Nuova Riveduta:

Matteo 10:24

Un discepolo non è superiore al maestro, né un servo superiore al suo signore.

C.E.I.:

Matteo 10:24

Un discepolo non è da più del maestro, né un servo da più del suo padrone;

Nuova Diodati:

Matteo 10:24

Il discepolo non è da più del maestro, né il servo da più del suo signore.

Bibbia della Gioia:

Matteo 10:24

Uno studente non è superiore al suo insegnante, né un servo è più importante del suo padrone.

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Matteo 10:24

Un discepolo non è da più del maestro, né un servo da più del suo signore.

Diodati:

Matteo 10:24

Il discepolo non è da più del maestro, nè il servitore da più del suo signore.

Commentario:

Matteo 10:24

Direzioni per il servizio di Cristo in generale Matteo 10:24-42

24. Un discepolo non è da più del maestro, né un servo da più dei suo signore. 25. Basti al discepolo di essere come ti suo maestro, e al servo di essere come il suo signore;

In questi, due versetti si accenna ad una triplice relazione in cui Gesù e i suoi discepoli si trovano l'uno verso gli altri, cioè discepolo e maestro, servo e signore, persona di casa e padrone di casa. Queste relazioni sono spesso mentovate separatamente, altrove. La massima contenuta in questi versetti è così conforme all'esperienza degli uomini che è passata in proverbio. Essa è usata in vari sensi, in Luca 6:40, e in Giovanni 13:16. Qui si vuol dire che i discepoli di Cristo non devono aspettarsi una sorte migliore di quella toccata al loro maestro, ma si chiamino contenti se peggio non avverrà a loro.

Riferimenti incrociati:

Matteo 10:24

2Sa 11:11; Lu 6:40; Giov 13:16; 15:20; Eb 12:2-4


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata