Nuova Riveduta:

Matteo 25:41

Allora dirà anche a quelli della sua sinistra: "Andate via da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato per il diavolo e per i suoi angeli!

C.E.I.:

Matteo 25:41

Poi dirà a quelli alla sua sinistra: Via, lontano da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato per il diavolo e per i suoi angeli.

Nuova Diodati:

Matteo 25:41

Allora egli dirà ancora a coloro che saranno a sinistra: "Andate via da me, maledetti, nel fuoco eterno che è stato preparato per il diavolo e per i suoi angeli.

Bibbia della Gioia:

Matteo 25:41

Poi dirò ai malvagi: "Andatevene, maledetti, nel fuoco eterno preparato per il diavolo e i suoi simili.

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Matteo 25:41

Allora dirà anche a coloro dalla sinistra: Andate via da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato pel diavolo e per i suoi angeli!

Diodati:

Matteo 25:41

Allora egli dirà ancora a coloro che saranno a sinistra: Andate via da me, maledetti, nel fuoco eterno, ch'è preparato al diavolo, ed a' suoi angeli.

Commentario:

Matteo 25:41

41. Allora dirà anche a coloro dalla sinistra:

È del tutto naturale che siano primieramente giudicati i fratelli spirituali del giudice, i quali sono chiamati "a gloria, onore ed immortalità"; ma può darsi anche che quell'ordine di procedura sia stato fissato affinché i cattivi possano, prima di esser lanciati nei tormenti, vedere coi propri occhi ed udire coi propri orecchi quanto hanno volontariamente perduto.

Andate via da me, maledetti,

Queste parole fanno contrasto non solo con quell'altre: "Venite, benedetti del Padre mio", ecc., indirizzate ai giusti, ma pure con gli inviti diretti ai cattivi ed agli irrigenerati, mentre sono ancora sulla terra: "Venite a me, voi tutti che siete travagliati", ecc. Matteo 11:28; "Ecco, io sto alla porta e picchio", ecc. Apocalisse 2:20; "Lo Spirito e la sposa dicono: Vieni", ecc. Apocalisse 22:17; "Io non caccerò fuori colui che viene a me" Giovanni 6:37. Terribile sarà la ricordanza di tutte quelle occasioni perdute, quando il finale "Via da me!" avrà loro tolta per sempre ogni speranza. Per quanto orribile sia il rimanente della sentenza, la più grave sventura dell'empio sarà appunto di trovarsi in eterno separato da Cristo, sola fonte di vita, di speranza e di gioia. Quello è "il verme che non muore, il fuoco che non si spegne". In questa punizione dei malvagi, i teologi distinguono due cose: la perdita, ed il patimento. La prima consiste nella separazione da Dio, la seconda viene descritta dopo.

nel fuoco eterno, preparato per il diavolo, e per i suoi angeli;

Le parole "fuoco eterno", indicano il castigo che sarà inflitto agli empi, l'incomportabile ardore dell'ira di Dio, e la sua perpetua continuazione, sempre sentita dalla coscienza come una meritata punizione. Vengono pure indicati in queste parole gli abissi profondi dell'inferno, in cui quei tormenti hanno luogo. Poco importa che lo strumento di quella punizione sia fuoco materiale o no; fatto è che, fra i patimenti, vi saranno pene corporali. L'immagine usata qui venne probabilmente tolta dai fuochi della valle di Hinnon, ed anche dalle fornaci in cui i delinquenti erano a volte arsi vivi Note Matteo 5:22; Matteo 13:42. Alford dà molta importanza al fatto già notato da alcuni fra i primi Padri, che il giudice non dice: "Maledetti da Dio", e ne trae la conclusione che la condanna dell'uomo deriva unicamente da lui stesso; e vedendo che, più sotto, non è detto: "Nel fuoco eterno preparato per voi", ne conclude che non c'è un inferno preparato espressamente per l'uomo, ma che quelli che servono il diavolo, devono soffrire con lui nel fuoco eterno, che è preparato per lui e per i suoi angeli. Però leggiamo che Giuda è andato "al suo luogo" Atti 1:25, e che tutti gl'increduli, peccatori, ecc., avranno la parte loro nello stagno ardente di fuoco e di zolfo, che è la seconda morte" Apocalisse 21:8. Ma siccome Satana fu il primo ed il più gran trasgressore, e sedusse tutti, gli altri, il Signore naturalmente dice che il fuoco eterno è stato preparato in primo luogo per lui e per i suoi angeli.

PASSI PARALLELI

Matteo 25:33

Matteo 7:23; Salmo 6:8; 119:115; 139:19; Luca 13:27

Deuteronomio 27:15-26; 28:16-68; Salmo 119:21; Geremia 17:5; Galati 3:10-13; Ebrei 6:8

Matteo 25:46; 3:12; 13:40,42,50; Marco 9:43-48; 2Tessalonicesi 1:9; Apocalisse 14:10-11; 20:10-15

Giovanni 8:44; Romani 9:22-23; 2Pietro 2:4; 1Giovanni 3:10; Giuda 6; Apocalisse 12:7-9

Riferimenti incrociati:

Matteo 25:41

Mat 25:33
Mat 7:23; Sal 6:8; 119:115; 139:19; Lu 13:27
De 27:15-26; 28:16-68; Sal 119:21; Ger 17:5; Ga 3:10-13; Eb 6:8
Mat 25:46; 3:12; 13:40,42,50; Mar 9:43-48; 2Te 1:9; Ap 14:10,11; 20:10-15
Giov 8:44; Rom 9:22,23; 2P 2:4; 1G 3:10; Giuda 1:6; Ap 12:7-9

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata