Genesi 31

1 Capitolo 31

Schema del capitolo

Giacobbe parte segretamente.

(1-21)

Labano cerca Giacobbe.

(23-35)

La lamentela di Giacobbe per la condotta di Labano.

(36-42)

Il loro patto a Galed.

(43-55)

Versi 1-21

Gli affari di queste famiglie sono così dettagliatamente riportate mentre i grandi eventi degli stati e di regni di quel periodo non vengono citati. La Bibbia insegna alla gente i compiti quotidiani della vita: come servire Dio, come apprezzare le benedizioni che egli dà e come fare del bene nelle diverse circostanze della vita. Gli egoisti si considerano derubati di tutto quello che non possono ottenere e l'egoismo vuole impedire anche gli affetti naturali. Sopravvalutare le ricchezze terrene è quell'errore che nutre la radice dell'egoismo, dell'invidia e di ogni male. Gli uomini del mondo ricercano le strade l'uno dell'altro e sembra che questo tolga ad ognuno la pace, provocando scontentezza, invidia e disaccordo. Ma ci sono possessi che sono sufficienti in tutto e felici coloro che le cercano prima di tutto. In tutte le nostre rinunce dovremmo avere rispetto del comando e della promessa di Dio. Se Egli è con noi, non abbiamo bisogno di temere. I pericoli che ci circondano sono così tanti, che niente più può realmente scoraggiate i nostri cuori. Ricordare i tempi benedetti della comunione con Dio è molto confortante quando siamo in difficoltà e dobbiamo pure ricordare spesso i nostri voti che non abbiamo adempiuto.

22 Versi 22-35

Dio può mettere una briglia nella bocca degli uomini malvagi, trattenendo la loro malizia anche se non cambia i loro cuori. Sebbene essi non hanno alcun amore per il popolo di Dio, lo fingeranno e proveranno a fare di necessità virtù. Oh sciocco Labano! Chiamare quelle cose che potevano essere rubate i suoi dei! I nemici possono rubare i nostri beni ma non il nostro Dio. Labano lascia qui delle cose a Giacobbe di cui egli non sapeva. Quelli che rimettono la loro causa a Dio devono supplicarlo essi stessi con umiltà e timore. Quando leggiamo di Rachele che ruba le immagini di suo padre, che ingiustizia vediamo! La famiglia di Nahor che lasciò i Caldei idolatri, questa famiglia stessa, è divenuta idolatra? Si. La verità sembra essere che essi erano simili a quelli che giuravano per il Signore e per Malcam, Zac. 1:5, e similmente ai nostri tempi, ci sono coloro che desiderano servire sia Dio che mammona. Le grandi folle riconoscono il Dio vero a parole ma i loro cuori e le loro case sono le dimore dell'idolatria spirituale. Quando un uomo si da all'egoismo, come Labano, il mondo è il suo dio ed egli può solo stare con altri grandi idolatri per diventare uno di loro o almeno uno dei migliori nel compiere lo stesso male.

36 Versi 36-42

Se Giacobbe venne consumato volontariamente dal calore di giorno e dal gelo di notte per diventare il genero di Labano, come potremmo rifiutarci per diventare figli di Dio? Giacobbe parla di Dio come il Dio di suo padre, ritenendosi indegno, ma venne da Lui amato a motivo di suo padre. Egli lo chiama il Dio di Abraamo e il terrore di Isacco, in quanto Abraamo era morto e andò in quel mondo dove l'amore perfetto caccia via la paura, ma Isacco era ancora vivo, santificando il Signore nel suo cuore, come suo timore e terrore.

43 Versi 43-55

Labano non poteva né giustificare né condannare Giacobbe, perciò non volle sentire più parlare di quell'argomento. Egli non è disposto a ricevere critiche per quel che ha fatto. Ma propone un patto di amicizia tra loro, a cui Giacobbe concorda prontamente. Una pila di pietre fu innalzata per tenere memoria dell'evento essendo la scrittura sconosciuta o poco utilizzata. Si celebrò un sacrificio di offerta di pace. La pace con Dio mette vero conforto anche nella pace con i nostri amici. Essi mangiarono del pane insieme, prendendo insieme parte alla festa del sacrificio. Nei tempi antichi i patti di amicizia erano approvati dalle parti che mangiavano e bevevano insieme. Dio è giudice tra le parti ed egli giudica giustamente e chiunque fa un torto, lo fa a suo rischio e pericolo. Essi hanno dato un nuovo nome al posto: La pila della testimonianza. Dopo tanto nervosismo diventano alla fine amici. Dio è spesso Colui che elimina le nostre paure e cambia gli spiriti degli uomini in nostro favore, ben al di là di quanto avremmo potuto attenderci; pertanto non è vano avere fede in lui.

Dimensione testo:


Visualizzare un brano della Bibbia

Aiuto Aiuto per visualizzare la Bibbia

Ricercare nella Bibbia

Aiuto Aiuto per ricercare la Bibbia

Ricerca avanzata