Arameo

Un termine usato per descrivere i popoli della regione di Siria e di Assiria (prima dell'esistenza di queste nazioni), nella Mesopotamia settentrionale, probabilmente discendenti di Aram (=Ram (1)) figlio di Sem. La regione di Aram (=Ram (1)) è chiamata anche Paddan-Aram, cioè Mesopotamia. Gli antenati di Israele (e soprattutto Giacobbe (1)) sono descritti come un "Arameo errante" De 26:5, e Betuel e suo figlio Labano (parenti di Abraamo che sono rimasti a Caran (1) nel paese di Aram) sono chiamati aramei Gen 25:20; 28:5; 31:20,24. Anche Balac era un Arameo Nu 23:7; De 23:4. Spesso, 'Mesopotamia' nelle traduzioni dell'AT hanno una parola composta da Aram nell'ebraico, per esempio Giudic 3:7-11, o più tardi traducono 'Siria', per esempio Giudic 10:6. Infatti la cultura aramea continuava a crescere verso l'ovest, dominando Siria, Damasco, Soba e Ghesur (1), e dal tempo di Salomone in poi i riferimenti agli Siri significano quasi sempre gli Aramei. La lingua degli Aramei era l'aramaico, che era la lingua comune nel mondo antico nel primo millenario avanti Cristo - infatti, Gesù stesso probabilmente parlava di solito aramaico e non ebraico. Gli Assiri potevano parlare ai Giudei in aramaico, la lingua diplomatica (ma non lo facevano perché volevano essere capiti dai Giudei comuni) 2Re 18:26; Is 36:11, e la corrispondenza ufficiale con la Babilonia e la Persia era in aramaico Da 2:4; Esd 4:7. Alcuni brani dell'Antico Testamento furono scritti in aramaico: Dn 2:4-7:28; Esd 4:8-6:18; 7:12-26; Ger 10:11.

Trova nome:

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z