Nuova Riveduta:

Matteo 23:35

affinché ricada su di voi tutto il sangue giusto sparso sulla terra, dal sangue del giusto Abele, fino al sangue di Zaccaria, figlio di Barachia, che voi uccideste fra il tempio e l'altare.

C.E.I.:

Matteo 23:35

perché ricada su di voi tutto il sangue innocente versato sopra la terra, dal sangue del giusto Abele fino al sangue di Zaccaria, figlio di Barachìa, che avete ucciso tra il santuario e l'altare.

Nuova Diodati:

Matteo 23:35

affinché ricada su di voi tutto il sangue giusto sparso sulla terra, dal sangue del giusto Abele, fino al sangue di Zaccaria, figlio di Barachia, che uccideste fra il tempio e l'altare.

Bibbia della Gioia:

Matteo 23:35

Così sarete voi i colpevoli di tutto il sangue degli uomini innocenti e giusti che furono assassinati dal giusto Abele fino a Zaccaria, figlio di Barachia, ucciso da voi nel tempio, fra l'altare e il santuario.

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Matteo 23:35

affinché venga su voi tutto il sangue giusto sparso sulla terra, dal sangue del giusto Abele, fino al sangue di Zaccaria, figliuol di Barachia, che voi uccideste fra il tempio e l'altare.

Diodati:

Matteo 23:35

Acciocchè vi venga addosso tutto il sangue giusto sparso in terra, dal sangue del giusto Abele, infino al sangue di Zaccaria, figliuol di Barachia, il qual voi uccideste fra il tempio e l'altare.

Commentario:

Matteo 23:35

35. acciocché venga su voi tutto il sangue giusto

Le parole "sangue, giusto" sono spesso adoprate nell'Antico Testamento per significare morte violenta sofferta per la verità di Dio 2Re 21:16; Lamentazioni 4:13.

sparso sulla terra,

Secondo alcuni commentatori la parola "terra" indica qui la Palestina; ma, secondo noi, l'allusione ad Abele, che segue immediatamente, rende impossibile quest'interpretazione,

dal sangue del giusto Abele, fino al sangue di Zaccaria, figliuol di Barachia, che voi uccideste fra il tempio e l'altare.

Le parole contenute in questo versetto sono generalmente considerate come una predizione dei giudizi nazionali che sovrastavano ai Giudei, a cagione dei peccati nazionali che essi avevano accumulati durante i lunghi secoli e che essi dovevano, in quel tempo, portare al colmo colla crocifissione del Signore e colla reiezione ed uccisione dei suoi inviati. Che Iddio, come Rettore dell'Universo, punisca i peccati nazionali con nazionali giudizi, benché egli spesso ritardi l'applicazione di questi ultimi finché la crescente empietà delle successive generazioni non abbia colmata la misura dell'ira sua è una verità che noi fermamente riteniamo conforme alla Scrittura. Che una punizione specialmente destinata ai Giudei, come nazione, sia annunziata in questa terribile predizione, è cosa anche questa non dubbia per noi. Se il Signore, dunque, avesse parlato soltanto dell'uccisione di Zaccaria e degli altri profeti ebrei, la parola "terra", anche secondo noi, indicherebbe soltanto la Palestina, e la predizione riguarderebbe unicamente i Giudei; ma, se fosse questo il senso delle parole di Cristo, sorgerebbe una difficoltà che tutti i commentatori da noi consultati hanno affatto taciuta: Perché, Gesù parla egli del sangue di Abele? Gli Ebrei erano essi più colpevoli degli altri popoli della sua uccisione? Non fu forse perpetrato quel delitto molto tempo prima della nascita del loro padre Abramo? Supponendo che la punizione, annunziata da Cristo dovesse applicarsi soltanto ai delitti nazionali, non si potrebbe conciliare una siffatta imputazione colla giustizia di Dio. Ma secondo noi, Gesù ragiona della Chiesa dell'Antico Testamento, nel suo complesso, dal tempo della caduta fino ai giorni suoi, in cui essa, si limitava alla nazione giudaica rappresentata dagli Scribi e dal Farisei, i quali erano i di lei maestri religiosi la Chiesa visibile, al pari d'una nazione, riceve quaggiù, dalla Provvidenza, delle ricompense, e deve subire delle punizioni temporali. Giusta quel modo di vedere la nazione giudaica essendo l'ultimo svolgimento della Chiesa di Dio sotto il Vecchio Testamento, si comprende facilmente che la responsabilità dell'uccisione di Abele, di Zaccaria e di tutti gli altri profeti, potesse attribuirsi ad essa; e sebbene Iddio avesse pazientemente differito la punizione: dovuta a siffatti delitti, siccome la nazione d'Israele era in procinto di mettere il colmo a tutte le precedenti iniquità coll'uccidere il Principe della vita ed i suoi inviati, quel castigo dovea finalmente piombare sopra di essa. Siccome nella vita di un empio v'è, dal principio alla fine, una concatenazione non interrotta di peccati, i quali, nel loro insieme, costituiscono la di lui riprovazione, il medesimo fatto si riproduce nella vita di un popolo, di una comunità o di una Chiesa.

Chi era Zaccaria figlio di Barachia? Non fu certamente quel Zaccaria figlio di Baruc, il quale fu scannato, secondo Flavio Bell. Giudici. 4:6, 4, nel tempio, alla vigilia della distruzione di Gerusalemme, poiché Gesù parla d'un delitto digià commesso. Origene ha conservato una tradizione, secondo la quale Zaccaria, padre di Giovanni Battista, venne ucciso nel tempio; ma questo racconto non è appoggiato da alcuna prova. È probabile che si tratti qui di Zaccaria figlio di Gioiada, sommo sacerdote, il quale, per ordine del re Gioas, venne ucciso "nel cortile della casa del Signore" 2Cronache 24:21. Siccome le parole "figlio di Barachia" non trovansi in Luca 11:51, alcuni suppongono che qualche antico copista le abbia introdotte nel testo, confondendo fra loro Zaccaria, l'undecimo fra i minori profeti, e Zaccaria il martire. Secondo altri Gioiada era l'avolo e Barachia il padre di Zaccaria. Il Signore sembra avere scelto i nomi di Abele e Zaccaria non solo perché furono il primo e l'ultimo fra i santi dell'Antico Testamento, il cui martirio sia ricordato nelle Sacre Carte, ma ancora perché è detto che il sangue loro grida vendetta. Confronta Genesi 4:10; 2Cronache 24:22; Ebrei 12:24.

PASSI PARALLELI

Genesi 9:5-6; Numeri 35:33; Deuteronomio 21:7-8; 2Re 21:16; 24:4; Isaia 26:21

Geremia 2:30,34; 26:15,23; Lamentazioni 4:13-14; Apocalisse 18:24

Genesi 4:8; Ebrei 11:4; 12:24; 1Giovanni 3:11-12

2Cronache 24:20-22; Zaccaria 1:1; Luca 11:51

Riferimenti incrociati:

Matteo 23:35

Ge 9:5,6; Nu 35:33; De 21:7,8; 2Re 21:16; 24:4; Is 26:21; Ger 2:30,34; 26:15,23; Lam 4:13,14; Ap 18:24
Ge 4:8; Eb 11:4; 12:24; 1G 3:11,12
2Cron 24:20-22; Zac 1:1; Lu 11:51

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata