il Battista era anche Evangelista?

Luca 3:2-18

Questo studio si trova qui.

Scritto da Pierluigi P..

1/11/2013

Numero di voti per questo studio: 0


Tutti sanno che esiste il Vangelo di Giovanni, ma vi è anche un altro vangelo di un altro Giovanni, cioè quello comunemente detto "il Battista". Non si tratta di un libro, ma che Giovanni Battista era uno che "evangelizzava" è menzionato in Luca capitolo 3 dove si può notare anche il suo messaggio specifico.
Esiste un ulteriore vangelo, sempre non trascritto in un libro particolare, quello di Paolo Apostolo, e sappiamo che è un messaggio di verità e salvezza rivelato direttamente da Dio, Paolo lo menziona nelle sue lettere e ne fa riferimento in Romani 2:16, Romani 16:25 e anche 2a Timoteo 2:8.

Ma vediamo come il Battista evangelizzava, usava una tecnica particolare? No, in modo del tutto tradizionale e biblico direi! Egli evangelizzava incentrando il suo messaggio sempre su Gesù il Messia e la Sua duplice opera, cioè di salvezza ma anche di giudizio, richiamando al ravvedimento ed enfatizzandone i conseguenti frutti.
Sono i frutti di tale ravvedimento da lui predicato che mi colpiscono, è questo il motivo per cui ho scritto questo pensiero proprio nel gruppo: NON SOLO PAROLE.

Leggiamo:

la parola di Dio fu indirizzata a Giovanni, figlio di Zaccaria, nel deserto. 3 Egli allora percorse tutta la regione nei dintorni del Giordano, predicando un battesimo di ravvedimento per il perdono dei peccati, 4 come sta scritto nel libro delle parole del profeta Isaia, che dice: «Ecco la voce di uno che grida: nel deserto preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri. 5 Ogni valle sia colmata e ogni monte e colle sia abbassato; i luoghi tortuosi siano raddrizzati e le vie scabrose appianate 6 e ogni carne vedrà la salvezza di Dio». (Luca capitolo 3)

Davvero ogni carne (o creatura) poté vedere realizzata la profezia di Isaia, riferita al predicatore Giovanni, realizzarsi nelle spoglie di un Uomo mediante il quale si concretizzava la salvezza di Dio disposta fin dall'inizio dei tempi. Questi era Gesù ed era finalmente in mezzo al Suo popolo, tutti lo potevano vedere, toccare, parlargli e gustarne la magnificenza (cfr. Giovanni 1:14).

Cosa diceva Giovanni Battista alle folle. Meglio non leggere. La sua predicazione non corrisponde per niente ai messaggi smielati e confortanti dei grandi predicatori moderni. Infatti questi di oggi accarezzano ed esaltano le anime di tanti "poveretti" che a motivo della loro ignoranza non hanno potuto fare altro che peccare tutta la vita. A questi dicono: "niente paura, adesso potete credere in Gesù che vi darà una vita abbondante e potrete fare ed avere tutto quello che il vostro cuore desidera!"

Ma il Battista aveva ben altre parole:

Luca 3:7 Egli dunque diceva alle folle che andavano per essere da lui battezzate: «Razza di vipere, chi vi ha insegnato a fuggire dall'ira a venire? 8 Fate dunque frutti degni del ravvedimento e non cominciate a dire dentro di voi: "Noi abbiamo Abrahamo per padre", perché io vi dico che Dio può suscitare dei figli ad Abrahamo anche da queste pietre. 9 E già la scure è posta alla radice degli alberi; ogni albero quindi che non produce buon frutto sarà tagliato e gettato nel fuoco».

Giovanni Battista era o no uno che predicava la Verità? Non la teneva nascosta, per dura che sia stata, la faceva presente senza mezzi termini, non la imbellettava con parole succulente, e non lasciava spazio a fraintendimenti.
Il popolo religioso ebraico era orgoglioso di essere nella giusta religione, ma a quanto pare a Dio non interessa molto se qualcuno si trova nella giusta religione, per ebraica o cristiana che sia, ma gli interessa piuttosto che la gente abbia FRUTTI CONCRETI secondo la Sua volontà.

Giovanni Battista era dunque uno che annunciava la Verità in verità, senza illudere nessuno. Contrariamente alla tendenza odierna, egli era incurante se qualcuno da piccolo poteva aver ricevuto poco amore, come se fosse quella la causa dei peccati compiuti da adulto.
Non dava spazio a giustificazioni, ma solo a pentimenti pubblici in concomitanza al battesimo in acqua.

Luca 3:10 Or le folle lo interrogavano, dicendo: «Che faremo noi dunque?». 11 Allora egli, rispondendo, disse loro: «Chi ha due tuniche ne faccia parte a chi non ne ha, e chi ha da mangiare faccia altrettanto».
12 Or vennero anche dei pubblicani per essere battezzati e gli chiesero: «Maestro, che dobbiamo fare?». 13 Ed egli disse loro: «Non riscuotete nulla di più di quanto vi è stato ordinato».
14 Anche i soldati lo interrogarono dicendo: «E noi, che dobbiamo fare?». Ed egli disse loro: «Non fate estorsioni ad alcuno, non accusate falsamente alcuno e contentatevi della vostra paga».

Può sembrare strano, ma secondo il Battista, questi elencati sono tipi di frutti del ravvedimento. Ed oggi? Vi sono frutti simili nelle vite di coloro che ascoltano i predicatori? Le persone che un giorno hanno ascoltato un messaggero cristiano, il giorno seguente cominciano a far parte dei propri vestiti, del proprio cibo, o di altri averi essenziali con chi ne è in deficit?
E chissà se tutti quelli che professano di credere in Dio ritenendosi di fede cristiana abbiano smesso fin dalla loro presunta conversione di rubare o dire bugie, vivendo onestamente e assolvendo i propri doveri in modo irreprensibile. Sarebbe davvero una nazione santa e benedetta da Dio quella dove quasi tutti si dicono cristiani!

Ma c’è una voce ingannatrice che sussurra alle orecchie dei predicatori, gli dice di lasciare la gente vivere come meglio crede, o di lasciarla vivere addirittura secondo le normali tendenze umane. Gli consiglia di chiudere la bocca per evitare di urtare la sensibilità di qualcuno attraverso la riprensione. Gli consiglia di lasciare che le anime carnali si compiacciano nelle astute esortazioni a "non giudicare per non essere giudicati".
Sono sempre più i predicatori che ubbidiscono a tale voce!
E' impopolare essere come il Battista!

E peggio ancora è somigliare a Gesù!

Gesù non era affatto come viene presentato nei quadretti da muro o secondo quei pensieri di cristiani romantici moderni. Leggete l'inizio della rivelazione dell’Apocalisse ed avrete una descrizione di come Lui è adesso e di come parla alle chiese!
Oggi si preferisce evitare questi modi drastici di presentare l'orrenda situazione degli uomini, e i risultati sono più che evidenti, basta guardarsi intorno, anzi, basta guardare in casa propria.

Al contrario il risultato del Battista era che folle venivano a lui, proprio per il suo parlare chiaro, senza fronzoli umanistici, tutti lo temevano e lo riconoscevano come vero uomo di Dio, anzi, molti addirittura lo scambiavano per il Messia stesso:

Luca 3:15 Ora il popolo era in attesa, e tutti si chiedevano in cuor loro se Giovanni fosse lui il Cristo. 16 Giovanni rispose, dicendo a tutti: «Io vi battezzo con acqua; ma viene Colui che è più forte di me, al quale io non sono neppure degno di sciogliere il legaccio dei sandali; Egli vi battezzerà con lo Spirito Santo e col fuoco. 17 Egli ha in mano il suo ventilabro, per pulire interamente la sua aia e raccogliere il grano nel suo granaio; ma brucerà la pula con fuoco inestinguibile».

Eccolo, il Vangelo! Nella sua integrità e semplicità. Nonostante Giovanni abbia ministrato precedentemente alla Pentecoste, il suo messaggio era completo e non differente dagli esempi di evangelizzazione del Nuovo Testamento: esortava al ravvedimento e presentava la salvezza e la giustizia di Dio compiuti per mezzo di quell'Uno che raccoglierà sì il Suo grano, ma avvertendo che ne brucerà Egli stesso la pula.

Questi è dunque il messaggio del Vangelo eterno, la Buona Notizia che ci comunica la Via della Salvezza e la Vita che si ottiene credendo in Gesù Cristo quale Signore, a cui possiamo rivolgerci con pentimento disponendoci ad essere un frutto utile al nostro Creatore.
Un messaggio glorioso, che non manca di riportare al mondo che quel Gesù è stato costituito da Dio il SIGNORE per mezzo del quale saranno giudicati tutti gli uomini di tutti i tempi e di tutti i luoghi che non hanno aperto il cuore alla Verità preferendo di operare nelle tenebre anziché nella luce.

Luca 3:18 Così egli evangelizzava il popolo, esortandolo in molti altri modi.

Possa Iddio inviare ancora oggi veri evangelisti nella Sua grande messe.