Nuova Riveduta:

Levitico 25:11

Il cinquantesimo anno sarà per voi un giubileo; non seminerete e non raccoglierete quello che i campi produrranno da sé, e non vendemmierete le vigne incolte.

C.E.I.:

Levitico 25:11

Il cinquantesimo anno sarà per voi un giubileo; non farete né semina, né mietitura di quanto i campi produrranno da sé, né farete la vendemmia delle vigne non potate.

Nuova Diodati:

Levitico 25:11

Il cinquantesimo anno sarà per voi un giubileo; non seminerete e non raccoglierete ciò che cresce spontaneamente, e non vendemmierete le vigne non potate.

Bibbia della Gioia:

Levitico 25:11

Non ci sono versetti che hanno questo riferimento.

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Levitico 25:11

Il cinquantesimo anno sarà per voi un giubileo; non seminerete e non raccoglierete quello che i campi produrranno da sé, e non vendemmierete le vigne non potate.

Diodati:

Levitico 25:11

Quest'è il Giubileo; celebratelo ogni cinquantesimo anno; non seminate in esso, e non ricogliete ciò che in quell'anno sarà nato da sè stesso, e non vendemmiate le vigne che non saranno state potate.

Commentario:

Levitico 25:11

8 Versi 8-22 La parola "giubileo" indica un suono particolarmente intenso della tromba. Questo suono veniva emesso la sera del grande giorno di espiazione e ci ricorda i risultati del Vangelo della libertà e la salvezza ottenuta col sacrificio del Redentore. La legge stabiliva che le proprietà non potevano essere espropriate quell'anno. Durante quell'anno, inoltre, le terre dovevano tornare al legittimo proprietario o al suo erede. Questo tendeva a preservare le tribù e le loro famiglie fino alla venuta del Messia. La libertà a cui ogni uomo era stata tolta, se venduto o privatone in qualche modo, doveva essere restituita nell'anno di giubileo. Ecco l'esempio della redenzione operata da Cristo dalla schiavitù del peccato e di Satana che ci ha dato di nuovo la libertà di figli di Dio. Anche gli affari devono rispettare questa legge: "Non vi ingannerete a vicenda", per ignoranza o sfruttando le necessità altrui, " ma temerete il vostro Dio". Il timore di Dio che regna nel cuore ci trattiene dal male verso il nostro prossimo nelle parole o nei fatti. Viene promessa una grande ricompensa per chi osservava questi anni sabbatici. Se facciamo il nostro dovere, possiamo avere fiducia in Dio per il nostro benessere. Un miracolo avrebbero ricevuto come incoraggiamento tutti coloro che non avrebbero seminato, né mietuto. Questo miracolo era un incoraggiamento per tutto il popolo di Dio affinché avesse fiducia in Lui. Davanti a Dio la fede e la privazione per ubbidienza non è vana. Alcuni si domandavano: "Che cosa mangeremo il settimo anno?" Molti Cristiani fanno male a mettere in discussione quello che faranno e avendo paura di procedere per fede. Ma noi non dobbiamo andare dietro al male per non caricarcene. A menti carnali tutto questo può sembrare assurdo, ma la strada della fede è la via più sicura.

Riferimenti incrociati:

Levitico 25:11

Lev 27:17
Lev 25:5-7

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata