Isacco

Questa espressione appare in 131 versetti (i versetti 1-50 sono mostrati):

Mostra i versetti 51-100

Genesi 17,19

E Dio disse: «No, Sara, tua moglie, ti partorirà un figlio e lo chiamerai Isacco. Io stabilirò la mia alleanza con lui come alleanza perenne, per essere il Dio suo e della sua discendenza dopo di lui.

Gen 17,19 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 17,21

Ma stabilirò la mia alleanza con Isacco, che Sara ti partorirà a questa data l'anno venturo».

Gen 17,21 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 21,3

Abramo chiamò Isacco il figlio che gli era nato, che Sara gli aveva partorito.

Gen 21,3 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 21,4

Abramo circoncise suo figlio Isacco, quando questi ebbe otto giorni, come Dio gli aveva comandato.

Gen 21,4 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 21,5

Abramo aveva cento anni, quando gli nacque il figlio Isacco.

Gen 21,5 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 21,8

Il bambino crebbe e fu svezzato e Abramo fece un grande banchetto quando Isacco fu svezzato.

Gen 21,8 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 21,9

Ma Sara vide che il figlio di Agar l'Egiziana, quello che essa aveva partorito ad Abramo, scherzava con il figlio Isacco.

Gen 21,9 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 21,10

Disse allora ad Abramo: «Scaccia questa schiava e suo figlio, perché il figlio di questa schiava non deve essere erede con mio figlio Isacco».

Gen 21,10 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 21,12

Ma Dio disse ad Abramo: «Non ti dispiaccia questo, per il fanciullo e la tua schiava: ascolta la parola di Sara in quanto ti dice, ascolta la sua voce, perché attraverso Isacco da te prenderà nome una stirpe.

Gen 21,12 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 22,2

Riprese: «Prendi tuo figlio, il tuo unico figlio che ami, Isacco, va' nel territorio di Moria e offrilo in olocausto su di un monte che io ti indicherò».

Gen 22,2 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 22,3

Abramo si alzò di buon mattino, sellò l'asino, prese con sé due servi e il figlio Isacco, spaccò la legna per l'olocausto e si mise in viaggio verso il luogo che Dio gli aveva indicato.

Gen 22,3 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 22,6

Abramo prese la legna dell'olocausto e la caricò sul figlio Isacco, prese in mano il fuoco e il coltello, poi proseguirono tutt'e due insieme.

Gen 22,6 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 22,7

Isacco si rivolse al padre Abramo e disse: «Padre mio!». Rispose: «Eccomi, figlio mio». Riprese: «Ecco qui il fuoco e la legna, ma dov'è l'agnello per l'olocausto?».

Gen 22,7 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 22,9

così arrivarono al luogo che Dio gli aveva indicato; qui Abramo costruì l'altare, collocò la legna, legò il figlio Isacco e lo depose sull'altare, sopra la legna.

Gen 22,9 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 24,4

ma che andrai al mio paese, nella mia patria, a scegliere una moglie per mio figlio Isacco».

Gen 24,4 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 24,14

Ebbene, la ragazza alla quale dirò: Abbassa l'anfora e lasciami bere, e che risponderà: Bevi, anche ai tuoi cammelli darò da bere, sia quella che tu hai destinata al tuo servo Isacco; da questo riconoscerò che tu hai usato benevolenza al mio padrone».

Gen 24,14 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 24,62

Intanto Isacco rientrava dal pozzo di Lacai-Roi; abitava infatti nel territorio del Negheb.

Gen 24,62 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 24,63

Isacco uscì sul fare della sera per svagarsi in campagna e, alzando gli occhi, vide venire i cammelli.

Gen 24,63 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 24,64

Alzò gli occhi anche Rebecca, vide Isacco e scese subito dal cammello.

Gen 24,64 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 24,66

Il servo raccontò ad Isacco tutte le cose che aveva fatte.

Gen 24,66 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 24,67

Isacco introdusse Rebecca nella tenda che era stata di sua madre Sara; si prese in moglie Rebecca e l'amò. Isacco trovò conforto dopo la morte della madre.

Gen 24,67 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 25,5

Abramo diede tutti i suoi beni a Isacco.

Gen 25,5 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 25,6

Quanto invece ai figli delle concubine, che Abramo aveva avute, diede loro doni e, mentre era ancora in vita, li licenziò, mandandoli lontano da Isacco suo figlio, verso il levante, nella regione orientale.

Gen 25,6 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 25,9

Lo seppellirono i suoi figli, Isacco e Ismaele, nella caverna di Macpela, nel campo di Efron, figlio di Zocar, l'Hittita, di fronte a Mamre.

Gen 25,9 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 25,11

Dopo la morte di Abramo, Dio benedisse il figlio di lui Isacco e Isacco abitò presso il pozzo di Lacai-Roi.

Gen 25,11 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 25,19

Questa è la discendenza di Isacco, figlio di Abramo. Abramo aveva generato Isacco.

Gen 25,19 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 25,20

Isacco aveva quarant'anni quando si prese in moglie Rebecca, figlia di Betuèl l'Arameo, da Paddan-Aram, e sorella di Làbano l'Arameo.

Gen 25,20 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 25,21

Isacco supplicò il Signore per sua moglie, perché essa era sterile e il Signore lo esaudì, così che sua moglie Rebecca divenne incinta.

Gen 25,21 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 25,26

Subito dopo, uscì il fratello e teneva in mano il calcagno di Esaù; fu chiamato Giacobbe. Isacco aveva sessant'anni quando essi nacquero.

Gen 25,26 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 25,28

Isacco prediligeva Esaù, perché la cacciagione era di suo gusto, mentre Rebecca prediligeva Giacobbe.

Gen 25,28 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 26,1

Venne una carestia nel paese oltre la prima che era avvenuta ai tempi di Abramo, e Isacco andò a Gerar presso Abimèlech, re dei Filistei.

Gen 26,1 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 26,6

Così Isacco dimorò in Gerar.

Gen 26,6 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 26,8

Era là da molto tempo, quando Abimèlech, re dei Filistei, si affacciò alla finestra e vide Isacco scherzare con la propria moglie Rebecca.

Gen 26,8 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 26,9

Abimèlech chiamò Isacco e disse: «Sicuramente essa è tua moglie. E perché tu hai detto: È mia sorella?». Gli rispose Isacco: «Perché mi son detto: io non muoia per causa di lei!».

Gen 26,9 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 26,12

Poi Isacco fece una semina in quel paese e raccolse quell'anno il centuplo. Il Signore infatti lo aveva benedetto.

Gen 26,12 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 26,16

Abimèlech disse ad Isacco: «Vàttene via da noi, perché tu sei molto più potente di noi».

Gen 26,16 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 26,17

Isacco andò via di là, si accampò sul torrente di Gerar e vi si stabilì.

Gen 26,17 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 26,18

Isacco tornò a scavare i pozzi d'acqua, che avevano scavati i servi di suo padre, Abramo, e che i Filistei avevano turati dopo la morte di Abramo, e li chiamò come li aveva chiamati suo padre.

Gen 26,18 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 26,19

I servi di Isacco scavarono poi nella valle e vi trovarono un pozzo di acqua viva.

Gen 26,19 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 26,20

Ma i pastori di Gerar litigarono con i pastori di Isacco, dicendo: «L'acqua è nostra!».
Allora egli chiamò Esech il pozzo, perché quelli avevano litigato con lui.

Gen 26,20 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 26,25

Allora egli costruì in quel luogo un altare e invocò il nome del Signore; lì piantò la tenda. E i servi di Isacco scavarono un pozzo.

Gen 26,25 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 26,27

Isacco disse loro: «Perché siete venuti da me, mentre voi mi odiate e mi avete scacciato da voi?».

Gen 26,27 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 26,31

Alzatisi di buon mattino, si prestarono giuramento l'un l'altro, poi Isacco li congedò e partirono da lui in pace.

Gen 26,31 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 26,32

Proprio in quel giorno arrivarono i servi di Isacco e lo informarono a proposito del pozzo che avevano scavato e gli dissero: «Abbiamo trovato l'acqua».

Gen 26,32 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 26,35

Esse furono causa d'intima amarezza per Isacco e per Rebecca.

Gen 26,35 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 27,1

Isacco era vecchio e gli occhi gli si erano così indeboliti che non ci vedeva più. Chiamò il figlio maggiore, Esaù, e gli disse: «Figlio mio». Gli rispose: «Eccomi».

Gen 27,1 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 27,5

Ora Rebecca ascoltava, mentre Isacco parlava al figlio Esaù. Andò dunque Esaù in campagna a caccia di selvaggina da portare a casa.

Gen 27,5 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 27,20

Isacco disse al figlio: «Come hai fatto presto a trovarla, figlio mio!». Rispose: «Il Signore me l'ha fatta capitare davanti».

Gen 27,20 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 27,21

Ma Isacco gli disse: «Avvicinati e lascia che ti palpi, figlio mio, per sapere se tu sei proprio il mio figlio Esaù o no».

Gen 27,21 in tutte le versioni Mostra capitolo

Genesi 27,22

Giacobbe si avvicinò ad Isacco suo padre, il quale lo tastò e disse: «La voce è la voce di Giacobbe, ma le braccia sono le braccia di Esaù».

Gen 27,22 in tutte le versioni Mostra capitolo

Dimensione testo:

Mostra i versetti 51-100


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata