Nuova Riveduta:

Genesi 42:13

Quelli risposero: «Noi, tuoi servi, siamo dodici fratelli, figli di uno stesso uomo, del paese di Canaan. Ecco, il più giovane è oggi con nostro padre, e uno non è più».

C.E.I.:

Genesi 42:13

Allora essi dissero: «Dodici sono i tuoi servi, siamo fratelli, figli di un solo uomo, nel paese di Canaan; ecco il più giovane è ora presso nostro padre e uno non c'è più».

Nuova Diodati:

Genesi 42:13

Allora essi dissero: «Noi, tuoi servi, siamo dodici fratelli, figli di uno stesso uomo nel paese di Canaan. Ed ecco, il più giovane è oggi con nostro padre, e uno non è più».

Bibbia della Gioia:

Genesi 42:13

Non ci sono versetti che hanno questo riferimento.

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Genesi 42:13

E quelli risposero: 'Noi, tuoi servitori, siamo dodici fratelli, figliuoli d'uno stesso uomo, del paese di Canaan. Ed ecco, il più giovane è oggi con nostro padre e uno non è più'.

Diodati:

Genesi 42:13

Ed essi dissero: Noi, tuoi servitori, eravamo dodici fratelli, figliuoli di uno stesso uomo, nel paese di Canaan; ed ecco, il minore è oggi con nostro padre, e uno non è più.

Commentario:

Genesi 42:13

7 Versi 7-20

Giuseppe fu duro verso i suoi fratelli, non per spirito di vendetta, ma per portarli a ravvedimento. Non vedendo suo fratello Beniamino, egli sospettò che essi lo avessero tolto di mezzo e così diede loro occasione di riferire del loro padre e del loro fratello. Dio, nella sua provvidenza, sembra talvolta duro verso quelli che egli ama e parla rudemente a coloro verso cui tuttavia egli ha in serbo grandi benedizioni nei suoi granai per essi. Giuseppe stabilì alla fine che uno di loro sarebbe rimasto, mentre il resto sarebbe andato a casa a prendere Beniamino. Fu una parola molto incoraggiante quella che disse loro: "temo Dio", come se avesse detto che potevano stare tranquilli in quanto non avrebbe fatto loro alcun torto: "Non me lo permetto perché so che c'è Uno più grande di me". Da quelli che temono Dio non possiamo aspettarci trattamenti ingiusti.

Riferimenti incrociati:

Genesi 42:13

Ge 42:11,32; 29:32-35; 30:6-24; 35:16-26; 43:7; 46:8-27; Eso 1:2-5; Nu 1:1-54; 10:1-36; 26:1-65; 34:1-29; 1Cron 2:1-8:40
Ge 42:36,38; 37:30; 44:20,28; 45:26; Ger 31:15; Lam 5:7; Mat 2:16,18

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata