Nuova Riveduta:

Levitico 4:7

Il sacerdote quindi metterà di quel sangue sui corni dell'altare dell'incenso aromatico, altare che è davanti al SIGNORE nella tenda di convegno; e spargerà tutto il sangue del toro ai piedi dell'altare degli olocausti, che è all'ingresso della tenda di convegno.

C.E.I.:

Levitico 4:7

Bagnerà con il sangue i corni dell'altare dei profumi che bruciano davanti al Signore nella tenda del convegno; verserà il resto del sangue alla base dell'altare degli olocausti, che si trova all'ingresso della tenda del convegno.

Nuova Diodati:

Levitico 4:7

Il sacerdote quindi metterà un po' di quel sangue sui corni dell'altare dell'incenso profumato davanti all'Eterno, che è nella tenda di convegno; verserà il resto del sangue del torello alla base dell'altare degli olocausti, che è all'ingresso della tenda di convegno.

Bibbia della Gioia:

Levitico 4:7

Non ci sono versetti che hanno questo riferimento.

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Levitico 4:7

Il sacerdote quindi metterà di quel sangue sui corni dell'altare del profumo fragrante, altare che è davanti all'Eterno, nella tenda di convegno; e spanderà tutto il sangue del giovenco appiè dell'altare degli olocausti, che è all'ingresso della tenda di convegno.

Diodati:

Levitico 4:7

E metta il Sacerdote di quel sangue in su le corna dell'Altar de' profumi degli aromati, che è nel Tabernacolo della convenenza, nel cospetto del Signore; e spanda tutto il rimanente del sangue del giovenco appiè dell'Altar degli olocausti, che è all'entrata del Tabernacolo della convenenza.

Commentario:

Levitico 4:7

L'offerta del peccato per ignoranza del sacerdote. (1-12) Della congregazione intera. (13-21) Di uno dei capi. (22-26) Di un membro del popolo. (27-35)

Versi 1-12 Gli olocausti, le offerte delle primizie e i sacrifici di riconoscenza erano già offerti prima di ricevere la legge sul monte Sinai e i patriarchi dovevano farli in caso di peccato, come espiazione. Ai Giudei veniva ora permesso di fare espiazione per il peccato, e più in particolare con il sacrificio, quale ombra di buone cose a venire, ma la sostanza è Cristo e l'offerta di sé stesso, per mezzo della quale egli ha perdonato il peccato. Si suppone che i peccati per cui si sono offerti i sacrifici dell'espiazione siano ancora da riparare. Si suppone pure che essi questo sia peccato di omissione. Le omissioni sono comunque peccati e devono essere giudicati: ma quel che fu omesso in un dato momento, lo si può fare in un altro: ma per ogni peccato commesso si deve richiamare il passato. Si suppone che essi siano peccati commessi per ignoranza. La legge inizia con il sacerdote unto. È evidente che Dio non ha mai avuto nessun sacerdote infallibile nella sua chiesa terrena, quand'anche il sommo sacerdote fosse responsabile di peccati per ignoranza. Tutte le presunzioni di essere senza errore sono segni sicuri dell'anticristo. La bestia doveva essere portata fuori dal campo e là vi si sarebbero gettate le ceneri. Questo era un segno di pentimento, simbolo del peccare come una cosa detestabile che la nostra anima odia. Il sacrificio per il peccato è chiamato peccato. Come essi facevano, anche noi deve fare verso i nostri peccati: il corpo di peccato deve essere distrutto, Romani 6:6. L'apostolo applica questo portare il sacrificio fuori dal campo a Cristo, Ebrei 13:11-13.

Riferimenti incrociati:

Levitico 4:7

Lev 8:15; 9:9; 16:18; Eso 30:1-10; Sal 118:27; Eb 9:21-15
Lev 4:18,34; 5:9; 8:15; Ef 2:13


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata