Sennacherib

Figlio di Sargon, re di Assiria 705-681 a.C. Nei primi anni del suo regno conquistò Babilonia e stabilì il territorio settentrionale del regno. Nel 701 a.C. andò verso l'ovest per combattere contro un'alleanza - Ezechia (2) re di Giuda aveva già sconfitto la città Ecron, che era alleata con Assiria, migliorato le difese di Gerusalemme e chiesto aiuto a Egitto 2Re 18:8; 20:20; Is 30:1-4. In quell'anno Sennacherib entrò nella Palestina, e tutte le città si arresero a lui e lui le sconfisse - tranne Tiro, che lasciò, e Gerusalemme, che assediò. Sconfisse anche l'esercito di Egitto. La sua cattura di Lachis è rappresentata nel suo palazzo. Sennacherib si ritirò da Gerusalemme quando l'angelo del Signore colpì nell'accampamento 185000 uomini. Uno storico greco scrive di "una moltitudine di topi che di notte consumò tutte le faretre e tutti gli archi del nemico... la mattina seguente iniziarono a combattere e moltissimi caddero perché non avevano armi per difendersi". Le cronache assire parlano dell'assedio e del tributo pagato da Ezechia, ma non della conclusione 2Re 18:13-19:36; 2Cr 32; 2Macc 8:19; 15:22; Sir 48:18; Is 36-37. Fu ucciso dai suoi figli Adrammelec (1) e Sareser (1), e un altro figlio Esaraddon gli succedette 2Re 19:37; Is 37:38. Tob 1:15-22 non dà informazioni storicamente attendibili.

Trova nome:

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z