Nuova Riveduta:

Giobbe 42:6

Perciò mi ravvedo, mi pento
sulla polvere e sulla cenere».

Ezechiele 20:43-44

43 Là vi ricorderete della vostra condotta e di tutte le azioni con le quali vi siete contaminati; sarete disgustati di voi stessi, per tutte le malvagità che avete commesse; 44 conoscerete che io sono il SIGNORE, quando avrò agito con voi per amor del mio nome e non secondo la vostra condotta malvagia, né secondo le vostre azioni corrotte, o casa d'Israele!", dice il Signore, DIO».

Romani 7:24

Me infelice! Chi mi libererà da questo corpo di morte?

C.E.I.:

Giobbe 42:6

Perciò mi ricredo
e ne provo pentimento sopra polvere e cenere.

Ezechiele 20:43-44

43 Là vi ricorderete della vostra condotta, di tutti i misfatti dei quali vi siete macchiati, e proverete disgusto di voi stessi, per tutte le malvagità che avete commesse. 44 Allora saprete che io sono il Signore, quando agirò con voi per l'onore del mio nome e non secondo la vostra malvagia condotta e i vostri costumi corrotti, uomini d'Israele». Parola del Signore Dio.

Romani 7:24

Sono uno sventurato! Chi mi libererà da questo corpo votato alla morte?

Nuova Diodati:

Giobbe 42:6

Perciò provo disgusto nei miei confronti e mi pento sulla polvere e sulla cenere».

Ezechiele 20:43-44

43 Là ricorderete la vostra condotta e tutte le azioni con le quali vi siete contaminati e proverete disgusto di voi stessi per tutte le malvagità che avete commesso. 44 Così riconoscerete che io sono l'Eterno, quando agirò con voi per amore del mio nome e non secondo la vostra condotta malvagia né secondo le vostre azioni corrotte, o casa d'Israele», dice il Signore, l'Eterno.

Romani 7:24

O miserabile uomo che sono! Chi mi libererà da questo corpo di morte?

Bibbia della Gioia:

Giobbe 42:6

Non ci sono versetti che hanno questo riferimento.

Ezechiele 20:43-44

Non ci sono versetti che hanno questo riferimento.

Romani 7:24

Povero me! Chi mi libererà dalla schiavitù di questo corpo, che mi porta alla morte?

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Giobbe 42:6

Perciò mi ritratto, mi pento sulla polvere e sulla cenere».

Ezechiele 20:43-44

43 E là vi ricorderete della vostra condotta e di tutte le azioni con le quali vi siete contaminati, e sarete disgustati di voi stessi, per tutte le malvagità che avete commesse; 44 e conoscerete che io sono l'Eterno, quando avrò agito con voi per amor del mio nome, e non secondo la vostra condotta malvagia, né secondo le vostre azioni corrotte, o casa d'Israele! dice il Signore, l'Eterno'.

Romani 7:24

Misero me uomo! chi mi trarrà da questo corpo di morte?

Diodati:

Giobbe 42:6

Perciò io riprovo ciò che ho detto, e me ne pento In su la polvere, ed in su la cenere.

Ezechiele 20:43-44

43 E quivi voi vi ricorderete delle vostre vie, e di tutti i vostri fatti, per li quali vi siete contaminati; e vi accorerete appo voi stessi per tutti i mali che avete commessi. 44 E conoscerete che io sono il Signore, quando avrò operato inverso voi, per l'amor del mio Nome; non secondo le vostre vie malvage, nè secondo i vostri fatti corrotti, o casa d'Israele, dice il Signore Iddio.

Romani 7:24

Misero me uomo! chi mi trarrà di questo corpo di morte?

Commentario:

Giobbe 42:6

Non ci sono versetti che hanno questo riferimento.

Ezechiele 20:43-44

Non ci sono versetti che hanno questo riferimento.

Romani 7:24

Questo stato di schiavitù e d'impotenza morale strappa al cuor del vinto un grido di dolore, in cui è espressa tutta la miseria che l'opprime e che lo porta a sospirare dietro ad un liberatore.

Misero me uomo!

Si chiama infelice uomo perchè si tratta infatti qui della miseria dell'uomo che lotta da solo contro al male e cerca invano di scuoterne le catene. Spossato, è costretto di riconoscersi vinto, prigione, e di esclamare:

Chi mi libererà dal corpo di questa morte?

Chi mi strapperà vittoriosamente al nemico, come fa un rinforzo di truppe fresche il quale libera i prigionieri? La costruzione più semplice porta a rendere: «dal corpo di, questa morte», anzichè: «da questo corpo di morte». Questa morte s'intende di questo stato di morte spirituale, cioè di schiavitù, d'impotenza e di miseria morale. Corpo viene (cfr. Romani 6:6) inteso dagli uni come, figura del peccato considerato nella sua unità, quale principio mortifero; da altri si spiega in senso letterale del corpo, delle membra considerate come sede di sensuali concupiscenze, e come strumento al servizio della legge del peccato Romani 8:13; Colossesi 3:5. Non è un sospiro dietro alla morte del corpo, ma verso uno stato morale in cui le membra, invece di servire al peccato, servano di armi alla giustizia.

Riferimenti incrociati:

Giobbe 42:6

Giob 9:31; 40:3,4; Esd 9:6; Sal 51:17; Is 5:5; Ger 31:19; Ez 16:63; 20:43; 36:31; Lu 15:18,19; 1Co 15:8,9; 1Ti 1:13-16; Giac 4:7-10
Giob 2:8; 30:19; 1Re 21:27; Est 4:1-3; Is 58:5; Dan 9:3; Gion 3:6-10; Mat 11:21; Lu 10:13

Ezechiele 20:43-44

43 Ez 6:9; Lev 26:39-41; Ne 1:8-10; Os 5:15
Ez 16:61-63; 36:31; Giob 42:6; Ger 31:18; Zac 12:10-14; Lu 18:13; 2Co 7:11

44 Ez 20:38; 24:24
Ez 20:9,14,22; 36:21,22; Sal 79:9; 115:1; Ef 1:6; 1Ti 1:16

Romani 7:24

Rom 8:26; 1Re 8:38; Sal 6:6; 32:3,4; 38:2,8-10; 77:3-9; 119:20,81-83,131; 119:143,176; 130:1-3; Ez 9:4; Mat 5:4,6; 2Co 12:7-9; Ap 21:4
De 22:26,27; Sal 71:11; 72:12; 91:14,15; 102:20; Mic 7:19; Zac 9:11,12; Lu 4:18; 2Co 1:8-10; 2Ti 4:18; Tit 2:14; Eb 2:15
Rom 6:6; 8:13; Sal 88:5; Col 2:11

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata