Nuova Riveduta:

Genesi 21:17

Dio udì la voce del ragazzo e l'angelo di Dio chiamò Agar dal cielo e le disse: «Che hai, Agar? Non temere, perché Dio ha udito la voce del ragazzo là dov'è.

C.E.I.:

Genesi 21:17

Ma Dio udì la voce del fanciullo e un angelo di Dio chiamò Agar dal cielo e le disse: «Che hai, Agar? Non temere, perché Dio ha udito la voce del fanciullo là dove si trova.

Nuova Diodati:

Genesi 21:17

E DIO udì la voce del ragazzo; e l'angelo di DIO chiamò Agar dal cielo e le disse: «Che hai, Agar? Non temere, perché DIO ha udito la voce del ragazzo là dove si trova.

Bibbia della Gioia:

Genesi 21:17

Non ci sono versetti che hanno questo riferimento.

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Genesi 21:17

E Dio udì la voce del ragazzo; e l'angelo di Dio chiamò Agar dal cielo, e le disse: 'Che hai, Agar? non temere, poiché Iddio ha udito la voce del fanciullo là dov'è.

Diodati:

Genesi 21:17

E Iddio udì la voce del fanciullo, e l'Angelo di Dio chiamò Agar dal cielo, e le disse: Che hai, Agar? non temere; perciocchè Iddio ha udita la voce del fanciullo, là dove egli è.

Commentario:

Genesi 21:17

14 Versi 14-21

Se Agar e Ismaele si fossero comportati bene in casa di Abraamo, essi avrebbero potuto continuare a dimorare là, ma essi vennero puniti a ragione. Abusando dei privilegi noi ne veniamo privati. Quelli che non sanno apprezzare le cose, conosceranno il valore della provvidenza desiderandole proprio nel momento del bisogno. Essi furono nei guai del deserto. Non ci è detto se le loro provviste finirono o se Abraamo li mandò via senza denaro, ma l'acqua finì e, avendo smarrito la strada, a causa di quel clima caldo Ismaele venne presto assalito dalla fatica e dalla sete. Dio è sempre a disposizione per aiutarci quando siamo in difficoltà e non ci abbatte ma aumenta i nostri sforzi per aiutarci. La promessa divina che riguarda il figlio è qui ripetuta come se Agar dovesse darsi da fare per andare incontro al Signore. La nostra preoccupazione deve essere rivolta ai bambini e ai giovani considerando quale grande uso Dio vorrà farne di loro. L'angelo la indirizza a una provvista lì presente. Tanti hanno motivo di consolarsi ma sono giorno dopo giorno nel dispiacere proprio perché non riescono a vedere il conforto. C'è infatti la benedizione dell'acqua a portata di mano grazie al patto di grazia, ma essi non ne sono consapevoli. Lo diventano invece quando Dio stesso apre i loro occhi per fargli vedere che hanno toccato il fondo e presentargli il rimedio. Paran era un posto selvaggio, adatto ad un uomo selvaggio come Ismaele. Quelli che nascono secondo la carne hanno da fare con il deserto di questo mondo, mentre i figli della promessa vanno verso la terra di Canaan divina e non riposano finché sono in questo mondo. Tuttavia Dio era con il ragazzo e questa era la sua benedizione.

Riferimenti incrociati:

Genesi 21:17

Ge 16:11; Eso 3:7; 22:23,27; 2Re 13:4,23; Sal 50:15; 65:2; 91:15; Mat 15:32
Ge 16:9,11
Giudic 18:23; 1Sa 11:5; Is 22:1
Ge 15:1; 46:3; Eso 14:13; Sal 107:4-6; Is 41:10,13,14; 43:1,2; Mar 5:36

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata