Nuova Riveduta:

Esodo 14:5

Quando dissero al re d'Egitto che il popolo era fuggito, il cuore del faraone e dei suoi servitori mutò sentimento verso il popolo, e quelli dissero: «Che abbiamo fatto rilasciando Israele? Non ci serviranno più!»

C.E.I.:

Esodo 14:5

Quando fu riferito al re d'Egitto che il popolo era fuggito, il cuore del faraone e dei suoi ministri si rivolse contro il popolo. Dissero: «Che abbiamo fatto, lasciando partire Israele, così che più non ci serva!».

Nuova Diodati:

Esodo 14:5

Fu quindi riferito al re d'Egitto che il popolo era fuggito; e il cuore del Faraone e dei suoi servi mutò nei confronti del popolo, e dissero: «Che abbiamo fatto a lasciare andare Israele dal nostro servizio?».

Bibbia della Gioia:

Esodo 14:5

Non ci sono versetti che hanno questo riferimento.

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Esodo 14:5

Or fu riferito al re d'Egitto che il popolo era fuggito; e il cuore di Faraone e de' suoi servitori mutò sentimento verso il popolo, e quelli dissero: 'Che abbiam fatto a lasciar andare Israele, sì che non ci serviranno più?'

Diodati:

Esodo 14:5

Or fu rapportato al re di Egitto, che il popolo se ne fuggiva; e il cuore di Faraone e de' suoi servitori si mutò inverso il popolo, e dissero: Che cosa è questo che noi abbiam fatto, di aver lasciato andar gl'Israeliti, per non servirci più?

Commentario:

Esodo 14:5

Capitolo 14

Dio indirizza gli Israeliti a Pi-achirot, Faraone li insegue. (1-9) Gli Israeliti mormorano, Mosè li consola. (10-14) Dio istruisce Mosè, la nube tra gli Israeliti e gli egiziani. (15-20) Gli Israeliti attraversano il mar Rosso, gli egiziani affogano in esso. (21-31)

Versi 1-9 Faraone pensò che tutto Israele fosse rimasto imprigionato nel deserto diventando così una preda facile. Ma Dio dice: "Avrò gloria su Faraone". Tutti gli uomini furono creati per onorare il loro Creatore e coloro che non lo fanno, dovranno prima o poi riconoscerlo. Coloro che tramano la rovina della chiesa, sono spesso essi stessi ad essere rovinati. Appagando la sua malizia e la sua vendetta, Faraone affrettò il giudizio di Dio che lo riguardava. Sebbene a ragione avesse permesso ad Israele di andare, tuttavia adesso era più arrabbiato che mai con se stesso per questo fatto. Dio rende l'invidia e la rabbia degli uomini contro il suo popolo un tormento ad essi stessi. Quelli che volgono i loro occhi al cielo e vogliono vivere piamente in Cristo Gesù, devono aspettarsi di essere assaliti dalle tentazioni e dai terrori di Satana. Egli non si rassegna facilmente a chiunque voglia allontanarsi dal suo servizio.

Riferimenti incrociati:

Esodo 14:5

Eso 12:33; Sal 105:25
Ger 34:10-17; Lu 11:24-26; 2P 2:20-22

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata