Nuova Riveduta:

Atti 18:12

At 25:15-21; Ro 13:3-4
Poi, quando Gallione era proconsole dell'Acaia, i Giudei, unanimi, insorsero contro Paolo, e lo condussero davanti al tribunale, dicendo:

C.E.I.:

Atti 18:12

Mentre era proconsole dell'Acaia Gallione, i Giudei insorsero in massa contro Paolo e lo condussero al tribunale dicendo:

Nuova Diodati:

Atti 18:12

Ma, mentre Gallione era proconsole dell'Acaia, i Giudei insorsero tutti d'accordo contro Paolo e lo condussero al tribunale,

Bibbia della Gioia:

Atti 18:12

Ma quando Gallione fu fatto proconsole d'Acaia, i Giudei, di comune accordo, insorsero contro Paolo, lo trascinarono in tribunale e lo accusarono, dicendo:

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Atti 18:12

Poi, quando Gallione fu proconsole d'Acaia, i Giudei, tutti d'accordo, si levaron contro Paolo, e lo menarono dinanzi al tribunale, dicendo:

Diodati:

Atti 18:12

Poi, quando Gallione fu proconsolo d'Acaia, i Giudei di pari consentimento si levarono contro a Paolo, e lo menarono al tribunale, dicendo:

Commentario:

Atti 18:12

Quando Gallione fu proconsolo d'Acaia

L'Acaia era stata una provincia senatoriale, sotto Augusto; imperiale, sotto Tiberio; sotto Claudio, era tornata ad essere senatoriale. Il governatore di una provincia senatoriale si chiamava "il proconsolo". Marco Anneo Navate, soprannominato Gallione perché L. Giunio Gallione l'aveva adottato, era figlio del retore Seneca e fratello di Seneca il filosofo (Tacito, Annali 15:73; 16:17). Suo fratello parla in modo molto affettuoso della dolcezza del carattere di lui. "Nessun mortale, ei dice, fu mai così dolce verso uno solo dei suoi simili, com'egli lo fu verso tutti" (Pref. Quest ioni Natu. 4). "Fu molto amato, dice lo stesso fratello (Ep. 104); fu molto amato anche da quelli che poco eran capaci d'amare". Fu nominato proconsolo dell'Acaia al tempo stesso del soggiorno di Paolo a Corinto; e i giudei profittarono del suo arrivo per isbarazzarsi del novatore importuno. "Il nuovo proconsolo, pensavano essi, si lascerà andare facilmente a condannarlo per un preteso delitto politico, considerando che l'introduzione d'un culto nuovo è severamente proibito dalla legge" Atti 18:13.

Al tribunale.

Il tribunale era nell'agorà, nella pubblica piazza ove il proconsolo, circondato dai suoi littori, giudicava dei casi che gli erano presentati Atti 16:12,22,35.

Riferimenti incrociati:

Atti 18:12

At 13:7,12
At 18:27; Rom 15:26; 16:5; 1Co 16:15; 2Co 1:1; 9:2; 11:10; 1Te 1:7,8
At 13:50; 14:2,19; 17:5,13; 21:27-36
At 18:16,17; 25:10; Mat 27:19; Giov 19:13; Giac 2:6

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata