Nuova Riveduta:

Atti 13:2

Mentre celebravano il culto del Signore e digiunavano, lo Spirito Santo disse: «Mettetemi da parte Barnaba e Saulo per l'opera alla quale li ho chiamati».

C.E.I.:

Atti 13:2

Mentre essi stavano celebrando il culto del Signore e digiunando, lo Spirito Santo disse: «Riservate per me Barnaba e Saulo per l'opera alla quale li ho chiamati».

Nuova Diodati:

Atti 13:2

Or, mentre celebravano il servizio al Signore e digiunavano, lo Spirito Santo disse: «Mettetemi da parte Barnaba e Saulo per l'opera alla quale li ho chiamati».

Bibbia della Gioia:

Atti 13:2

Un giorno, mentre questi uomini stavano adorando il Signore e digiunavano, lo Spirito Santo disse loro: «Mettetemi a disposizione Barnaba e Saulo per una missione speciale, che ho in serbo per loro».

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Atti 13:2

E mentre celebravano il culto del Signore e digiunavano, lo Spirito Santo disse: Mettetemi a parte Barnaba e Saulo per l'opera alla quale li ho chiamati.

Diodati:

Atti 13:2

E mentre facevano il pubblico servigio del Signore, e digiunavano, lo Spirito Santo disse: Appartatemi Barnaba e Saulo, per l'opera, alla quale io li ho chiamati.

Commentario:

Atti 13:2

Il pubblico servigio.

La parola greca ( λειτουργειν leitourghein) esprime nel greco classico ogni servigio reso allo Stato o alla cosa pubblica; il disimpegno dei doveri e degli uffici civili. Nei Settanta è usata a significare il ministerio dei sacerdoti e dei leviti nel Tempio (vedi traduz. greca dei Settanta, di Esodo 28:41; Numeri 4:37; Esodo 40:13). Nel Nuovo T., allo stesso modo, è usata a significare il culto del Tempio Luca 1:23; Ebrei 8:6; 9:21. Nella Chiesa cristiana, passò a significare, come nel nostro passo, il culto del Nuovo Patto che ha per centro la Santa Cena, ossia la commemorazione della morte del Salvatore Atti 2:42. Nel linguaggio ecclesiastico posteriore, poi, la si usò, come la si usa oggi, ad indicare l'ordine del culto o il modo di celebrare il culto nella Chiesa cristiana. Nel nostro passo si tratta di una ordinaria riunione di edificazione, sul tipo di quelle descritte in Atti 2:42; una riunione in cui si pregava, si cantava, si predicava, si commemorava la morte di Cristo; e la traduzione vera, la sola razionalmente possibile del leitourghein del testo, è questa: mentre celebravano il culto del Signore.

Lo Spirito Santo disse

per la bocca d'uno dei profeti (vers. 1); forse, di Barnaba stesso. I profeti, come ho detto al vers. 1, erano, in modo tutto speciale, il mezzo pel quale lo Spirito rivelava la sua volontà, i suoi desideri ed i suoi pensieri alla Chiesa Atti 20:23; 1Timoteo 1:18.

Appartatemi...

La vocazione a questo, apostolato fra i Gentili era stata predetta da Gesù Atti 26:16-18. Adesso, è sonata l'ora del compimento della solenne parola; e nella chiesa d'Antiochia la missione, per impulso dello Spirito, si ordina e si costituisce.

Riferimenti incrociati:

Atti 13:2

At 6:4; De 10:8; 1Sa 2:11; 1Cron 16:4,37-43; Rom 15:16; Col 4:17; 2Ti 1:11; 4:5,11
At 13:3; 10:30; Dan 9:3; Mat 6:16; 9:14,15; Lu 2:37; 1Co 7:5; 2Co 6:5; 11:27
At 10:19; 16:6,7; 1Co 12:11
At 22:21; Nu 8:11-14; Rom 1:1; 10:15; Ga 1:15; 2:8,9; 2Ti 2:2
At 9:15; 14:26; Mat 9:38; Lu 10:1; Ef 3:7; 1Ti 2:7; 2Ti 1:11; Eb 5:4

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata