Nuova Riveduta:

Giovanni 9:28

Essi lo insultarono e dissero: «Sei tu discepolo di costui! Noi siamo discepoli di Mosè.

C.E.I.:

Giovanni 9:28

Allora lo insultarono e gli dissero: «Tu sei suo discepolo, noi siamo discepoli di Mosè!

Nuova Diodati:

Giovanni 9:28

Essi perciò l'ingiuriarono e dissero: «Tu sei suo discepolo; ma noi siamo discepoli di Mosè.

Bibbia della Gioia:

Giovanni 9:28

Allora lo insultarono e gli gridarono: «Sarai tu un discepolo di quel lo là, noi siamo discepoli di Mosè!

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Giovanni 9:28

Essi l'ingiuriarono e dissero: Sei tu discepolo di costui; ma noi siam discepoli di Mosè.

Diodati:

Giovanni 9:28

Perciò essi l'ingiuriarono, e dissero: Sii tu discepolo di colui; ma, quant'è a noi, siam discepoli di Mosè.

Commentario:

Giovanni 9:28

28. Perciò essi l'ingiuriarono, e dissero: Sii tu discepolo di colui; ma quant'è a noi, siam discepoli di Mosè. 29. Noi sappiamo che Iddio ha parlato a Mosè ma quant'è a costui, non sappiamo onde egli sia.

La parola "ingiuriarono" non si trova in nessun altro passo degli Evangeli, e solo tre volte nel resto del Nuovo Testamento Atti 23:4; 1Corinzi 4:12; 1Pietro 2:23. Essa esprime lo scoppio dell'ira del Sinedrio, in seguito alla ironica domanda del cieco nato. Lo si coprì di contumelie; la più grave di tutte sembra essere stata il chiamarlo: "discepolo di colui", come se quello fosse l'insulto più disonorevole che gli si potesse scagliare, e la distinzione più chiara fra lui ed essi, che volevan rimanere discepoli di Mosè. Ogni qualvolta la dottrina o la potenza di Cristo vengon messe in luce, come in questa occasione, i Farisei si trincierano dietro l'autorità di Mosè. Dichiarano la ferma loro fiducia in lui quale legislatore e dottore mandato direttamente da Dio, e proclamano che, seguitandolo, facevano quello che piaceva al Signore. Per ogni Israelita l'autorità di Mosè era suprema e finale. In quanto a Gesù, protestano di non sapere da dove egli venga; che niente prova che sia mandato da Dio, e che insegni ed operi miracoli per divina autorità. Forse alcuni di essi andavano fino al punto di pensare, benché non lo dicano apertamente, che, come già il signore ne era stato empiamente accusato, egli cacciava i demoni, per lo principe dei demoni Matteo 12:24.

PASSI PARALLELI

Giovanni 9:34; 7:47-52; Isaia 51:7; Matteo 5:11; 27:39; 1Corinzi 4:12; 6:10; 1Pietro 2:23

Giovanni 5:45-47; 7:19; Atti 6:11-14; Romani 2:17

Giovanni 1:17; Numeri 12:2-7; 16:28; Deuteronomio 34:10; Salmi 103:7; 105:26; 106:16; Malachia 4:4

Atti 7:35; 26:22; Ebrei 3:2-5

Giovanni 9:16,24; 1Re 22:27; 2Re 9:11; Matteo 12:24; 26:61; Luca 23:2; Atti 22:22

Giovanni 7:27,41-42; 8:14; Salmi 22:6; Isaia 53:2-3

Riferimenti incrociati:

Giovanni 9:28

Giov 9:34; 7:47-52; Is 51:7; Mat 5:11; 27:39; 1Co 4:12; 6:10; 1P 2:23
Giov 5:45-47; 7:19; At 6:11-14; Rom 2:17


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata