Nuova Riveduta:

Matteo 23:15

Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, perché viaggiate per mare e per terra per fare un proselito; e quando lo avete fatto, lo rendete figlio della geenna il doppio di voi.

C.E.I.:

Matteo 23:15

Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che percorrete il mare e la terra per fare un solo proselito e, ottenutolo, lo rendete figlio della Geenna il doppio di voi.

Nuova Diodati:

Matteo 23:15

Guai a voi, scribi e farisei ipocriti! Perché scorrete il mare e la terra, per fare un proselito e, quando lo è diventato, ne fate un figlio della Geenna il doppio di voi.

Bibbia della Gioia:

Matteo 23:15

Sì, ipocriti! Perché percorrete enormi distanze per convertire qualcuno, che poi rendete figlio dell'inferno il doppio di voi!

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Matteo 23:15

Guai a voi, scribi e Farisei ipocriti, perché scorrete mare e terra per fare un proselito; e fatto che sia, lo rendete figliuol della geenna il doppio di voi.

Diodati:

Matteo 23:15

Guai a voi, Scribi e Farisei ipocriti! perciocchè voi circuite il mare e la terra, per fare un proselito; e, quando egli è fatto, voi lo fate figliuol della geenna il doppio più di voi.

Commentario:

Matteo 23:15

Terza minaccia: contro il proselitismo ispirato dallo spirito settario Matteo 23:15

15. Guai a voi, Scribi e Farisei ipocriti! perché scorrete mare e terra,

espressione proverbiale, per significare ch'essi non risparmiavano né fatica, né astuzia,

per fare un proselito;

Letter. uno venuto di fresco, un convertito. I proseliti erano dai Giudei divisi in due categorie: i "proseliti della porta", che adottavano il morale e spirituale insegnamento dell'Antico Testamento, ma non si conformavano alla legge cerimoniale fra i quali vanno forse annoverati il centurione di Capernaum, Cornelio di Cesarea e molti altri Gentili, stanchi delle assurdità e dei vizi della Idolatria pagana; od i "proseliti della giustizia", i quali venivano circoncisi e si conformavano a tutti i requisiti della legge levitica. Quest'ultima classe era poco numerosa, perché ben pochi eran disposti a rinunziare alla loro libertà, come Gentili, per sottomettersi alle complicate e gravi cerimonie mosaiche. Ma era appunto per accrescere questa classe, che i Farisei si adoperavano a tutta possa. Si osservi che questa minaccia non è profferita contro il proselitismo, in se, ossia contro gli sforzi che si fanno per condurre le anime dalle religioni false alla vera, giacché Cristo medesimo ha affidato al suoi discepoli la missione di "convertir gli uomini dalle tenebre alla luce, e dalla podestà di Satana a Dio" Atti 26:18; e che questo deve essere l'alto scopo del ministerio cristiano, sino alla fine dei tempi. La condanna qui profferita colpisce coloro che fanno proseliti con mezzi immorali, come, a cagion di esempio, coll'oro, colla promessa di leghi o colle minacce, e non già coll'intento di Salvare le anime e di promuovere la gloria di Dio. Essi pensano piuttosto ad accrescere con questo mezzo la loro riputazione

e, fatto che sia, lo rendete figliuol della geenna il doppio di voi.

Sentenza tremenda, eppur meritata! I proseliti comprati fanno i bigottoni: e quelli dei Farisei superavano i loro maestri: 1 nello zelo per le cerimonie, 2 nell'odio contro il cristianesimo. Era meglio vivere da sinceri pagani, che di convertirsi al giudaismo, ritenendo l'ignoranza ed i vizi del paganesimo sotto il manto della ipocrisia. Questi, non essendo né sinceri pagani, né sinceri giudei, erano doppiamente figliuoli della geenna, condannati dalla loro antica, quanto dalla loro nuova religione. Tale era l'opera degli Scribi e dei Farisei; tali erano i convertiti dei quali menavano vanto. Né dobbiam far le meraviglie che il Signore abbia condannato una così stomachevole ipocrisia. Le persecuzioni contro gli Albigesi, i Valdesi ed i seguaci della Riforma in Italia, nella Spagna, in Francia e nella Germania, dimostrano chiaramente che questo versetto, può applicarsi alla Chiesa di Roma, la quale tentò sempre, anche coi mezzi più diabolici, di far proseliti, all'unico scopo di arricchirsi e di aumentare la sua gloria. Conversione o morte, era la sola alternativa!

PASSI PARALLELI

Galati 4:17; 6:12

Ester 8:17; Atti 2:10; 13:43

Giovanni 8:44; Atti 13:10; 14:2,19; 17:5-6,13; Efesini 2:3

Riferimenti incrociati:

Matteo 23:15

Ga 4:17; 6:12
Est 8:17; At 2:10; 13:43
Giov 8:44; At 13:10; 14:2,19; 17:5,6,13; Ef 2:3

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata