Nuova Riveduta:

Giovanni 6:4

Or la Pasqua, la festa dei Giudei, era vicina.

C.E.I.:

Giovanni 6:4

Era vicina la Pasqua, la festa dei Giudei.

Nuova Diodati:

Giovanni 6:4

Or la Pasqua, la festa dei Giudei, era vicina.

Bibbia della Gioia:

Giovanni 6:4

Non ci sono versetti che hanno questo riferimento.

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Giovanni 6:4

Or la Pasqua, la festa dei Giudei, era vicina.

Diodati:

Giovanni 6:4

Or la pasqua, la festa de' Giudei, era vicina.

Commentario:

Giovanni 6:4

CAPO - ANALISI

1. Gesù ciba miracolosamente cinquemila persone, oltre alle donne e ai bambini, in un luogo deserto, vicino a Betsaida. Effetto di questo miracolo sulla moltitudine. Gran parte della folla che si riunì attorno a Gesù, sulla sponda orientale del lago, consisteva probabilmente di fedeli della Galilea settentrionale, che attraversavano la Perea, per prender parte alla prossima Pasqua in Gerusalemme, a quale però Gesù non fu presente. "Su questa Pasqua" e sulla "festa" mentovata nel capitolo precedente Vedi nota Giovanni 5:1. Questo miracolo è uno dei pochi che sono ricordati da tutti e quattro gli evangelisti. Entusiasmati da un miracolo così notevole, e dall'abbondanza colla quale Gesù aveva supplito ai suoi bisogni, la folla vuol proclamarlo re, ma egli la dissuade da un tal proponimento Giovanni 6:1-15.

2. Gesù, camminando sul mare di Galilea, raggiunge i discepoli nella loro barca, dissipa i loro timori, e li conduce miracolosamente al termine del loro viaggio. Questo fatto si trova pure in Matteo e in Marco Da Matteo veniamo a sapere che esso accadde durante la quarta vigilia, cioè fra le tre di mattina e l'alba. Al medesimo evangelista dobbiamo pure di conoscere un episodio interessante della vita di Pietro, quando cioè egli supplicò il maestro di ordinargli di camminare sulle acque, nel fare il che cominciò ad affondare essendogli venuta meno la fede Giovanni 6:16-21.

3. Rimproverando quelli che lo seguivano per mera curiosità, o nella speranza che, ripetendo il miracolo, egli desse loro di nuovo da mangiare, Gesù fa un nuovo discorso alla folla. Quello del capitolo precedente era stato rivolto ai rettori dei Giudei in Gerusalemme. In esso Gesù aveva dichiarato la sua divina uguaglianza col Padre, benché, come Mediatore, egli si fosse volontariamente assoggettato alla sua autorità. Questo fu rivolto primieramente al popolo di Capernaum, e in esso, prendendo qual punto di partenza la miracolosa moltiplicazione del pane materiale del giorno precedente, Gesù si proclama il "Pan di vita", pronto a saziare abbondantemente, mediante la comunicazione della sua grazia, tutti quelli che "aveano fame e sete di giustizia". Siccome i rettori locali, "i Giudei", cominciano a mormorare per quello che Gesù aveva detto alla moltitudine, il resto del discorso (Giovanni 6:41-59), contenente le grandi verità che già egli aveva dichiarate, è rivolto ad essi sotto forma più severa e più diretta Giovanni 6:22-59.

4. Il risultato di questo discorso fu una divisione fra quelli che fino a quel momento avevano professato di essere discepoli di Gesù. Poco monta che tutto il discorso, o solo quella parte di esso in cui il Signore parlò di mangiar la sua carne e bere il suo sangue, sia considerato come la "pietra di scandalo"; l'importante si è che alcuni ne mormorarono come di un "parlar duro", non già perché difficile ad intendersi, bensì perché ripugnante ai loro sentimenti, e da quel giorno cessarono dal seguitarlo; mentre quelli che avevano realmente creduto in lui gli si attaccarono più fermamente che mai, come al "Cristo, Figliuol dell'Iddio vivente". Uno vi era che la più comune onestà avrebbe dovuto spingere ad aggiungersi a quelli che in quel momento "si trassero indietro e non andavano più attorno con lui". il Signore lo avea scelto per l'uffizio apostolico, ed egli continuò a tenerlo, benché fosse disonesto nella sua condotta e di cuore ipocrita. Costui era Giuda Iscariot. Mentre adunque il Signore accetta l'omaggio tributatogli da Pietro a nome dei suoi fratelli egli rivela la sua onniscienza proclamando che uno di loro era "diavolo", cioè così completamente sotto il potere di Satana, da esser capace di ogni misfatto Giovanni 6:60-71.

Giovanni 6:1-14. GESÙ VISITA LA SPIAGGIA ORIENTALE DEL LAGO ED IVI NUTRE MIRACOLOSAMENTE CINQUEMILA UOMINI Matteo 14:15-21; Marco 6:33-44; Luca 9:10-17

Per l'esposizione vedi Marco 6:33-44.

Riferimenti incrociati:

Giovanni 6:4

Giov 2:13; 5:1; 11:55; 12:1; 13:1; Eso 12:6-14; Lev 23:5,7; De 16:1

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata