Nuova Riveduta:

Matteo 10:25

Basti al discepolo essere come il suo maestro e al servo essere come il suo signore. Se hanno chiamato Belzebù il padrone, quanto più chiameranno così quelli di casa sua!

C.E.I.:

Matteo 10:25

è sufficiente per il discepolo essere come il suo maestro e per il servo come il suo padrone. Se hanno chiamato Beelzebùl il padrone di casa, quanto più i suoi familiari!

Nuova Diodati:

Matteo 10:25

Basta al discepolo di essere come il suo maestro e al servo come il suo padrone. Se hanno chiamato il padrone di casa Beelzebub, quanto più chiameranno così quelli di casa sua!

Bibbia della Gioia:

Matteo 10:25

Allo studente basta diventare come il suo maestro e al servo essere come il suo padrone. Quindi se io, che sono il capofamiglia, sono stato chiamato Satana, per voi che fate parte della mia famiglia useranno epiteti anche peggiori.

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Matteo 10:25

Basti al discepolo di essere come il suo maestro, e al servo d'essere come il suo signore. Se hanno chiamato Beelzebub il padrone, quanto più chiameranno così quei di casa sua!

Diodati:

Matteo 10:25

Basta al discepolo di essere come il suo maestro, e al servitore di essere come il suo signore; se hanno chiamato il padron della casa Beelzebub, quanto più chiameranno così i suoi famigliari?

Commentario:

Matteo 10:25

se han chiamato il padrone Beelzebub, quanto più chiameranno così quei di casa sua!

Cristo è il padrone di casa, i discepoli sono i membri della sua famiglia spirituale. In tutti i MSS. greci, il nome è «Beelzebul», e questa è indubitatamente la vera ortografia. Esso deriva da «Baalzebub», una delle principali divinità dei Filistei, il cui tempio era in Ecron. Il nome del dio filisteo è formato con le due parole Baal, signore o padrone, e zebub, mosca, e significa dio delle mosche. Ma, siccome era uso comune fra gli Ebrei, quando volevano significare scherno, di mutilare o alterare il nome della persona o della cosa da loro odiata, è probabile che il cambiamento di Baalzebub in Beelzebul si spieghi in questo modo. Però, in processo di tempo, la parola Zebul venne ad essere usata dagli scrittori rabbinici per significare prima letame, e quindi idoli, cioè oggetti ripugnanti ed abominevoli; cosicché il nome può significare o «re degli idoli», o «re delle immondizie». Gli Ebrei davan questo nome a Satana, come al re dei demoni Matteo 12:24; e in questo senso, Gesù assicura che i suoi nemici glielo applicarono. Ad ogni modo, non si può immaginare, per un uomo, un più obbrobrioso epiteto. Sta di fatto che le calunnie più atroci sono state lanciate nel corso dei secoli contro i discepoli del Signore e che sono stati dati ad essi i nomi più obbrobriosi.

PASSI PARALLELI

2Samuele 11:11; Luca 6:40; Giovanni 13:16; 15:20; Ebrei 12:2-4

Matteo 9:34; 12:24; Marco 3:22; Luca 11:15; Giovanni 7:20; 8:48,52; 10:20

Riferimenti incrociati:

Matteo 10:25

Mat 9:34; 12:24; Mar 3:22; Lu 11:15; Giov 7:20; 8:48,52; 10:20


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata