Nuova Riveduta:

Ebrei 8:5

Essi celebrano un culto che è rappresentazione e ombra delle cose celesti, come Dio disse a Mosè quando questi stava per costruire il tabernacolo: «Guarda», disse, «di fare ogni cosa secondo il modello che ti è stato mostrato sul monte».

C.E.I.:

Ebrei 8:5

Questi però attendono a un servizio che è una copia e un'ombra delle realtà celesti, secondo quanto fu detto da Dio a Mosè, quando stava per costruire la Tenda: Guarda, disse, di fare ogni cosa secondo il modello che ti è stato mostrato sul monte.

Nuova Diodati:

Ebrei 8:5

i quali servono di esempio ed ombra delle cose celesti, come fu detto da Dio a Mosè, quando stava per costruire il tabernacolo: «Guarda», egli disse, «di fare ogni cosa secondo il modello che ti è stato mostrato sul monte».

Bibbia della Gioia:

Ebrei 8:5

Tuttavia il loro servizio non è che una copia umana o un'ombra delle realtà del cielo. Infatti, quando Mosè stava per costruire il tabernacolo, Dio gli disse: «Bada di fare ogni cosa secondo il modello che ti è stato mostrato sul monte Sinai».

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Ebrei 8:5

i quali ministrano in quel che è figura e ombra delle cose celesti, secondo che fu detto da Dio a Mosè quando questi stava per costruire il tabernacolo: Guarda, Egli disse, di fare ogni cosa secondo il modello che ti è stato mostrato sul monte.

Diodati:

Ebrei 8:5

i quali servono alla rappresentazione ed all'ombra delle cose celesti; siccome fu da Dio detto a Mosè, che dovea compiutamente fabbricare il tabernacolo: Ora, guarda, diss'egli, che tu faccia ogni cosa secondo la forma, che ti è stata mostrata sul monte.

Commentario:

Ebrei 8:5

I quali ministrano [in un santuario] ch'è la figura e l'ombra del celeste, secondo il divino avvertimento ricevuto da Mosè quando stava per costruire il tabernacolo: «Guarda, gli fu detto, di fare ogni cosa secondo il modello che ti è stato mostrato sul monte».

I dativi ὑποδειγματι και σκια (alla figura ed all'ombra...) non sono da intendersi dell'oggetto del culto, come quando si tratta di servire a Dio ( τω θεω Ebrei 9:14), e neppure del modo di ministrare (ministrano in figura ed ombra), ma piuttosto, stando al contesto, del luogo in cui ministrano i sacerdoti, come nella versione che ne diamo. La stessa costruzione s'incontra in Ebrei 13:10: «coloro che ministrano al tabernacolo ( τη σκηνη)» cioè, manifestamente, nel tabernacolo, in connessione con esso. Cfr. per un concetto analogo Ebrei 9:23-24. A mostrare che il santuario terreno non era se non la figura imperfetta e come l'ombra del vero ch'è il celeste, lo scrittore cita la parola in Esodo 25:40 ove Mosè riceve per istruzione di costruire il tabernacolo secondo il modello, mostratogli sul monte. Da questo cenno trae la conclusione che Mosè ha dovuto avere sul Sinai la visione del santuario celeste ch'è la gloriosa abitazione di Dio e di cui quello terreno non doveva essere che una miniatura imperfetta. Certo è che abbondano in tutto l'Antico Testamento i passi ove s'insegna che l'Eterno non abita in santuari fatti di mano d'uomini. Cf. 1Re 8:27 e segg. la preghiera di Salomone. Or Cristo ministra nel vero santuario ed il ministerio sacerdotale ch'egli vi compie non è una semplice figura, ma è qualcosa di reale e di efficace.

Riferimenti incrociati:

Ebrei 8:5

Eb 9:9,23,24; 10:1; Col 2:17
Eso 25:40; 26:30; 27:8; Nu 8:4; 1Cron 28:12,19; At 7:44

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata