Nuova Riveduta:

Marco 6:21

Ma venne un giorno opportuno quando Erode, al suo compleanno, fece un convito ai grandi della sua corte, agli ufficiali e ai notabili della Galilea.

C.E.I.:

Marco 6:21

Venne però il giorno propizio, quando Erode per il suo compleanno fece un banchetto per i grandi della sua corte, gli ufficiali e i notabili della Galilea.

Nuova Diodati:

Marco 6:21

Ora, venuto un giorno propizio, Erode per il suo compleanno offrì un banchetto ai suoi grandi, ai comandanti e ai notabili della Galilea.

Bibbia della Gioia:

Marco 6:21

Ma un giorno si presentò l'occasione favorevole ad Erodiade. Era il compleanno di Erode ed egli diede una festa per i suoi aiutanti di palazzo, i suoi capitani e i cittadini in vista della Galilea.

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Marco 6:21

Ma venuto un giorno opportuno che Erode, nel suo natalizio, fece un convito ai grandi della sua corte, ai capitani ed ai primi della Galilea,

Diodati:

Marco 6:21

Ora, venuto un giorno opportuno, che Erode, nel giorno della sua natività, feceva un convito a' suoi grandi, e capitani, ed a' principali della Galilea;

Commentario:

Marco 6:21

21. Ora, venuto un giorno opportuno,

Non già per la festa che Erode avea risolto di dare, imperocché era questa già Basata pel suo giorno natalizio, ma per Erodiada, che avea fatto assegnamento su di essa per compiere i suoi disegni contro la vita del Battista. Grozio dice: "Opportuna insidiatrici, quae vino, amore et adulatorum conpiratione, facile sperabat impelli posse mutantem mariti animum".

che Erode, nel giorno della sua natività.

In nessun autore autorevole troviamo mai questa parola usata isolatamente, come in questo passo, nel senso di ascensione al trono o presa di possesso del regno. Gli scrittori greci antichi, l'impiegavano ad indicare un giorno sacro alla memoria dei morti, ma sì dai classici posteriori che dagli scrittori del Nuovo Testamento e dai 70. è usata, per significare le feste in onore di un giorno natalizio. In Genesi 40:20, i 70 usano questa parola precisamente nel senso in cui è qui impiegata da Marco. Tuttavia i Giudei in generale non amavano celebrare i giorni natalizi, vedendovi una tentazione all'idolatria, ed era questa una delle usanze pagane che la famiglia di Erode aveva introdotte ad imitazione dei Romani.

faceva un convito ai suoi a grandi,

rabrebanovi Daniele 5:1, titolo d'origine persiana, il quale pare fosse ritenuto dopo il dominio di quella potenza sulla Palestina, e indicasse gli uffiziali civili del regno di Erode.

e capitani,

i più alti uffiziali militari,

ed ai principali della Galilea;

cioè i personaggi più ricchi ed influenti della provincia.

PASSI PARALLELI

Genesi 27:41; 2Samuele 13:23-29; Ester 3:7; Salmi 37:12-13; Atti 12:2-4

Genesi 40:20; Ester 1:3-7; 2:18; Proverbi 31:4-5; Daniele 5:1-4; Osea 7:5; 1Pietro 4:3

Apocalisse 11:10

Riferimenti incrociati:

Marco 6:21

Ge 27:41; 2Sa 13:23-29; Est 3:7; Sal 37:12,13; At 12:2-4
Ge 40:20; Est 1:3-7; 2:18; Prov 31:4,5; Dan 5:1-4; Os 7:5; 1P 4:3; Ap 11:10

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata