Nuova Riveduta:

1Corinzi 1:1

(At 18:1-18; 20:3)(1Ti 3:14-16)
Saluti e rendimento di grazie
Ro 1:1-7; Gd 1-2; At 18
Paolo, chiamato a essere apostolo di Cristo Gesù per volontà di Dio, e il fratello Sostene,

C.E.I.:

1Corinzi 1:1

Paolo, chiamato ad essere apostolo di Gesù Cristo per volontà di Dio, e il fratello Sòstene,

Nuova Diodati:

1Corinzi 1:1

Indirizzo, saluti e ringraziamento
Paolo, chiamato ad essere apostolo di Gesù Cristo per volontà di Dio, e il fratello Sostene,

Bibbia della Gioia:

1Corinzi 1:1


Questa lettera è scritta da Paolo, scelto da Dio per essere apostolo di Gesù Cristo, e dal fratello Sòstene,

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

1Corinzi 1:1

Soprascritta, saluti, rendimento di grazie
Paolo, chiamato ad essere apostolo di Cristo Gesù per la volontà di Dio, e il fratello Sostene,

Diodati:

1Corinzi 1:1

PAOLO, chiamato ad essere apostolo di Gesù Cristo, per la volontà di Dio, e il fratello Sostene;

Commentario:

1Corinzi 1:1

L'INTRODUZIONE EPISTOLARE

1Corinzi 1:1-9

L'introduzione comprende IL SALUTO che Paolo manda alla Chiesa di Corinto 1Corinzi 1:1-3 e l'ESPRESSIONE della propria RICONOSCENZA per i doni diversi di cui Dio l'aveva arricchita 1Corinzi 1:4-9.

1Corinzi 1:1-3 Il saluto

Uniformandosi alle regole dello stile epistolare dei loro tempi Atti 23:26; 15:23, gli scrittori del Nuovo Test. cominciano le loro lettere col mandare un saluto ai destinatari di esse; ma questo saluto viene elevato all'altezza dello spirito cristiano. Al suo nome, Paolo aggiunge la sua qualità di Apostolo di Cristo, affinchè i Corinzi ricevano colla dovuta ubbidienza le sue istruzioni e correzioni. «Chi ascolta voi ascolta me».

Paolo chiamato [ad essere] Apostolo,

ossia inviato,

di Cristo Gesù, per la volontà di Dio,

non degli uomini, nè sua, come ben lo prova il modo in cui Cristo lo ha chiamato alla sua conoscenza ed al suo servizio Atti 9; 22:14-16; 26:16-18; Galati 1. L'Apostolo associa umilmente al suo, il nome del

fratello Sostene,

che ha dovuto godere di una certa notorietà ed autorità morale presso i cristiani di Corinto 2Corinzi 1:1. Si tratta probabilmente dell'ex capo della sinagoga mentovato negli Atti 18:17, o di poi convertito e divenuto collaboratore dell'Apostolo. Per la considerazione in cui era tenuto, egli poteva utilmente appoggiare presso ai Corinzi quanto Paolo stava per scrivere, e togliere alle concessioni ogni colore personale Galati 1:2.

Riferimenti incrociati:

1Corinzi 1:1

Rom 1:1; Ga 2:7,8
1Co 3:9; 9:1,2; 15:9; Lu 6:13; Giov 20:21; At 1:2,25,26; 22:21; Rom 1:5; 2Co 11:5; 12:12; Ga 1:1; Ef 4:11; 1Ti 1:1; 2:7
1Co 6:16,17; Giov 15:16; 2Co 1:1; Ga 1:15,16; Ef 1:1; Col 1:1
At 18:17

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata