Nuova Riveduta:

Levitico 9:23

Mosè e Aaronne entrarono nella tenda di convegno; poi uscirono e benedissero il popolo; e la gloria del SIGNORE apparve a tutto il popolo.

C.E.I.:

Levitico 9:23

Mosè e Aronne entrarono nella tenda del convegno; poi uscirono e benedissero il popolo e la gloria del Signore si manifestò a tutto il popolo.

Nuova Diodati:

Levitico 9:23

Quindi Mosè ed Aaronne entrarono nella tenda di convegno; poi uscirono e benedissero il popolo. Allora la gloria dell'Eterno apparve a tutto il popolo.

Bibbia della Gioia:

Levitico 9:23

Non ci sono versetti che hanno questo riferimento.

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Levitico 9:23

E Mosè ed Aaronne entrarono nella tenda di convegno; poi uscirono e benedissero il popolo; e la gloria dell'Eterno apparve a tutto il popolo.

Diodati:

Levitico 9:23

Or Mosè ed Aaronne erano entrati nel Tabernacolo della convenenza; poi, essendone usciti, aveano benedetto il popolo; e la gloria del Signore era apparita a tutto il popolo.

Commentario:

Levitico 9:23

22 Versi 22-24 Quando la solennità terminò e la benedizione fu proclamata, Dio attestava la sua accettazione. Venne un fuoco da parte del Signore e consumò il sacrificio. Questo fuoco sarebbe potuto cadere sulla gente e l'avrebbe potuta consumare a causa dei loro peccati ma il suo consumare l'offerta era segno della sua accettazione per l'espiazione del peccatore. Questa era anche una figura di cose buone che sarebbero accadute. Lo Spirito è disceso sugli apostoli per mezzo del fuoco. E la discesa di questo fuoco santo sulle nostre anime accende in esse sentimenti pii e devoti verso Dio e alimenta un tale zelo santo che brucia la carne e le sue passioni. Ecco il segno della dolce accettazione di Dio delle nostre anime delle nostre opere. Niente va a Dio se non quello che proviene da Lui. Dobbiamo ricevere la grazia, quel fuoco santo, dal Dio di grazia, altrimenti non potremo servirlo accettevolmente, Ebrei 12:28. Il popolo era interessato a questa scoperta della gloria e della grazia di Dio. Tutti la ricevettero con la gioia più piena, lieti per il fatto che avevano la certezza che Dio era con loro. È nella riverenza più umile e nell'adorazione più profonda della maestà di Dio che Egli si manifestava ad essi. La paura per il peccato ci conduce a Lui e il santo timore ci fa inchinarsi davanti a Lui.

Riferimenti incrociati:

Levitico 9:23

Lu 1:21,22; Eb 9:24-28
Lev 9:6; Nu 14:10; 16:19,42

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata