Nuova Riveduta:

Filippesi 3:3

perché i veri circoncisi siamo noi, che offriamo il nostro culto per mezzo dello Spirito di Dio, che ci vantiamo in Cristo Gesù, e non mettiamo la nostra fiducia nella carne;

C.E.I.:

Filippesi 3:3

Siamo infatti noi i veri circoncisi, noi che rendiamo il culto mossi dallo Spirito di Dio e ci gloriamo in Cristo Gesù, senza avere fiducia nella carne,

Nuova Diodati:

Filippesi 3:3

I veri circoncisi infatti siamo noi che serviamo Dio nello Spirito e ci gloriamo in Cristo Gesù senza confidarci nella carne,

Bibbia della Gioia:

Filippesi 3:3

Non è mutilando il nostro corpo che diventiamo figli di Dio, bensì adorando il Signore guidati dallo Spirito Santo. Questa soltanto è la vera circoncisione. Noi cristiani siamo fieri di ciò che Cristo ha fatto per noi e sappiamo bene che non c'è niente che possiamo fare per salvarci per conto nostro.

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Filippesi 3:3

poiché i veri circoncisi siamo noi, che offriamo il nostro culto per mezzo dello Spirito di Dio, che ci gloriamo in Cristo Gesù, e non ci confidiamo nella carne;

Diodati:

Filippesi 3:3

Poichè la circoncisione siam noi, noi che serviamo in Ispirito a Dio, e ci gloriamo in Cristo Gesù, e non ci confidiamo nella carne.

Commentario:

Filippesi 3:3

Poichè siam noi i circoncisi; noi, il cui culto è nello Spirito di Dio; che ci gloriamo in Cristo Gesù, e che non confidiamo nella carne.

La loro è circoncision della carne soltanto; la nostra è circoncisione del cuore (Cfr. Romani 2:25-29; Efesini 2:11; Colossesi 2:11; cfr. Levitico 26:41; Deuteronomio 10:16; 30.6; Geremia 6:10; 9:25-26; Ezechiele 44:7). E la prova che la nostra è la vera circoncisione del cuore, eccola: Il nostro culto non è nè il culto rigido e formalistico dell'Israele secondo la carne, nè il culto meschino e bigotto di quei «mutilati» là, ma è un culto ispirato dallo Spirito di Dio e quindi, pieno di lode, di espansione, di gratitudine, di vita; noi non ci gloriamo in noi stessi, o in qualcosa di nostro; non nella circoncisione, non nel fatto che discendiam dai lombi d'Abramo, ma in Cristo Gesù ci gloriamo, ch'è l'unica sorgente di ogni vera giustizia (Cfr. Romani 2:17; 1Corinzi 1:31; 2Corinzi 10:17; Galati 6:14); e, finalmente, noi non confidiamo nella carne; non confidiamo, cioè, in quei privilegi esterni che quei giudaizzanti là vantano tanto, come se potessero di per sè assicurare o render più facile la salvazione.

Carne,

qui (Cfr. 2Corinzi 11:18; Galati 6:13-14), equivale alla somma di tutti i privilegi esterni fuori di Cristo; osservanze legali, circoncisione, discendenza da Abramo, prescrizioni rituali senza spirito di fede e di assoluta filiale sottomissione a Dio, e tutto quanto riassunto da Paolo in una parola: carne.

Riferimenti incrociati:

Filippesi 3:3

Ge 17:5-11; De 10:16; 30:6; Ger 4:4; 9:26; Rom 2:25-29; 4:11,12; Col 2:11
Mal 1:11; Giov 4:23,24; Rom 1:9; 7:6; 8:15,26,27; Ef 6:18; Giuda 1:20
Fili 3:7-9; Sal 105:3; Is 45:25; Ger 9:23,24; 1Co 1:29-31; Ga 6:13,14
Fili 3:4-6; 1P 1:23-25

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata