Esał

Questa espressione appare in 86 versetti (i versetti 1-50 sono mostrati):

Mostra i versetti 51-86

Genesi 25,25

Uscì il primo, rossiccio e tutto come un mantello di pelo, e fu chiamato Esaù.

Gen 25,25 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 25,26

Subito dopo, uscì il fratello e teneva in mano il calcagno di Esaù; fu chiamato Giacobbe. Isacco aveva sessant'anni quando essi nacquero.

Gen 25,26 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 25,27

I fanciulli crebbero ed Esaù divenne abile nella caccia, un uomo della steppa, mentre Giacobbe era un uomo tranquillo, che dimorava sotto le tende.

Gen 25,27 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 25,28

Isacco prediligeva Esaù, perché la cacciagione era di suo gusto, mentre Rebecca prediligeva Giacobbe.

Gen 25,28 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 25,29

Una volta Giacobbe aveva cotto una minestra di lenticchie; Esaù arrivò dalla campagna ed era sfinito.

Gen 25,29 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 25,32

Rispose Esaù: «Ecco sto morendo: a che mi serve allora la primogenitura?».

Gen 25,32 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 25,34

Giacobbe diede ad Esaù il pane e la minestra di lenticchie; questi mangiò e bevve, poi si alzò e se ne andò. A tal punto Esaù aveva disprezzato la primogenitura.

Gen 25,34 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 26,34

Quando Esaù ebbe quarant'anni, prese in moglie Giudit, figlia di Beeri l'Hittita, e Basemat, figlia di Elon l'Hittita.

Gen 26,34 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 27,1

Isacco era vecchio e gli occhi gli si erano così indeboliti che non ci vedeva più. Chiamò il figlio maggiore, Esaù, e gli disse: «Figlio mio». Gli rispose: «Eccomi».

Gen 27,1 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 27,5

Ora Rebecca ascoltava, mentre Isacco parlava al figlio Esaù. Andò dunque Esaù in campagna a caccia di selvaggina da portare a casa.

Gen 27,5 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 27,6

Rebecca disse al figlio Giacobbe: «Ecco, ho sentito tuo padre dire a tuo fratello Esaù:

Gen 27,6 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 27,11

Rispose Giacobbe a Rebecca sua madre: «Sai che mio fratello Esaù è peloso, mentre io ho la pelle liscia.

Gen 27,11 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 27,15

Rebecca prese i vestiti migliori del suo figlio maggiore, Esaù, che erano in casa presso di lei, e li fece indossare al figlio minore, Giacobbe;

Gen 27,15 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 27,19

Giacobbe rispose al padre: «Io sono Esaù, il tuo primogenito. Ho fatto come tu mi hai ordinato. Alzati dunque, siediti e mangia la mia selvaggina, perché tu mi benedica».

Gen 27,19 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 27,21

Ma Isacco gli disse: «Avvicinati e lascia che ti palpi, figlio mio, per sapere se tu sei proprio il mio figlio Esaù o no».

Gen 27,21 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 27,22

Giacobbe si avvicinò ad Isacco suo padre, il quale lo tastò e disse: «La voce è la voce di Giacobbe, ma le braccia sono le braccia di Esaù».

Gen 27,22 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 27,23

Così non lo riconobbe, perché le sue braccia erano pelose come le braccia di suo fratello Esaù, e perciò lo benedisse.

Gen 27,23 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 27,24

Gli disse ancora: «Tu sei proprio il mio figlio Esaù?». Rispose: «Lo sono».

Gen 27,24 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 27,30

Isacco aveva appena finito di benedire Giacobbe e Giacobbe si era allontanato dal padre Isacco, quando arrivò dalla caccia Esaù suo fratello.

Gen 27,30 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 27,32

Gli disse suo padre Isacco: «Chi sei tu?». Rispose: «Io sono il tuo figlio primogenito Esaù».

Gen 27,32 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 27,34

Quando Esaù sentì le parole di suo padre, scoppiò in alte, amarissime grida. Egli disse a suo padre: «Benedici anche me, padre mio!».

Gen 27,34 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 27,37

Isacco rispose e disse a Esaù: «Ecco, io l'ho costituito tuo signore e gli ho dato come servi tutti i suoi fratelli; l'ho provveduto di frumento e di mosto; per te che cosa mai potrò fare, figlio mio?».

Gen 27,37 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 27,38

Esaù disse al padre: «Hai una sola benedizione padre mio? Benedici anche me, padre mio!». Ma Isacco taceva ed Esaù alzò la voce e pianse.

Gen 27,38 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 27,41

Esaù perseguitò Giacobbe per la benedizione che suo padre gli aveva dato. Pensò Esaù: «Si avvicinano i giorni del lutto per mio padre; allora ucciderò mio fratello Giacobbe».

Gen 27,41 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 27,42

Ma furono riferite a Rebecca le parole di Esaù, suo figlio maggiore, ed essa mandò a chiamare il figlio minore Giacobbe e gli disse: «Esaù tuo fratello vuol vendicarsi di te uccidendoti.

Gen 27,42 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 28,5

Così Isacco fece partire Giacobbe, che andò in Paddan-Aram presso Làbano, figlio di Betuèl, l'Arameo, fratello di Rebecca, madre di Giacobbe e di Esaù.

Gen 28,5 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 28,6

Esaù vide che Isacco aveva benedetto Giacobbe e l'aveva mandato in Paddan-Aram per prendersi una moglie di là e che, mentre lo benediceva, gli aveva dato questo comando: «Non devi prender moglie tra le Cananee».

Gen 28,6 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 28,8

Esaù comprese che le figlie di Canaan non erano gradite a suo padre Isacco.

Gen 28,8 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 32,4

Poi Giacobbe mandò avanti a sé alcuni messaggeri al fratello Esaù, nel paese di Seir, la campagna di Edom.

Gen 32,4 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 32,5

Diede loro questo comando: «Direte al mio signore Esaù: Dice il tuo servo Giacobbe: Sono stato forestiero presso Làbano e vi sono restato fino ad ora.

Gen 32,5 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 32,7

I messaggeri tornarono da Giacobbe, dicendo: «Siamo stati da tuo fratello Esaù; ora egli stesso sta venendoti incontro e ha con sé quattrocento uomini».

Gen 32,7 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 32,9

Pensò infatti: «Se Esaù raggiunge un accampamento e lo batte, l'altro accampamento si salverà».

Gen 32,9 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 32,12

Salvami dalla mano del mio fratello Esaù, perché io ho paura di lui: egli non arrivi e colpisca me e tutti, madre e bambini!

Gen 32,12 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 32,14

Giacobbe rimase in quel luogo a passare la notte. Poi prese, di ciò che gli capitava tra mano, di che fare un dono al fratello Esaù:

Gen 32,14 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 32,18

Diede questo ordine al primo: «Quando ti incontrerà Esaù, mio fratello, e ti domanderà: Di chi sei tu? Dove vai? Di chi sono questi animali che ti camminano davanti?,

Gen 32,18 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 32,19

tu risponderai: Del tuo fratello Giacobbe: è un dono inviato al mio signore Esaù; ecco egli stesso ci segue».

Gen 32,19 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 32,20

Lo stesso ordine diede anche al secondo e anche al terzo e a quanti seguivano i branchi: «Queste parole voi rivolgerete ad Esaù quando lo troverete;

Gen 32,20 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 33,1

Poi Giacobbe alzò gli occhi e vide arrivare Esaù che aveva con sé quattrocento uomini. Allora distribuì i figli tra Lia, Rachele e le due schiave;

Gen 33,1 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 33,4

Ma Esaù gli corse incontro, lo abbracciò, gli si gettò al collo, lo baciò e piansero.

Gen 33,4 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 33,9

Esaù disse: «Ne ho abbastanza del mio, fratello, resti per te quello che è tuo!».

Gen 33,9 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 33,12

Poi Esaù disse: «Leviamo l'accampamento e mettiamoci in viaggio: io camminerò davanti a te».

Gen 33,12 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 33,15

Disse allora Esaù: «Almeno possa lasciare con te una parte della gente che ho con me!». Rispose: «Ma perché? Possa io solo trovare grazia agli occhi del mio signore!».

Gen 33,15 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 33,16

Così in quel giorno stesso Esaù ritornò sul suo cammino verso Seir.

Gen 33,16 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 35,1

Dio disse a Giacobbe: «Alzati, va' a Betel e abita là; costruisci in quel luogo un altare al Dio che ti è apparso quando fuggivi Esaù, tuo fratello».

Gen 35,1 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 35,29

Poi Isacco spirò, morì e si riunì al suo parentado, vecchio e sazio di giorni. Lo seppellirono i suoi figli Esaù e Giacobbe.

Gen 35,29 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 36,1

Questa è la discendenza di Esaù, cioè Edom.

Gen 36,1 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 36,2

Esaù prese le mogli tra le figlie dei Cananei: Ada, figlia di Elon, l'Hittita; Oolibama, figlia di Ana, figlio di Zibeon, l'Hurrita;

Gen 36,2 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 36,4

Ada partorì ad Esaù Elifaz, Basemat partorì Reuel,

Gen 36,4 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 36,5

Oolibama partorì Ieus, Iaalam e Core. Questi sono i figli di Esaù, che gli nacquero nel paese di Canaan.

Gen 36,5 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 36,6

Poi Esaù prese le mogli e i figli e le figlie e tutte le persone della sua casa, il suo gregge e tutto il suo bestiame e tutti i suoi beni che aveva acquistati nel paese di Canaan e andò nel paese di Seir, lontano dal fratello Giacobbe.

Gen 36,6 in tutte le versioni Mostra capitolo

Dimensione testo:

Mostra i versetti 51-86


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata