Nuova Riveduta:

Genesi 9:16

L'arco dunque sarà nelle nuvole e io lo guarderò per ricordarmi del patto perpetuo fra Dio e ogni essere vivente, di qualunque specie che è sulla terra».

C.E.I.:

Genesi 9:16

L'arco sarà sulle nubi
e io lo guarderò per ricordare l'alleanza eterna
tra Dio e ogni essere che vive in ogni carne
che è sulla terra».

Nuova Diodati:

Genesi 9:16

L'arco dunque sarà nelle nuvole e io lo guarderò per ricordarmi del patto eterno fra DIO e ogni essere vivente di qualunque carne che è sulla terra».

Bibbia della Gioia:

Genesi 9:16

Non ci sono versetti che hanno questo riferimento.

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Genesi 9:16

L'arco dunque sarà nelle nuvole, e io lo guarderò per ricordarmi del patto perpetuo fra Dio e ogni essere vivente, di qualunque carne che è sulla terra'.

Diodati:

Genesi 9:16

L'Arco adunque sarà nella nuvola, ed io lo riguarderò, per ricordarmi del patto perpetuo, fra Dio ed ogni animal vivente, di qualunque carne ch'è sopra la terra.

Commentario:

Genesi 9:16

8 Versi 8-17

Come il vecchio il mondo fu distrutto per diventare un monito di giustizia, così questo mondo rimane come monito di misericordia. Ma il peccato che fece perire il vecchio mondo, brucerà questo nuovo. Nei patti tra gli uomini, ciò che si promette dovrebbe essere solennemente mantenuto e l'adempiere quanto pattuito da sicuramente maggior soddisfazione reciproca. Il sigillo di questo patto biblico fu l'arcobaleno che probabilmente appariva già da prima fra le nubi ma che mai fu un sigillo di un patto fino ad adesso. L'arcobaleno appare quando abbiamo maggiormente motivo di temere la pioggia copiosa: Dio, perciò, mostra questo sigillo della parola affinché essa non prevalga. Più densa è la nube, più luminoso è l'arco nella nube. Così, laddove abbondano afflizioni minacciose così abbondano maggiormente le consolazioni. L'arcobaleno è la riflessione dei raggi del sole che splendono sulle gocce di pioggia: tutta la gloria dei sigilli del patto deriva da Cristo, Sole di giustizia. Ed egli verserà una gloria sulle lacrime dei suoi santi. Un arco indica terrore ma questo non ha né corda né freccia e un solo arco non fa che poche ferite. Qui troviamo un arco che è diretto verso l'alto, non verso la terra, poiché i sigilli del patto sono stati progettati per consolare e non per incutere terrore. Come Dio guardando l'arcobaleno ricorda il patto, così pure noi ricordiamo quel patto con fede e gratitudine. Senza la rivelazione, questa dolce rassicurazione non poteva essere conosciuta, ma senza fede essa sarà inutile a noi. Ma quando nei pericoli più grandi, ai quali tutti siamo esposto, ci riferiamo al nuovo patto con le sue benedizioni esso sarà una dolce consolazione per noi.

Riferimenti incrociati:

Genesi 9:16

Ge 9:9-11; 8:21,22; 17:13,19; 2Sa 23:5; Sal 89:3,4; Is 54:8-10; 55:3; Ger 32:40; Eb 13:20

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata