Nuova Riveduta:

Atti 9:15

Ma il Signore gli disse: «Va', perché egli è uno strumento che ho scelto per portare il mio nome davanti ai popoli, ai re, e ai figli d'Israele;

C.E.I.:

Atti 9:15

Ma il Signore disse: «Va', perché egli è per me uno strumento eletto per portare il mio nome dinanzi ai popoli, ai re e ai figli di Israele;

Nuova Diodati:

Atti 9:15

Ma il Signore gli disse: «Va', perché costui è uno strumento da me scelto per portare il mio nome davanti alle genti, ai re e ai figli d'Israele.

Bibbia della Gioia:

Atti 9:15

Ma il Signore disse: «Vai a fare ciò che t'ho detto. Perché Saulo è lo strumento che ho scelto, per portare il messaggio agli stranieri, ai re e al popolo d'Israele.

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Atti 9:15

Ma il Signore gli disse: Va', perché egli è uno strumento che ho eletto per portare il mio nome davanti ai Gentili, ed ai re, ed ai figliuoli d'Israele;

Diodati:

Atti 9:15

Ma il Signore gli disse: Va', perciocchè costui mi è un vaso eletto, da portare il mio nome davanti alle genti, ed ai re, ed a' figliuoli d'Israele.

Commentario:

Atti 9:15

Vaso eletto

Alla lettera: un vaso d'elezione, che è forma prettamente ebraica. La parola greca σκευος vuol dire istrumento e vaso. Quindi è che alcuni la traducono per istrumento scelto o eletto; altri, per vaso scelto o eletto. Cotesto primo modo di tradurre è più conforme alla nostra maniera di parlare; il secondo modo ha in suo favore quel "portare il mio nome" lontano che s'accorda bene con l'idea d'un vaso.

Alle genti;

ai gentili, cioè; i quali sono nominati i primi perché rappresentano quello che fra poco sarà il gran campo d'azione di Saulo, dell'apostolo dei gentili.

Ed ai re.

Vedi, per il compimento di queste parole: Atti 26 (Paolo dinnanzi ad Agrippa) e 2Timoteo 4:16 (Paolo (probabilmente) dinnanzi a Nerone).

Ed ai figliuoli d'Israele.

Difatti, ei cominciò subito a predicare ai "figliuoli d'Israele" Atti 9:20,22: e dovunque andava, annunziava l'Evangelo ai giudei prima di tutto; poi, ai gentili Atti 13:46; 28:17. Era regola costante. "Al giudeo imprima, poi anche al greco" Romani 1:16.

Riferimenti incrociati:

Atti 9:15

Eso 4:12-14; Ger 1:7; Gion 3:1,2
At 13:2; Ger 1:5; Giov 15:16; Rom 1:1; 9:21-24; Ga 1:1,15,16; 2Ti 1:11; 2:4,20,21; Ap 17:14
At 21:19; 22:21; 26:17-20; Rom 1:5,13-15; 11:13; 15:15-21; 1Co 15:10; Ga 2:7,8; Ef 3:7,8; Col 1:25-29; 1Ti 2:7
At 25:22-27; 26:1-11; 27:24; Mat 10:18; 2Ti 4:16,17
At 28:17-31


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto per ricercare la Bibbia
Ricerca avanzata

Indirizzo di questa pagina: http://www.laparola.net/testo.php?riferimento=atti+9%3A15&versioni[]=Nuova+Riveduta&versioni[]=C.E.I.&versioni[]=Nuova+Diodati&versioni[]=Bibbia+della+Gioia&versioni[]=Riveduta&versioni[]=Diodati&versioni[]=Commentario&versioni[]=Riferimenti+incrociati.