Giovanni

1. Il battista, figlio di Zaccaria (34) e di Elisabetta. Nacque miracolosamente Lu 1:3-25,57-66 sei mesi prima di Gesù, suo parente Lu 1:26,36. Crebbe nel deserto come un asceta Lu 1:15; Mar 1:8; Mt 11:18 fino alla chiamata di Dio ad essere un profeta Lu 1:80; 3:2. Doveva preparare Israele alla venuta di Gesù, facendo ritornare gli Israeliti a Dio Lu 1:17; 3:4, 16; Gv 1:7-8, 15, 23; At 13:24-25. Per fare questo, predicava il ravvedimento e il perdono, e battezzava Lu 3:3,8; Gv 1:33. Battezzò anche Gesù Mt 3:13-17, un battesimo che segnò la fine del suo ministero profetico e l'inizio di quello di Gesù, perché poco dopo fu imprigionato da Erode il tetrarca perché Giovanni aveva condannato il suo matrimonio a Erodiada. In seguito il tetrarca lo uccise Mar 1:14; Mt 14:1-12. Durante la sua prigionia, Giovanni mandò alcuni discepoli a chiedere chi fosse Gesù Mt 11:2-3; rispondendo, Gesù affermò che Giovanni era l'ultimo e più grandi dei profeti e il messaggero del Cristo Mt 11:7-14. La sua fama è dimostrata dal fatto che ad Efeso c'erano alcuni che avevano sentito parlare di lui, ma non di Gesù At 19:1-7.

2. L'apostolo, figlio di Zebedeo e fratello di Giacomo (2). Era un pescatore e socio di Pietro Lu 5:10 prima della chiamata ad essere uno dei dodici Mt 4:21. È possibile che conoscesse già Gesù se è il discepolo non nominato in Gv 1:35-38, come molti pensano. Con suo fratello Giacomo e Pietro aveva un ruolo primario fra gli apostoli, essendo presenti senza gli altri quando Gesù risuscitò la figlia di Iairo Mar 5:37, alla trasfigurazione Mar 9:2 e all'agonia in Getsemani Mar 14:33, e con Andrea al discorso profetico Mar 13:3, e solo con Pietro Lu 22:8. I fratelli furono soprannominati Boanerges Mar 3:17. Questo aspetto del suo carattere è visto in Lu 9:49,54. Chiesero posti di onore a Gesù, avendo come risposta che avrebbero partecipato alle sue sofferenze Mar 10:35-41. Anche se Giovanni non è nominato nel Vangelo di Giovanni (ma vedi Gv 21:2), è quasi certo che fosse il discepolo "che Gesù amava" Gv 13:23; 19:26-27; 20:2,8; 21:7, 20-24 - e secondo l'ultimo di questi versetti l'autore del Vangelo. Dopo la risurrezione di Gesù, con Pietro guidava la chiesa a Gerusalemme per i primi anni At 3:1-11; 4:1-23; 8:14; Gal 2:9. Fu l'autore dell'Apocalisse Ap 1:1,4,9; 22:8 e benché non nominato è considerato da molti l'autore delle tre lettere che portano il suo nome. Secondo la maggioranza (ma non tutta) della tradizione, morì naturalmente ad Efeso all'incirca nel 100 d.C.

3. Padre di Pietro e Andrea Gv 1:42; 21:15-17, chiamato anche Giona (2) Mt 16:17.

4. Giovanni Marco

5. Un membro della famiglia dei sommi sacerdoti At 4:6.

6. Figlio di Simone (12) e padre di Mattatia (3) 1Macc 2:1.

7. Primogenito di Mattatia (3); chiamato anche Gaddi, che vuol dire 'fortunato'. Fu ucciso dei figli di Iambri, e i suoi fratelli vendicarono la sua morte 1Macc 2:1-2; 9:35-42.

8. Figlio di Accos (3) e padre di Eupolemo 1Macc 8:17; 2Macc 4:11.

9. Giovanni Ircano, figlio di Simone (13) Maccabeo; continuò la lotta di suo padre e dei suoi zii 1Macc 13:53; 16:1-23.

10. Un inviato dei Giudei a Lisia (2) nel 164 a.C.; forse uguale a Giovanni (7) 2Macc 11:17. In seguito diventò sia il principe che il sommo sacerdote di Giuda, e il capostirpe della dinastia degli Asmonei che regnò fino a Erode (1) il Grande. Morì nel 104 a.C.

Trova nome:

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z