document.write('

Lettura del 16/10

');document.write('

Da LaParola

');document.write("

1Cronache 8

Discendenti di Beniamino stabiliti a Gerusalemme
Nu 26:38-41; 1Cr 7:6-12
1 Beniamino generò Bela, suo primogenito, Asbel il secondo, Aara il terzo, 2 Noca il quarto, e Rafa il quinto. 3 I figli di Bela furono: Addar, Ghera, Abiud, 4 Abisua, Naaman, Aoa, 5 Ghera, Sefufan e Curam.
6 Questi furono i figli di Ecud, che erano capi delle famiglie che abitavano Gheba e che furono deportati a Manacat: 7 Naaman, Aiia e Ghera che li deportò. Egli generò Uzza e Aiud.
8 Saaraim ebbe dei figli nella terra di Moab, dopo che ebbe ripudiato le sue mogli Cusim e Baara. 9 Da Codes sua moglie ebbe: Iobab, Sibia, Mesa, Malcam, 10 Ieus, Sochia e Mirma. Questi furono i suoi figli, capi di famiglie patriarcali. 11 Da Cusim ebbe: Abitub ed Elpaal. 12 I figli di Elpaal furono: Eber, Misam e Semed. Questi costruì Ono, Lod e i villaggi vicini.
13 Beria e Sema, erano i capi delle famiglie che abitavano Aialon, e misero in fuga gli abitanti di Gat. 14 Aio, Sasac, Ieremot, 15 Zebadia, Arad, Eder, 16 Micael, Ispa, Ioa erano figli di Beria. 17 Zebadia, Mesullam, Chizchi, Eber, 18 Ismerai, Izlia e Iobab erano figli di Elpaal. 19 Iachim, Zicri, Zabdi, 20 Elienai, Silletai, Eliel, 21 Adaia, Beraia e Simrat erano figli di Simei. 22 Ispan, Eber, Eliel, 23 Abdon, Zicri, Canan, 24 Anania, Elam, Antotiia, 25 Ifdeia e Penuel erano figli di Sasac. 26 Samserai, Secaria, Atalia, 27 Iaaresia, Eliia e Zicri erano figli di Ieoram. 28 Questi erano capi di famiglie patriarcali: capi secondo le loro generazioni; e abitavano a Gerusalemme.

=1Cr 9:35-44; 1S 14:49-51
29 Il padre di Gabaon abitava a Gabaon, e sua moglie si chiamava Maaca. 30 Il suo figlio primogenito fu Abdon. Poi ebbe Sur, Chis, Baal, Nadab, 31 Ghedor, Aio, Zecher. 32 Miclot generò Simea. Anche questi abitarono di fronte ai loro fratelli a Gerusalemme insieme con i loro fratelli. 33 Ner generò Chis; Chis generò Saul; Saul generò Gionatan, Malchisua, Abinadab, Esbaal. 34 Il figlio di Gionatan fu Merib-Baal. Merib-Baal generò Mica. 35 I figli di Mica furono: Piton, Melec, Taarea, Aaz. 36 Aaz generò Ieoadda; Ieoadda generò Alemet, Azmavet e Zimri; Zimri generò Mosa; 37 Mosa generò Binea, che ebbe per figlio Rafa, che ebbe per figlio Eleasa, che ebbe per figlio Asel. 38 Asel ebbe sei figli, dei quali questi sono i nomi: Azricam, Bocru, Ismael, Searia, Obadia e Canan. Tutti questi erano figli di Asel. 39 I figli di Esec suo fratello furono: Ulam, il suo primogenito; Ieus il secondo, ed Elifelet il terzo. 40 I figli di Ulam furono uomini forti e valorosi, tiratori d'arco; ebbero molti figli e nipoti: centocinquanta. Tutti questi furono discendenti di Beniamino.

Proverbi 17:10-18

10 Un rimprovero fa più impressione all'uomo intelligente,
che cento percosse allo stolto.
11 Il malvagio non cerca che ribellione,
ma un messaggero crudele gli sarà mandato contro.
12 Meglio imbattersi in un'orsa derubata dei suoi piccoli,
che in un insensato nella sua follia.
13 Il male non si allontanerà dalla casa
di chi rende male per bene.
14 Cominciare una contesa è dare la stura all'acqua;
perciò ritìrati prima che la lite s'inasprisca.
15 Chi assolve il reo e chi condanna il giusto
sono entrambi detestati dal SIGNORE.
16 A che serve il denaro in mano allo stolto?
Ad acquistare saggezza? Ma se non ha senno!
17 L'amico ama in ogni tempo;
è nato per essere un fratello nella sventura.
18 L'uomo privo di senno dà la mano
e si fa garante per altri davanti al suo prossimo.

Daniele 9:20-27

Le settanta settimane
(Ga 4:4-5; Lu 24:44-47)(Ro 3:21-25; 1P 2:21-24; Eb 9:24-28; 10:5-18)(Lu 19:41-44; 21:5-6, 20-24) Mt 24:15
20 «Io parlavo, pregando e confessando il mio peccato e il peccato del mio popolo Israele, e presentavo la mia supplica al SIGNORE, al mio Dio, per il monte santo del mio Dio. 21 Mentre stavo ancora parlando in preghiera, quell'uomo, Gabriele, che avevo visto prima nella visione, mandato con rapido volo, si avvicinò a me all'ora dell'offerta della sera. 22 Egli mi rivolse la parola e disse: \"Daniele, io sono venuto perché tu possa comprendere. 23 Quando hai cominciato a pregare, c'è stata una risposta e io sono venuto a comunicartela, perché tu sei molto amato. Fa' dunque attenzione al messaggio e comprendi la visione. 24 Settanta settimane sono state fissate riguardo al tuo popolo e alla tua santa città, per far cessare la perversità, per mettere fine al peccato, per espiare l'iniquità e stabilire una giustizia eterna, per sigillare visione e profezia e per ungere il luogo santissimo. 25 Sappi dunque e comprendi bene: dal momento in cui è uscito l'ordine di restaurare e ricostruire Gerusalemme fino all'apparire di un unto, di un capo, ci saranno sette settimane e sessantadue settimane; essa sarà restaurata e ricostruita, piazza e mura, ma in tempi angosciosi. 26 Dopo le sessantadue settimane un unto sarà soppresso, nessuno sarà per lui. Il popolo d'un capo che verrà distruggerà la città e il santuario; la sua fine verrà come un'inondazione ed è decretato che vi saranno devastazioni sino alla fine della guerra. 27 Egli stabilirà un patto con molti, per una settimana; in mezzo alla settimana farà cessare sacrificio e offerta; sulle ali delle abominazioni verrà un devastatore. Il devastatore commetterà le cose più abominevoli, finché la completa distruzione, che è decretata, non piombi sul devastatore\"».

Giovanni 7:37-8:11

Fiumi d'acqua viva
Gv 4:10-14; Ap 22:17; Is 55:1-3; Gl 2:28-29; At 2:2-4
7:37 Nell'ultimo giorno, il giorno più solenne della festa, Gesù stando in piedi esclamò: «Se qualcuno ha sete, venga a me e beva. 38 Chi crede in me, come ha detto la Scrittura, fiumi d'acqua viva sgorgheranno dal suo seno». 39 Disse questo dello Spirito, che dovevano ricevere quelli che avrebbero creduto in lui; lo Spirito, infatti, non era ancora stato dato, perché Gesù non era ancora glorificato.

Quel che la gente dice di Gesù
(At 28:23-27; Lu 12:51) Gr 8:8-9
40 Una parte dunque della gente, udite quelle parole, diceva: «Questi è davvero il profeta». 41 Altri dicevano: «Questi è il Cristo». Altri, invece, dicevano: «Ma è forse dalla Galilea che viene il Cristo? 42 La Scrittura non dice forse che il Cristo viene dalla discendenza di Davide e da Betlemme, il villaggio dove stava Davide?» 43 Vi fu dunque dissenso, tra la gente, a causa sua; 44 e alcuni di loro lo volevano arrestare, ma nessuno gli mise le mani addosso.
45 Le guardie dunque tornarono dai capi dei sacerdoti e dai farisei, i quali dissero loro: «Perché non l'avete portato?» 46 Le guardie risposero: «Nessuno parlò mai come quest'uomo!» 47 Perciò i farisei replicarono loro: «Siete stati sedotti anche voi? 48 Ha qualcuno dei capi o dei farisei creduto in lui? 49 Ma questo popolino, che non conosce la legge, è maledetto!» 50 Nicodemo (uno di loro, quello che prima era andato da lui) disse: 51 «La nostra legge giudica forse un uomo prima che sia stato udito e che si sappia quello che ha fatto?» 52 Essi gli risposero: «Sei anche tu di Galilea? Esamina, e vedrai che dalla Galilea non sorge profeta».
53 [E ognuno se ne andò a casa sua.

La donna adultera
De 22:22 (Sl 50:16-21; Ro 2:1-3, 17-23) Gv 3:17
8:1 Gesù andò al monte degli Ulivi. 2 All'alba tornò nel tempio, e tutto il popolo andò da lui; ed egli, sedutosi, li istruiva.
3 Allora gli scribi e i farisei gli condussero una donna colta in adulterio; e, fattala stare in mezzo, 4 gli dissero: «Maestro, questa donna è stata colta in flagrante adulterio. 5 Or Mosè, nella legge, ci ha comandato di lapidare tali donne; tu che ne dici?» 6 Dicevano questo per metterlo alla prova, per poterlo accusare. Ma Gesù, chinatosi, si mise a scrivere con il dito in terra. 7 E, siccome continuavano a interrogarlo, egli, alzato il capo, disse loro: «Chi di voi è senza peccato, scagli per primo la pietra contro di lei». 8 E, chinatosi di nuovo, scriveva in terra. 9 Essi, udito ciò, e accusati dalla loro coscienza, uscirono a uno a uno, cominciando dai più vecchi fino agli ultimi; e Gesù fu lasciato solo con la donna che stava là in mezzo. 10 Gesù, alzatosi e non vedendo altri che la donna, le disse: «Donna, dove sono quei tuoi accusatori? Nessuno ti ha condannata?» 11 Ella rispose: «Nessuno, Signore». E Gesù le disse: «Neppure io ti condanno; va' e non peccare più».]

");