Nuova Riveduta:

Genesi 8:11

E la colomba tornò da lui verso sera; ed ecco, aveva nel becco una foglia fresca d'ulivo. Così Noè capì che le acque erano diminuite sopra la terra.

C.E.I.:

Genesi 8:11

e la colomba tornò a lui sul far della sera; ecco, essa aveva nel becco un ramoscello di ulivo. Noè comprese che le acque si erano ritirate dalla terra.

Nuova Diodati:

Genesi 8:11

E la colomba tornò a lui verso sera; ed ecco, essa aveva nel becco una foglia d'ulivo strappata di fresco; così Noè comprese che le acque si erano ritirate dalla terra.

Bibbia della Gioia:

Genesi 8:11

Non ci sono versetti che hanno questo riferimento.

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Genesi 8:11

E la colomba tornò a lui, verso sera; ed ecco, essa aveva nel becco una foglia fresca d'ulivo; onde Noè capì che le acque erano scemate sopra la terra.

Diodati:

Genesi 8:11

Ed in sul tempo del vespro, la colomba ritornò a lui; ed ecco, avea nel becco una fronde spiccata di un ulivo; onde Noè conobbe che le acque erano scemate d'in su la terra.

Commentario:

Genesi 8:11

4 Versi 4-12

L'arca approdò sulla montagna guidata dalla saggezza e dalla dolce provvidenza di Dio affinché i suoi abitanti si ristorassero il più presto possibile. Dio ha i suoi tempi e i suoi modi di ristorare dalla fatica il suo popolo e molte volte egli li rende stabili in maniera facile e opportuna senza che esso non faccia nulla e, per giunta, ben al di là delle sue previsioni. Dio informò Noè quando sarebbe cominciato il diluvio ma non gli rivelò come e quando sarebbe terminato. Conoscere l'inizio del diluvio era necessario per costruire l'arca, ma sapere la fine sarebbe servito solo ad appagare la curiosità. Il nasconderglielo avrebbe così esercitato la fede e la pazienza di Noè. Egli fece uscire un corvo dall'arca, affinché, in volo, potesse alimentarsi con le carcasse che galleggiavano. Noè inviò, quindi, una colomba ed essa non portò buone notizie la prima volta, ma la seconda volta portò una foglia di oliva nel suo becco in modo da mostrare che gli alberi da frutto cominciarono ad emergere dall'acqua. Noè inviò la colomba la seconda volta, sette giorni dopo la prima e una terza volta avvenne ancora dopo sette giorni, probabilmente in giorno di sabato. Avendo dato il sabato a quella sua piccola chiesa, questa ha atteso e ha chiesto in quel giorno le benedizioni speciali dal Cielo. La colomba è un simbolo di un'anima dolce che, non trovando pace in questo diluvio che contaminò il mondo, ritorna a Cristo come alla sua arca e al suo Noè per riposarsi. Il mondo contaminato ritorni a Cristo come alla sua arca, come al suo Noè per riposarsi. Il cuore carnale, simboleggiato dal corvo, si fa prendere dal mondo e si alimenta delle carogne che vi trova, ma torna al tuo riposo, anima mia, al tuo Noè, come dice la parola, Salmo 116:7. E come Noè mise fuori la sua mano e prese la colomba e la tirò dentro l'arca, così Cristo salverà, aiuterà e accoglierà quelli che vanno a Lui per trovare ristoro. (Ge 8:13-19)

Riferimenti incrociati:

Genesi 8:11

Ne 8:15; Zac 4:12-14; Rom 10:15


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto per ricercare la Bibbia
Ricerca avanzata

Indirizzo di questa pagina: http://www.laparola.net/testo.php?riferimento=genesi+8%3A11&versioni[]=Nuova+Riveduta&versioni[]=C.E.I.&versioni[]=Nuova+Diodati&versioni[]=Bibbia+della+Gioia&versioni[]=Riveduta&versioni[]=Diodati&versioni[]=Commentario&versioni[]=Riferimenti+incrociati.