Nuova Riveduta:

Levitico 16:7-8

7 Poi prenderà i due capri e li presenterà davanti al SIGNORE all'ingresso della tenda di convegno. 8 Aaronne tirerà a sorte per vedere quale dei due debba essere del SIGNORE e quale di Azazel.

C.E.I.:

Levitico 16:7-8

7 Poi prenderà i due capri e li farà stare davanti al Signore all'ingresso della tenda del convegno 8 e getterà le sorti per vedere quale dei due debba essere del Signore e quale di Azazel.

Nuova Diodati:

Levitico 16:7-8

7 Poi prenderà i due capri e li presenterà davanti all'Eterno all'ingresso della tenda di convegno. 8 Aaronne tirerà quindi a sorte i due capri: uno sarà destinato all'Eterno e l'altro per capro espiatorio.

Bibbia della Gioia:

Levitico 16:7-8

Non ci sono versetti che hanno questo riferimento.

La Parola è Vita
Copyright © 1981, 1994 di Biblica, Inc.®
Usato con permesso. Tutti i diritti riservati in tutto il mondo.

Riveduta:

Levitico 16:7-8

7 Poi prenderà i due capri, e li presenterà davanti all'Eterno all'ingresso della tenda di convegno. 8 E Aaronne trarrà le sorti per vedere qual de' due debba essere dell'Eterno e quale di Azazel.

Diodati:

Levitico 16:7-8

7 Appresso, prenda due becchi, e presentili nel cospetto del Signore, all'entrata del Tabernacolo della convenenza. 8 E tragga Aaronne le sorti sopra que' due becchi; una sorte per lo Signore, e un'altra per Azazel.

Commentario:

Levitico 16:7-8

Il grande giorno dell'espiazione. (1-14) I sacrifici, Il capro espiatorio. (15-34)

Versi 1-14 Senza entrare nei particolari dei sacrifici del grande giorno dell'espiazione, possiamo notare che fu una legge fatta per sempre, finché non arrivò la rivelazione. Finché pecchiamo continuamente, abbiamo bisogno continuamente dell'espiazione. La legge di affliggere le nostre anime a causa del peccato è una legge che durerà finché arriviamo laddove tutte le lacrime, anche quelle del pentimento, saranno asciugate dai nostri occhi. L'apostolo lo prende come esempio del fatto che i sacrifici non possono togliere il peccato né liberare la coscienza, infatti c'era ogni anno, nel giorno dell'espiazione, questo ricordo di peccati commessi, Ebrei 10:1,3. La ripetizione dei sacrifici dimostra che non c'era in essi nemmeno una minima possibilità di espiazione. Essa può essere fatta solo dal corpo offerto di Cristo una volta per tutte e quel sacrificio indispensabile non deve essere più ripetuto.

Riferimenti incrociati:

Levitico 16:7-8

7 Lev 1:3; 4:4; 12:6,7; Mat 16:21; Rom 12:1

8 Nu 26:55; 33:54; Gios 18:10,11; 1Sa 14:41,42; Prov 16:33; Ez 48:29; Gion 1:7; At 1:23-26


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto per ricercare la Bibbia
Ricerca avanzata

Indirizzo di questa pagina: http://www.laparola.net/testo.php?riferimento=levitico+16%3A7-8&versioni[]=Nuova+Riveduta&versioni[]=C.E.I.&versioni[]=Nuova+Diodati&versioni[]=Bibbia+della+Gioia&versioni[]=Riveduta&versioni[]=Diodati&versioni[]=Commentario&versioni[]=Riferimenti+incrociati.