Nuova Riveduta:

Giovanni 19:39

Nicodemo, che in precedenza era andato da Gesù di notte, venne anch'egli, portando una mistura di mirra e d'aloe di circa cento libbre.

C.E.I.:

Giovanni 19:39

Vi andò anche Nicodèmo, quello che in precedenza era andato da lui di notte, e portò una mistura di mirra e di aloe di circa cento libbre.

Nuova Diodati:

Giovanni 19:39

Or venne anche Nicodemo, che in precedenza era andato di notte da Gesù, portando una mistura di mirra e di aloe di circa cento libbre.

Bibbia della Gioia:

Giovanni 19:39

Venne anche Nicodemo, l'uomo che si era incontrato con Gesù di notte, e portò con sé quasi cento libbre di unguento di mirra e di aloe.

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Giovanni 19:39

E Nicodemo, che da prima era venuto a Gesù di notte, venne anche egli, portando una mistura di mirra e d'aloe di circa cento libbre.

Diodati:

Giovanni 19:39

Or venne anche Nicodemo, che al principio era venuto a Gesù di notte, portando intorno a cento libbre d'una composizione di mirra, e d'aloe.

Commentario:

Giovanni 19:39

39. Or venne anche Nicodemo, che al principio era venuto a Gesù di notte, portando intorno di cento libbre d'una composizione di mirra e d'aloe.

L'evangelista ci presenta qui un altro esempio del potere della morte di Cristo per dar coraggio ad un debole e timido discepolo, e indurlo a bandire i suoi timori, per dichiararsi apertamente seguace suo. Giovanni parla tre volte di Nicodemo. La prima volta ce lo presenta come un ansioso ma occulto cercatore della verità Giovanni 3:1. La seconda come un timido avvocato di Cristo Giovanni 7:50. La terza come un coraggioso confessore della sua fede in lui. Dai racconti degli evangelisti non ci riesce sapere se i soldati romani aiutassero o no a scendere di croce il corpo di Gesù, o se questo atto pietoso fosse adempiuto da Giuseppe, Nicodemo e Giovanni solamente; né la cosa ha grande importanza. Rifuggiamo dal pensare che quel santo corpo sia stato toccato dalle rozze mani dei pretoriani di Pilato; ma se consideriamo il peso del corpo, e l'inesperienza dei discepoli, ci sembrerà più probabile che i soldati aiutarono ad abbassare la croce, e a cavare i chiodi, mentre gli amici di Gesù ne sorreggevano il corpo, che quindi tolsero, per trasportarlo al sepolcro. È impossibile decidere se Giuseppe e Nicodemo si erano intesi prima per quello che ciascuno doveva fare, o se arrivarono simultaneamente al Golgota, mossi dalle medesime intenzioni. Ciascuna di queste opinioni ha i suoi sostenitori. Certo è che Giuseppe vi giunse col permesso del governatore, e forse portando seco le lenzuola, mentre Nicodemo procuravasi una mescolanza della resina preziosa, chiamata mirra, e di aloe polverizzato, entrambe sostanze molto aromatiche Salmi 45:8, e del peso totale di cento libbre. Questa offerta cospicua dimostra la ricchezza, la liberalità, la devozione di Nicodemo, e fors'anche il suo rimorso per essere stato fino a quell'ora un discepolo così timido di Gesù.

PASSI PARALLELI

Giovanni 3:1-21; 7:50-52; Matteo 12:20; 19:30

Giovanni 12:7; 2Cronache 16:14; Cantici 4:6,14

Riferimenti incrociati:

Giovanni 19:39

Giov 3:1-21; 7:50-52; Mat 12:20; 19:30
Giov 12:7; 2Cron 16:14; CC 4:6,14

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata