Nuova Riveduta:

Apocalisse 14:10

egli pure berrà il vino dell'ira di Dio versato puro nel calice della sua ira; e sarà tormentato con fuoco e zolfo davanti ai santi angeli e davanti all'Agnello».

C.E.I.:

Apocalisse 14:10

berrà il vino dell'ira di Dio che è versato puro nella coppa della sua ira e sarà torturato con fuoco e zolfo al cospetto degli angeli santi e dell'Agnello.

Nuova Diodati:

Apocalisse 14:10

berrà anch'egli il vino dell'ira di Dio, versato puro nel calice della sua ira e sarà tormentato con fuoco e zolfo davanti ai santi angeli e davanti all'Agnello.

Bibbia della Gioia:

Apocalisse 14:10

berrà il vino dell'ira di Dio, che è già versato puro nel calice della sua collera. E sarà tormentato nel fuoco e nello zolfo incandescente alla presenza dei santi angeli e dell'Agnello.

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Apocalisse 14:10

beverà anch'egli del vino dell'ira di Dio mesciuto puro nel calice della sua ira: e sarà tormentato con fuoco e zolfo nel cospetto dei santi angeli e nel cospetto dell'Agnello.

Diodati:

Apocalisse 14:10

anch'egli berrà del vino dell'ira di Dio, mesciuto tutto puro nel calice della sua ira; e sarà tormentato con fuoco, e zolfo, nel cospetto de' santi angeli, e dell'Agnello.

Commentario:

Apocalisse 14:10

beverà anch'egli,

come la meretrice Babilonia o come le nazioni da lei traviate,

del vino dell'ira di Dio mesciuto puro nel calice della sua ira;

mentre di solito si beveva il vino annacquato, questo avrà tutta la sua forza, cioè la giustizia divina in tutto il suo rigore, senza attenuazione di misericordia, colpirà il colpevole.

e sarà tormentato con fuoco e zolfo nel cospetto dei santi angeli e nel cospetto dell'Agnello.

L'immagine del fuoco e dello zolfo per rappresentare i tormenti inflitti agli sprezzatori di Dio e della sua salvezza, si riannoda alla storia delle città di Sodoma e Gomorra su cui Dio fece piovere zolfo e fuoco distruggendole per sempre. Isaia, volendo descriver la rovina perpetua del territorio di Edom, a sud del Mar Morto, dice: 'I torrenti d'Edom saran mutati in pece e la sua polvere in zolfo, e la sua terra diventerà pece ardente. Non si spengerà nè notte nè giorno; il fumo ne salirà in perpetuo...' (Isaia 34:9-10; Cfr. Isaia 66:24). Nello 'stagno ardente di fuoco e di zolfo' sono gettati vivi 'la bestia e il falso profeta' e con loro il diavolo Apocalisse 19:20; 20:10 e chi avrà perseverato nel male Apocalisse 21:8. Il subir la pena in presenza dei santi angeli e nel cospetto del Salvatore, da loro disprezzato e rinnegato, aggiunge vergogna e amarezza al loro tormento.

Riferimenti incrociati:

Apocalisse 14:10

Ap 16:19; 18:3; Giob 21:20; Sal 11:6; 60:3; 75:8; Is 29:9; 51:17,21,22; Ger 25:15-17,27; 51:57
Ap 18:6; Sal 73:10; Is 51:17; Ger 49:12; Lam 4:21; Abac 2:16; Mat 20:22; 26:39
Ap 9:17,18; 19:20; 20:10; 21:8; Ge 19:24; De 29:23; Giob 18:15; Sal 11:6; Is 30:33; 34:9; Mat 25:41; Giuda 1:7
Sal 37:34; 52:6; 91:8; Ez 20:48; Mat 13:41,42,49,50; 2Te 1:8,9

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata