.
7 Come le gambe dello zoppo sono senza forza,
così è una massima nella bocca degli stolti.
8 Chi onora uno stolto
fa come chi getta una gemma in un mucchio di sassi.
9 Una massima in bocca agli stolti
è come un ramo spinoso in mano a un ubriaco.
10 Chi impiega lo stolto e il primo che capita,
è come un arciere che ferisce tutti.

Amos 4

Am 3:9, ecc.; Mi 2:1-5; 3:1-4
1 Ascoltate questa parola, vacche di Basan che state sul monte di Samaria!
voi che opprimete gli umili, maltrattate i poveri
e dite ai vostri mariti: «Portate qua, ché beviamo!»
2 Il Signore, DIO, l'ha giurato per la sua santità:
«Ecco, verranno per voi dei giorni
in cui sarete tirate fuori con gli uncini,
e i vostri figli con gli ami da pesca;
3 voi uscirete per le brecce, ognuna davanti a sé,
e sarete scacciate verso l'Ermon», dice il SIGNORE.

Rifiuto di tornare a Dio, malgrado il castigo
(Is 1:11-15; Os 7:10-16; Gr 5:3) Pr 29:1; Mi 6:9
4 «Andate a Betel, e peccate,
a Ghilgal, e peccate ancora di più!
Portate ogni mattina i vostri sacrifici
e ogni tre giorni le vostre decime!
5 Fate fumare sacrifici di ringraziamento con lievito!
Bandite delle offerte volontarie, proclamatele!
Poiché così vi piace fare, o figli d'Israele»,
dice il Signore, DIO.
6 «Da parte mia, vi ho lasciati a bocca asciutta in tutte le vostre città;
vi ho fatto mancare il pane in tutti i vostri villaggi;
ma voi non siete tornati a me», dice il SIGNORE.
7 «Vi ho anche rifiutato la pioggia,
quando mancavano ancora tre mesi alla mietitura;
ho fatto piovere sopra una città
e non ho fatto piovere sull'altra;
una parte del campo ha ricevuto la pioggia
e la parte su cui non ha piovuto è inaridita.
8 Due, tre città si trascinavano verso un'altra città per bere acqua,
e non potevano dissetarsi;
ma voi non siete tornati a me», dice il SIGNORE.
9 «Vi ho colpito con ruggine e carbonchio;
le locuste hanno divorato
i vostri numerosi giardini, le vostre vigne, i vostri fichi, i vostri ulivi;
ma voi non siete tornati a me», dice il SIGNORE.
10 «Ho mandato la peste in mezzo a voi come in Egitto;
ho ucciso i vostri giovani con la spada
e ho catturato i vostri cavalli;
vi ho fatto salire al naso il fetore dei vostri accampamenti;
ma voi non siete tornati a me», dice il SIGNORE.
11 «Vi ho sconvolti,
come Dio sconvolse Sodoma e Gomorra,
e voi siete stati come un tizzone strappato dal fuoco;
ma voi non siete tornati a me», dice il SIGNORE.
12 «Perciò, ti farò come ho detto, o Israele.
Poiché farò questo contro di te,
prepàrati, Israele, a incontrare il tuo Dio!»
13 Poiché, ecco, egli forma i monti, crea il vento,
e fa conoscere all'uomo il suo pensiero;
egli muta l'aurora in tenebre,
e cammina sulle alture della terra.
Il suo nome è il SIGNORE, Dio degli eserciti.

Giovanni 21:15-25

Gesù e Pietro
Lu 22:55-62; 24:34; Ml 3:3 (1P 5:1-4; 2P 1:13-14) Gv 12:26; 20:30-31; 1Co 13; 2Co 5:14; Ap 2:4-5
15 Quand'ebbero fatto colazione, Gesù disse a Simon Pietro: «Simone di Giovanni, mi ami più di questi?» Egli rispose: «Sì, Signore, tu sai che ti voglio bene». Gesù gli disse: «Pasci i miei agnelli». 16 Gli disse di nuovo, una seconda volta: «Simone di Giovanni, mi ami?» Egli rispose: «Sì, Signore; tu sai che ti voglio bene». Gesù gli disse: «Pastura le mie pecore». 17 Gli disse la terza volta: «Simone di Giovanni, mi vuoi bene?» Pietro fu rattristato che egli avesse detto la terza volta: «Mi vuoi bene?» E gli rispose: «Signore, tu sai ogni cosa; tu conosci che ti voglio bene». Gesù gli disse: «Pasci le mie pecore. 18 In verità, in verità ti dico che quand'eri più giovane, ti cingevi da solo e andavi dove volevi; ma quando sarai vecchio, stenderai le tue mani e un altro ti cingerà e ti condurrà dove non vorresti». 19 Disse questo per indicare con quale morte avrebbe glorificato Dio. E, dopo aver parlato così, gli disse: «Seguimi».

Il discepolo che Gesù amava
1Co 15:51-52; 1Te 4:14-18
20 Pietro, voltatosi, vide venirgli dietro il discepolo che Gesù amava; quello stesso che durante la cena stava inclinato sul seno di Gesù e aveva detto: «Signore, chi è che ti tradisce?» 21 Pietro dunque, vedutolo, disse a Gesù: «Signore, e di lui che sarà?» 22 Gesù gli rispose: «Se voglio che rimanga finché io venga, che t'importa? Tu, seguimi». 23 Per questo motivo si sparse tra i fratelli la voce che quel discepolo non sarebbe morto; Gesù però non gli aveva detto che non sarebbe morto, ma: «Se voglio che rimanga finché io venga, che t'importa?»
24 Questo è il discepolo che rende testimonianza di queste cose, e che ha scritto queste cose; e noi sappiamo che la sua testimonianza è vera.
25 Or vi sono ancora molte altre cose che Gesù ha fatte; se si scrivessero a una a una, penso che il mondo stesso non potrebbe contenere i libri che se ne scriverebbero.