Nuova Riveduta:

Ebrei 12:11

È vero che qualunque correzione sul momento non sembra recare gioia, ma tristezza; in seguito tuttavia produce un frutto di pace e di giustizia in coloro che sono stati addestrati per mezzo di essa.

C.E.I.:

Ebrei 12:11

Certo, ogni correzione, sul momento, non sembra causa di gioia, ma di tristezza; dopo però arreca un frutto di pace e di giustizia a quelli che per suo mezzo sono stati addestrati.

Nuova Diodati:

Ebrei 12:11

Ogni correzione infatti, sul momento, non sembra essere motivo di gioia, ma di tristezza; dopo però rende un pacifico frutto di giustizia a quelli che sono stati esercitati per mezzo suo.

Riveduta:

Ebrei 12:11

Or ogni disciplina sembra, è vero, per il presente non esser causa d'allegrezza, ma di tristizia; però rende poi un pacifico frutto di giustizia a quelli che sono stati per essa esercitati.

Diodati:

Ebrei 12:11

Or ogni castigamento par bene per l'ora presente non esser d'allegrezza anzi di tristizia; ma poi rende un pacifico frutto di giustizia a quelli che sono stati per esso esercitati.

Commentario:

Ebrei 12:11

Ora ogni castigo non sembra, per il presente, esser [cagione] di allegrezza ma di tristezza; però alla, fine rende un frutto pacifico di giustizia a coloro che sono per mezzo di esso esercitati.

La divina disciplina non mira soltanto ad un altissimo fine, ma, a suo tempo, lo raggiunge. Solo, come il frutto dell'albero non matura, che lentamente, così il frutto della educazione di Dio non si scorge subito. Anzi nel momento in cui uno è chiamato a sostenere la divina ed anche l'umana paideia, qualunque sia la sua natura o forma speciale (ogni castigo) essa non appare quale sorgente di allegrezza, ma solo di tristezza per il dolore che cagiona, poichè la verga fa piangere e non se ne scorge subito il movente ch'è la bontà, nè il fine ch'è il nostro bene: ma in seguito, essa produce il suo frutto prezioso consistente in giustizia. Quel frutto è qualificato pacifico perchè si raccoglie in pace dopo la lotta, dopo la fatica dell'esercizio, allorquando son cessati il turbamento, l'angoscia e le lagrime ed è tornato a splendere il sole in un cielo sereno. L'osservazione è intesa a produrre pazienza e fede nei lettori che sono sottomessi alla disciplina di Dio come gli atleti ad un esercizio ginnastico regolare, faticoso, pieno di privazioni. Il risultato ultimo sarà non solo utile (un frutto), ma buono (giustizia), e dolcissimo (pacifico). Talchè, i tre raggi dell'ideale biblico sparsi e divisi nelle teorie umane, si trovano qui riuniti in sintesi superiore: l'utilità, la giustizia e la vera felicità.

Riferimenti incrociati:

Ebrei 12:11

Sal 89:32; 118:18; Prov 15:10; 19:18
Eb 12:5,6,10
Sal 119:165; Is 32:17; Rom 5:3-5; 14:17; 2Co 4:17; Ga 5:22,23; Giac 3:17,18
Eb 5:14; 1Ti 4:7,8; 2P 2:14


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata