Nuova Riveduta:

Marco 3:6

I farisei, usciti, tennero subito consiglio con gli erodiani contro di lui, per farlo morire.

C.E.I.:

Marco 3:6

E i farisei uscirono subito con gli erodiani e tennero consiglio contro di lui per farlo morire.

Nuova Diodati:

Marco 3:6

E i farisei, usciti, tennero subito consiglio con gli erodiani contro di lui, come farlo morire.

Bibbia della Gioia:

Marco 3:6

Subito i Farisei s'allontanarono per incontrare gli Erodiani, per cercare con loro un modo per uccidere Gesù.

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Marco 3:6

E i Farisei, usciti, tennero subito consiglio con gli Erodiani contro di lui, con lo scopo di farlo morire.

Diodati:

Marco 3:6

E i Farisei, essendo usciti, tenner subito consiglio con gli Erodiani contro a lui, come lo farebber morire.

Commentario:

Marco 3:6

CAPO 3 - ANALISI

1. Guarigione dell'uomo dalla mano secca Un'altra accusa di violare il sabato mossero a Gesù i Farisei, perché sanò in tal giorno, nella sinagoga, un uomo che aveva la mano secca. Gesù difese il suo operato (come si raccoglie dal passo parallelo in Matteo), appoggiandosi su quelle opere di misericordia che essi stessi riconoscevano esser lecito nel sabato. I suoi oppositori furono ridotti al silenzio, il miracolo fu fatto, e tosto essi uscirono dalla sinagoga per tramare contro alla sua vita. Così, fin dal principio del suo pubblico ministerio, si manifestarono contro di lui le loro micidiali disposizioni Marco 3:1-6.

2. Cresce la fama di Gesù in conseguenza dei miracoli. Ciò è indicato dalle moltitudini che da tutte le parti del paese accorrevano, a lui, presso il lago della Galilea Marco 3:7-12.

3. Scelta di dodici Apostoli e lista dei loro nomi. Dal passo parallelo di Luca sappiamo che il Signore passò la notte precedente in preghiera sulla cima di un monte, ove i discepoli lo raggiunsero la mattina dopo Marco 3:13-19.

4. Opinioni dei suoi parenti e degli Scribi intorno a Gesù. Quelli, non ancora nella sua divina missione, attribuivano semplicemente a pazzia tutto quanto ei faceva, e volevano porgli le mani addosso per metterlo sotto custodia. Questi, falsamente e malignamente, lo accusavano d'essere in lega con Satana. Non solo egli confuta questa accusa con irrefutabili argomenti, ma li ammonisce severamente che, coll'attribuire a Satana quel che, nelle loro coscienze, sapevano benissimo esser opera di Dio, essi incorrevano il tremendo pericolo di peccare contro lo Spirito Santo Marco 3:20-30.

5. La madre e i fratelli di Gesù I congiunti terreni che portavano questi titoli, essendo venuti alla casa dove egli stava insegnando, probabilmente nell'intendimento di impadronirai della sua persona, e condurlo seco loro a casa, gli mandarono un messaggio pregandolo di venire ad essi che avean bisogno di parlargli. Ma invece di Compiacerli in questo, Gesù dichiarò pubblicamente che, come servo di Dio, impegnato nell'opera a cui stava appunto attendendo, non riconosceva terrene parentele, ma riguardava con egual tenerezza, d'affetto, come se fossero realmente sua madre e suoi fratelli, tutti quelli che facevano veramente la volontà di Dio, e non altri Marco 3:31-35.

Marco 3:1-6. GUARIGIONE DELL'UOMO DALLA MANO SECCA IN GIORNO DI SABATO Matteo 12:9-14; Luca 6:6-11

Per la esposizione vedi Matteo 12:9-14.

Riferimenti incrociati:

Marco 3:6

Sal 109:3,4; Mat 12:14; Lu 6:11; 20:19,20; 22:2; Giov 11:53
Mar 8:15; 12:13; Mat 22:16

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata